Archivio per la categoria 'Giovani'

In che modo il tipo di sport praticato influenza l’ansia?

Whiteley, G. E. (2013). How trait and state anxiety influence athletic performance. (Doctoral dissertation). Department of Psychology, Ohio, Wittenberg University. 

Alcune ricerche hanno suggerito che i partecipanti agli sport di squadra sono più ansiosi, dipendenti ed estroversi dei singoli atleti sportivi (Martens, Vealey, & Burton, 1990). Inoltre, i singoli atleti sono stati identificati come meno attenti e più sensibili e creativi dei partecipanti agli sport di squadra (Cox, 2007). Al contrario, Nicholls, Polman e Levy (2010) hanno esaminato diversi atleti con diversi livelli di esperienza che hanno partecipato a una serie di sport diversi e hanno scoperto che gli atleti di sport individuali hanno mostrato una minore fiducia in se stessi e livelli di ansia somatica più elevati rispetto agli atleti di squadra.
Spesso gli sport come l’atletica leggera, il golf e il nuoto sono percepiti solo come sport individuali, mentre sport come il calcio, il calcio e il basket sono visti esclusivamente come sport di squadra. Tuttavia, la ricerca non è riuscita a fornire una definizione accurata della distinzione tra sport individuali e di squadra. Ad esempio, un atleta di atletica leggera potrebbe essere preoccupato di ottenere buone prestazioni perché il suo punteggio influisce sulla squadra, piuttosto che voler migliorare le proprie statistiche personali. Allo stesso modo, un giocatore di calcio potrebbe desiderare di ottenere buone prestazioni per impressionare gli amici, i genitori o gli allenatori, piuttosto che contribuire allo sforzo di squadra. In sostanza, l’orientamento verso la squadra di un atleta dipende da come definisce la sua partecipazione allo sport.

Sai osservare?

Tutti guardano, 

alcuni osservano l’azione,

pochi ne osservano la preparazione

E TU?

Recensione libro: Les champions et leurs émotions

Hubert Ripoll

Les champions et leurs émotions: Comprendre la maîtrise de soi 

Editions Payot & Rivages, Paris, 2019.

Spesso mi viene chiesto – soprattutto dai giornalisti – cosa penso sia meglio per descrivere un campione. All’inizio questa domanda mi lasciava piuttosto impotente, perché non riuscivo a trovare una spiegazione soddisfacente. Poiché il successo sportivo è multifattoriale, dire che diventare campione è il risultato della soluzione di un’equazione multifattoriale, e che questi fattori interagenti – non si può isolare nessuno di essi – non hanno soddisfatto coloro che, in generale, sognano di contenere in un unico titolo ciò che si è voluto dimostrare in una vita di ricerca. Non so in quali circostanze queste poche parole mi siano trapelate tra le labbra: “Resisti per continuare”. “Questo non sembrava esagerato, né da razzista, ma ovvio. È questa testardaggine da sopportare che è il comune denominatore di tutti i campioni che ho incontrato e che riflette al meglio il loro lungo viaggio verso l’Olimpo. Qualche tempo dopo, ho completato l’espressione con: “E forse riuscire”, nel senso che l’esito del viaggio non è mai garantito a chi lo intraprende, e che il successo dipende più dal percorso che lo conduce che dalla volontà deliberata di raggiungerlo. Così ho proposto la dichiarazione “Resistere per continuare e forse avere successo” e ho chiesto commenti in merito. Le parole dei campioni fluivano liberamente.

