Archivio per il tag 'stile di vita'

Come vincere la nostra pigrizia

Sono passati 19 anni da questa intervista sulla sedentarietà ma direi che i consigli suggeriti per diventare più attivi sono ancora validi.

 

Semplici linee guida per uno stile di vita attivo fra i giovani

Stile di vita e demenza

Lo stile di vita è responsabile fino al 76% delle variazioni di invecchiamento del nostro cervello secondo “Age UK e ci sono 5 azioni che le persone possono intraprendere per mantenere la salute del cervello e ridurre il rischio di sviluppare la demenza.

La rassegna degli studi accademici e dei dati rivela che circa il 76% del declino cognitivo – cambiamenti nella capacità di pensiero con l’età, tra cui la perdita di memoria e la velocità del pensiero – si spiega con lo stile di vita e altri fattori ambientali, tra cui il livello di istruzione.

La scoperta viene da The Disconnected Mind, un progetto di ricerca finanziato da Age UK che ha indagato su come le capacità di pensiero si alterano con l’età … suggerisce che vi è una notevole possibilità di influenzare questi cambiamenti.

Inoltre, la rassegna di Age UK, che comprende i più recenti studi internazionali sulla demenza, indica che alcuni fattori di stile di vita – regolare esercizio fisico, una dieta mediterranea, non fumare e bere alcolici con moderazione – diminuiscono il rischio di sviluppare il morbo di Alzheimer e altre forme di demenza. Inoltre, la prevenzione e il trattamento del diabete, dell’ipertensione e dell’obesità riducono il rischio di demenza.

L’esercizio è il ‘modo più efficace’ per prevenire il declino cognitivo

Un ampio studio britannico condotto su un periodo di 30 anni ha evidenziato che gli uomini di età compresa tra i 45 e i 59 che hanno seguito 4-5 dei fattori di stile di vita individuati sono risultati avere un rischio più basso del 36% di sviluppare il declino cognitivo e un rischio inferiore del 36% di sviluppare demenza rispetto a quelli che non l’hanno fatto.

Age UK ha anche rilevato che l’esercizio fisico – attività aerobica, resistenza o equilibrio – è stato il modo più efficace per scongiurare il declino cognitivo nelle persone anziane sane e per ridurre il rischio di sviluppare la malattia di Alzheimer. Gli studi suggeriscono che per produrre effetti benefici è necessario esercitarsi da 3 a 5 volte alla settimana per un tempo da 30 minuti a un’ora.

Significativamente più casi di Alzheimer tra i fumatori

La rassegna ha anche mostrato che una dieta sana, un consumo moderato di alcol e non fumare hanno un ruolo nel garantire un sano invecchiamento del cervello e ridurre il rischio di sviluppare la demenza.

Si è riscontrato che ci sono molti più nuovi casi di Alzheimer tra i fumatori rispetto a quelli che non hanno mai fumato.

La rassegna ha anche messo in evidenza che l’elevato consumo di alcool è correlato allo sviluppo della demenza, con conseguente perdita di tessuto cerebrale in particolare nelle parti del cervello responsabili della memoria e dell’elaborazione e interpretazione delle informazioni visive.

Livelli moderati di alcool, tuttavia, proteggono il tessuto cerebrale, aumentando il colesterolo buono e abbassando il colesterolo cattivo.

Secondo le ultime stime, ci sono 850.000 persone nel Regno Unito affette da demenza. Colpirà una persona su tre di età superiore ai 65 anni.

‘Ci sono modi semplici ed efficaci per ridurre il nostro rischio’

Age UK spera che queste nuove prove spingeranno le persone a fare le modifiche che aiuteranno a ridurre il rischio di sviluppare la demenza.

Caroline Abrahams, Charity Director di Age UK ha detto: ‘Mentre non c’è ancora una cura o un modo per invertire la demenza, questa ricerca dimostra che ci sono modi semplici ed efficaci per ridurre il nostro rischio di svilupparla.