“Resistere per continuare e forse avere successo”: mi piace. Perché è difficile. È difficile ogni giorno prendere un pugno in faccia, e quando hai perso, è un’immensa solitudine che senti la notte nella tua stanza. E nessuno può capire quello che si prova. È difficile indossarla tutti i giorni, sentirsi spezzati, rimettersi la maschera, ancora coperti di sudore della notte precedente. Quando ho sofferto così perché ho giocato con i miei limiti, quando mi sono trovato a sopportare quanto avrei potuto immaginare dopo vent’anni di scherma… ho sopportato! Ho sorpreso me stesso! Mi sono sorpreso da solo! Fantastico! E in gara, la vittoria dopo la sconfitta ha un sapore ancora migliore. “Hai visto come stavi ieri sera, è stata dura questa solitudine, impossibile addormentarsi dopo aver fatto di nuovo la partita, hai visto come sei stasera! Ieri piangevi a letto e ora ridi”. Sì! Proprio così! Sopportare per resistere, per far scoppiare il tappo dello champagne. “(Cecilia Berder)

“Resistere per continuare e forse avere successo”: questo potrebbe valere per la mia carriera, perché a guardarla, le mie vittorie sono arrivate molto tardi. Ho dovuto sopportare. Ho avuto non so quanti fallimenti e ho dovuto lavorare molto. Sì, ho dovuto sopportare per durare. ” (Siraba Dembélé)

“Resistere per continuare e forse riuscire”: non lasciarsi abbattere e lottare in tutti i momenti difficili di una carriera fatta di infortuni e sconfitte, ma sempre per alzarsi e toccare finalmente il proprio obiettivo. Il sapore della vittoria viene anche dal superamento di quei momenti difficili. Ho dovuto sopportare i carichi di allenamento, le partite… Ho capito subito che il successo non arriva senza allenamento. Questa era la visione di mio padre… sempre ad allenarsi, sempre a lavorare sodo. Mi sono allenato più di tutti gli altri. Resistere a sopportare era in formazione. Ho provato il piacere della sofferenza. “(Nikola Karabatic)

La sofferenza e il piacere non sono antinomici per uno sportivo destinato al massimo livello, perché fanno parte della sua vita quotidiana. C’è una forma di sofferenza nella formazione e un immenso piacere nel farlo. Quando si tocca il Graal, la sofferenza peggiore è solo il ricordo della determinazione con cui si è dovuto realizzare il proprio sogno, e la vittoria deposita un balsamo sulla sofferenza sopportata che la trasforma in un dolore squisito.

La vita di un atleta di alto livello è molto più difficile di quanto si possa immaginare. Chi cerca di soddisfare il proprio ego è in difficoltà, perché questa soddisfazione non sempre c’è e quando crede di averla, i suoi effetti sono effimeri. Sopportare è necessario perché la consacrazione è sempre alla fine della strada e sopportare è ovvio perché la strada è disseminata di insidie. Per quanto riguarda il “forse”, significa che il percorso è importante quanto il risultato e che nulla è meno sicuro che conoscerne la fine.

Ma come resistere, tanto la strada è favorevole allo scoraggiamento? Ci vuole una combinazione di immaginazione per risvegliare il desiderio, di emozione per sostenerlo e di razionalità per guidare la carrozza in sicurezza. Ma questi tre fattori sono difficili da conciliare per chi non è equilibrato. La pura immaginazione porta all’”irrealtà” e allo smarrimento. L’assoluto da solo conduce al rigore e all’ascetismo da cui sono assenti il piacere del fare e il godimento delle sensazioni. Pura razionalità vincolata in schemi concordati. La congiunzione dei tre fattori costituisce l’equazione vincente.

Questo è ciò che ci dicono questi campioni.

“Resistere per continuare e forse riuscire”: Resistere, sì, perché ci sono passaggi difficili. Sono sempre stato libero di fare le mie scelte e non mi sembra di aver fatto i sacrifici che accompagnano l’idea di durare. Sono stato guidato dalla passione e dalla ricerca dell’eccellenza. Se uno è nel sacrificio, il “forse riuscire” è troppo pesante da portare, perché il significato si basa solo sul successo. Ci troviamo in una logica di ritorno dell’investimento nel D-Day. ” (Stéphane Diagana)

“Resistere per continuare e forse avere successo” è una buona definizione di sport in generale. C’è una nozione di sacrificio e di periodi che sono difficili, come l’avere 20 anni, essere totalmente scollegati dalla gioventù e non sapere cosa succederà. Ma scegliendo il tuo percorso. Essere liberi nonostante tutto e mantenere quella libertà. Non è sempre facile perché la realtà si impone e bisogna tenere i piedi per terra, ma bisogna tracciare il proprio percorso, rendere la vita più personale, andare verso ciò che si ama. Gli elementi mi hanno reso saggio, mi hanno calmato, bisogna rispettarli se si vuole durare e durare ancora. ” (Aurélien Ducroz

“Resistere per continuare e forse riuscire”: è ovvio, per arrivare e rimanere al massimo livello. Ho sempre avuto obiettivi sempre più alti, e quando sono stata la prima, e non potevo sognare di fare meglio, ho sognato di essere ancora più forte di quella che ero stata. All’inizio della mia carriera sono stato spesso escluso da un tedesco che mi guardava dall’alto in basso perché ero il più giovane. Non ho mai smesso di volerlo battere e quella rivalità mi ha permesso di superare me stesso. Per sopportare questo, avevo bisogno di obiettivi. Non per avere successo, forse, ma per avere successo di sicuro. “(Damien Seguin)

Quando un atleta è in difficoltà e il suo motore sembra stanco, o quando le emozioni negative lo portano a scendere una brutta china, è necessario capire perché il meccanismo “resisti per durare” non funziona più, per poi ricollegarlo alla sua immaginazione e ai suoi valori. Una volta fatto questo, la strada verso l’assoluto diventa più chiara e la strada è sgombra.

Per durare nel tempo bisogna prendersi il proprio tempo, e se l’obiettivo primario non è quello di essere un campione, se lo si può permettere. Questo atteggiamento ci permette di assaporare il momento presente per il suo piacere e la sua emozione; una forma di filosofia di vita empirica che consiste nel vivere il presente qui e ora senza rimpiangere il passato o bruciare per conoscere il futuro.

“Diventare il numero uno troppo presto è un grande calvario. Cosa sarebbe successo se avessi vinto la prima finale? Avrei potuto pensare di aver raggiunto il mio obiettivo. Una benedizione sotto mentite spoglie, forse. Mi ha segnato per tutta la vita. “(Grégory Gaultier)

“Non avevo intenzione di diventare il numero uno, in primo luogo. E’ stato fatto gradualmente, passo dopo passo. Il mio obiettivo era quello di sfruttare ogni esperienza per essere migliore di prima. Questo è l’atteggiamento che mi ha portato alla vittoria e poi ai titoli. “(Mathieu Baumel)

“Non ho pensato di diventare un campione. Non ho calcolato nulla, ho solo colto le opportunità. Non mi sono mai posto un altro obiettivo se non quello di salire il gradino che mi stava davanti e lavorare per raggiungerlo. ” (Siraba Dembélé)

“I miei progressi sono stati abbastanza costanti e non mi è sembrato molto tempo. Probabilmente perché i Giochi non erano un sogno d’infanzia. Il mio corso si è costruito nel tempo, e ho fatto dei passi senza avere l’ambizione o il sogno infantile di essere un campione. Ho iniziato a sognare i Giochi Olimpici quando sono entrato nella squadra francese nel 2006, quando ho preso la mia prima quota per i Giochi. “(Charline Picon)

“I miei progressi sono stati costanti, nonostante i piccoli difetti e le piccole ferite. Ho appena avuto un arresto da giovane, a causa di un problema di crescita. Questa progressione regolare e naturale è stata un’occasione, mi ha aiutato. Non ricordo di aver voluto diventare campione di sci. Anche se mia madre mi dice che all’età di 7 anni gliel’ho detto. Ma non me lo ricordo. Ogni passo mi ha aiutato ad andare avanti in questo modo, ma come logica continuazione. Non ho calcolato la mia carriera, sono andato avanti senza proiettarmi, fino a quando mi sono ritrovato all’inizio di un Mondiale. E anche allora non me ne rendevo conto. E’ stato quando ho vinto alcune gare nazionali che, non potendo andare più in alto, ho iniziato a voler diventare un campione. È stato allora che ho sentito la pressione. “(Tessa Worley)