‘Di più, è già stato dimostrato che i cambiamenti che dobbiamo fare per mantenere il nostro cervello sano sono anche utili  per il cuore e la salute generale, quindi è una questione di buon senso per tutti noi cercare di inserirli nella nostra vita. Prima iniziamo,  maggiore è la probabilità di costruirci una vita sana negli anni a venire”.

(From Age UK)

Nuovi ambiti del mental coaching

La componente  mentale dello sport non riguarda come di solito si crede solo l’allenamento tecnico o tattico. Questo aspetto ne è solo una parte anche se importante. Direi che il primo aspetto del mental coaching riguarda le regole della vita quotidiana di un atleta e quindi il suo stile di vita quotidiano. Alimentazione, sonno, amici e famiglia sono un aspetto significativo del successo. In molti sport, ad esempio, il controllo del peso è un aspetto essenziale alla base delle prestazioni e vivere in modo consapevole e positivo questa necessità favorisce il benessere dell’atleta. Una ricerca condotta dal Comitato Olimpico degli Stati Uniti ha evidenziato che famiglia e amici sono necessari al successo poiché forniscono sostegno economico, incoraggiamento e stabilità emotiva. Il secondo aspetto si riferisce alla componente mentale della preparazione fisica. Sentirsi in forma e pronti ad affrontare qualsiasi situazione atletica della propria prestazione è parte essenziale della fiducia in se stessi e viceversa. Infatti, la motivazione e la capacità mentale di resistere con efficacia alla fatica fisica e all’intensità dell’allenamento favoriscono la qualità delle sessioni di allenamento. Inoltre in molti sport si devono sviluppare delle abilità che prescindono dalle altre competenze tecniche e che sono però decisive per determinare il risultato. Penso al servizio nella pallavolo e nel tennis, ai tiri liberi nella pallacanestro, alle punizioni e rigori nel calcio, ai calci negli sport motoristici o nella vela. Queste situazioni vanno allenate mentalmente con accuratezza.

Lo sport come stile di vita in Europa

Il 15 novembre a Firenze, presso il Palagio di Parte Guelfa, si tiene il Convegno “Lo sport come stile di vita in Europa”, evento promosso dall’Agenzia Nazionale per i Giovani. Nell’occasione esperti italiani, europei e mondiali, sportivi e decisori politici si confrontano sui temi legati alla pratica dell’attività sportiva in termini di promozione di stili di vita sani. Un percorso che toccherà temi medico-scientifici, approfondendo il ruolo dello sport per la prevenzione e la cura di numerose patologie; urbanistico-architettonici, con un focus sul ridisegno delle Città in funzione della pratica dello sport all’aria aperta e a “chilometro zero”; giuridico-amministrativi, sondando le nuove normative, e confrontandole con quelle europee, che favoriscono la nascita e la gestione delle associazioni sportive.

Informazioni: Agenzia Nazionale Giovani

Lo stile di vita attivo al World Master Games

Impariamo da Rune Haraldson (nella foto), Don Grenville e Michiko Hamuro rispettivamente di 95, 90 e 94 anni, atleti ai World Masters Games di Torino ad avere uno stile di vita attivo e a non lasciarsi dominare dall’idea di essere ormai vecchi per “queste cose”. Dobbiamo prendere il loro ottimismo e cominciare a credere che anche per noi è possibile. C’è uno sport per tutte le età, a cominciare del semplice camminare, e questi atleti devono servirci d’ispirazione.

World Master Games è l'ora dei novantenni

L’aria interna non è salutare: stiamo troppo al chiuso

“La qualità dell’aria interna” si riferisce alla qualità dell’aria in una casa, a scuola, in ufficio, o altro ambiente dell’edificio. La maggior parte delle sostanze inquinanti che influenzano la qualità dell’aria indoor provengono da fonti all’interno degli edifici, anche se alcuni provengono da fuori. Inquinanti tipici sonoi prodotti di combustione come il monossido di carbonio, particolato e fumo di tabacco, sostanze di origine naturale come il radon; agenti biologici quali muffe, i pesticidi, piombo, amianto, ozono (da alcuni depuratori d’aria), e vari composti organici volatili provenienti da una varietà di prodotti e materiali. Le concentrazioni di alcuni inquinanti sono aumentate negli ultimi decenni a causa di fattori quali la costruzione di edifici a basso consumo energetico e maggiore utilizzo di materiali sintetici da costruzione, arredamento, prodotti per la cura personale, pesticidi e detergenti per la casa.