I campioni dello sport sono in un’insaziabile ricerca di progresso. Qual è il significato di questa ricerca? È solo perché il progresso si sta avvicinando all’obiettivo? Non solo. Altrimenti conterebbe solo il risultato. È necessario ma non sufficiente. Il progresso è fonte di realizzazione e l’approccio è interiore, permette di avvicinarsi ai propri limiti, e poiché questi limiti sono indefinibili, il progresso permette di tendere verso l’assoluto che prende la sua fonte nell’immaginazione.

Il progresso, il desiderio e il piacere sono collegati. Senza progresso, il desiderio e il piacere svaniscono.

Se tutto è soggettivo, i valori si perdono

Intervista a Giuseppe De Rita su Repubblica.it

E allora? Da dove nascono questi comportamenti così violenti e così diffusi?« Sono frutto di una cultura collettiva, a cui non è di certo estranea la borghesia, che esalta la parte competitiva di ciascuno di noi. Sono figli di una grande ondata di soggettivismo che, se non è retta dall’etica, arriva a produrre questa realtà. Abbiamo insegnato ai nostri figli che bisogna emergere, primeggiare, c’è chi può farlo andando a formarsi alla Bocconi, facendo tirocini in aziende di nome. E chi, invece, prova a emergere nella sua comunità con quello che ha: le arti marziali, i muscoli, la voce grossa, quello che serve a superare gli altri. Niente di nuovo: chi ha meno cultura si esprime così, si affida alla fisicità per apparire, per emergere».

Insomma un desolante deserto antropologico. «È la soggettività il vero male di questi ultimi 50 anni. Se tutto diventa soggettivo, soggettiva è anche l’etica e la ricerca della libertà da tutto e a tutti i costi. È così tra i giovani che fanno a pugni o stuprano per emergere come nel mondo dell’economia: se riconosciamo che la soggettività personale vince su tutto, allora si capisce facilmente come si arriva a Colleferro».

11/09 2001 #NeverForget

Oggi ricordiamo e onoriamo le vite perse l’11 settembre 2001 e rendiamo omaggio al sacrificio di così tanti eroi.

#NeverForget

Cos’è l’ansia di tratto competitiva

L’ansia di tratto competitiva è la tendenza a percepire le situazioni competitive come minaccianti e a rispondere a queste situazioni con sentimenti di timore e di tensione. Il modello di Martens comprende quattro elementi.

Situazione competitiva oggettiva, rappresenta le richieste effettive poste dal contesto e comprende: la rilevanza della competizione, le caratteristiche degli avversari, la difficoltà del compito, le condizioni di gara, i rinforzi estrinseci e la presenza durante la competizione di persone significative per l’atleta. Queste richieste ambientali determinano cosa un atleta deve fare per ottenere un risultato per lui positivo.

Situazione competitiva soggettiva e pone l’accento su come l’atleta percepisce, accetta e valuta la situazione oggettiva di gara. Tale aspetto risulta mediato dall’insieme delle caratteristiche psicologiche individuali. Secondo Martens questa dimensione di percezione soggettiva della situazione agonistica, che si riferisce a processi psicologici individuali, può essere identificata attraverso la valutazione del livello di ansia di tratto competitiva, che costituisce un parametro essenziale per valutare la tendenza dell’atleta a percepire come minacciante la situazione competitiva oggettiva.

Reazioni individuali alla competizione che sono di tre tipi: reazioni comportamentali, ad esempio prestazione adeguata al proprio livello di abilità; reazioni fisiologiche, modificazioni più o meno adeguate alle richieste competitive; e reazioni psicologiche, variazioni nei livelli di ansia di stato o di percezione di competenza.