Negli Stati Uniti il potenziale impatto della qualità dell’aria sulla salute umana a livello nazionale è notevole, per diversi motivi. Gli americani, in media, spendono circa il 90 per cento del loro tempo al chiuso, dove le concentrazioni di alcuni inquinanti sono spesso da 2 a 5 volte superiore rispetto alle concentrazioni tipiche dell’ambiente esterno. Inoltre, le persone che sono spesso più sensibili agli effetti negativi dell’inquinamento (ad esempio, i giovanissimi, gli anziani, le persone con malattie cardiovascolari o respiratorie) tendono a spendere anche più tempo in casa. Effetti sulla salute che sono stati associati con le sostanze inquinanti dell’aria indoor comprendono irritazione degli occhi, del naso e della gola, mal di testa, vertigini e stanchezza, malattie respiratorie, malattie cardiache e il cancro.

Da: United States Environmental Protection agency

Per i politici lo sport non di attualità

Aumentare almeno del 10% il numero di persone che conducono uno stile di vita fisicamente attivo dovrebbe essere parte integrante di qualsiasi progetto di governo, quando ne parleremo anche noi?

Leggi l’articolo su: http://www.huffingtonpost.it/alberto-cei/per-i-politici-lo-sport-n_b_2245751.html?utm_hp_ref=italy

Benefici e eccessi dello sport

“Benefici ed eccessi dell’attività sportiva. Si completa il progetto “ComunicAnimare la salute”, realizzato da Humanitas Gavazzeni e incentrato su corretti stili di vita rivolto ai i più giovani e realizzato in collaborazione con Asl, Ufficio Scolastico Provinciale e CSI di Bergamo.

Stress e sedentarietà. Due modi estremi e perfino pericolosi di intendere e vivere l’attività fisica sono i temi portanti dei nuovi cartoons di“ComunicAnimare la salute”, il progetto realizzato da Humanitas Gavazzeni e lo Studio Bozzetto & Co incentrato sui corretti stili di vita per i più giovani.

I cartoons – visibili su YouTube  e sul sito di Humanitas Gavazzeni sono stati presentati in anteprima al convegno “Per uno sport sicuro e salutare” organizzato da Asl di Bergamo e svoltosi nell’Aula magna della Facoltà di Ingegneria a Dalmine (Bg).”

(da http://www.humanitasalute.it/sport-e-allenamento/5812-se-ami-lo-sport-non-esagerare)

http://www.youtube.com/watch?v=_FxI9ONr_u4&feature=channel&list=UL

http://www.youtube.com/watch?v=LbGR-e29Z4g&feature=channel&list=UL

 

Stili di vita e dieta

Il rapporto di Malik Falkenmark e dei suoi colleghi dello Stockholm International Water Institute dimostra che le riserve di cibo sono in costante diminuzione mentre la popolazione mondiale continua ad aumentare: http://www.iwmi.cgiar.org/SWW2012/.  Dobbiamo quindi cambiare dieta diventando vegetariani perchè come sintetizza Umberto Veronesi: “Non possiamo più usare metà dei cereali e tre quarti dell’acqua della soia prodotti nel mondo per sostenere la crescita degli animali da pascolo mentre un pezzo dell’umanità muore di fame”.  Sono infatti 900 milioni le persone affamate e e 2 miliardi quelle malnutrite. Inoltre problemi cardiovascolari, obesità già nell’infanzia e diabete sono determinate in larga parte da questa dieta che consiste in troppo cibo. E’ chiaro che per noi occidentali spesso sedentari e sovralimentati, accanto al cambiamento radicale del regime alimentare dobbiamo associare l’attività fisica e relazioni sociali positive. Certamente anche i geni di cui siamo provvisti ci danno una mano ma uno stile di vita basato sulla soddisfazione di questi tre aspetti ci consentirà di condurre una vita sana e positiva il più a lungo possibile.