Le conseguenze della prestazione, che nello sport sono associate al risultato ottenuto dall’atleta in una gara. Generalmente le conseguenze sono positive in caso di vittoria e negative in caso di sconfitta e la conoscenza della storia sportiva del soggetto in relazione ai suoi suc- cessi/insuccessi è utile nel determinare come un atleta si avvicinerà ai successivi impegni agonistici.

 

La motivazione a iniziare la nuova stagione sportiva

In molti sport questo momento dell’anno è di solito un periodo di ripresa dell’attività, mi riferisco agli sport di squadra come il calcio, basket e volley e a molti sport individuali. Ciò accade anche quest’anno con una variante, che in diverse discipline è da febbraio che non si gareggia oppure si è gareggiato ma solo in competizioni svolte in Italia, spesso prive dell’appeal del confronto con gli atleti migliori. Non è facile quindi riprendere ad allenarsi, quando non si è fatto altro da mesi o si sta gareggiando in competizioni che sino a pochi mesi fa gli atleti di livello assoluto consideravano del tutto secondarie.

In questi giorni ho parlato con atleti che vivono in prima persona questa situazione e il loro allenamento e la loro stessa vita quotidiana soffrono di questa situazione. E’ in questi momenti che tutti ci accorgiamo dell’importanza delle competizioni. Non solo perchè rappresentano la prova in cui dimostrare il proprio valore di atleta, ma soprattutto la loro assenza determina una disaffezione dall’allenamento, dal desiderio di correggersi. Parliamo di atleti che si allenano circa 1.400 ore l’anno. Questo impegno è finalizzato a fornire prestazioni al proprio meglio ma se mancano le occasioni, non è così semplice trovare la motivazione tutti i giorni dentro se stessi.

Il lavoro con lo psicologo dello sport può essere molto utile per sostenere l’atleta in questo suo impegno e nello stabilire obiettivi e sistemi di valutazione all’interno dei cicli di ‘allenamento che gli consentono di mantenere elevata la qualità e l’intensità dell’allenamento.

Banchi in palestra: la fine dello sport

Si sta affermando l’idea che le palestre non saranno a disposizione delle associazioni sportive perché diventeranno delle aule e per problemi di sanificazione. Questo vuol dire uccidere le società sportive dilettantistiche, creare disoccupazione e impedire la pratica sportiva dei giovani. Comporta anche la riduzione del benessere e della salute di tutti, atleti e operatori dello sport. Infatti, le società sportive si aggiudicano l’uso delle palestre e la quasi totalità dello sport giovanile e amatoriale che si svolge al coperto, a eccezione del nuoto, è all’interno della palestre delle scuole. Se questi spazi diventeranno delle aule o se i costi della loro sanificazione quotidiana saranno eccessivi un pezzo importante del mondo sportivo italiano avrà perso il luogo dove allenarsi e gareggiare.

Molti amministratori pubblici hanno fatto dichiarazioni in tal senso, con la scusante di non poter garantire la salute all’interno delle scuole. Queste dichiarazioni confermano ancora una volta la superficialità di chi, invece, dovrebbe fornire soluzioni che non discriminino un’attività (lo sport) rispetto alle altre. E’ chiaro nella loro mentalità che lo sport è un’attività non significativa sia dal punto di vista professionale (i lavoratori del settore) che di chi la pratica (gli atleti). Proprio perché se ne può fare a meno non si pensa concretamente a soluzioni e a circa due settimane dall’inizio dell’anno scolastico si cerca una soluzione alla carenza di aule nell’uso delle palestre. Lo sport giovanile non ha mai suscitato grande interesse fra i nostri politici e il Covid-19 mette in luce che questa concezione continua a essere ben consolidata e diffusa. Vivere una situazione di emergenza come quella attuale nonché i problemi creati dal distanziamento fisico e dall’uso di mascherina e dalla mancanza di spazi nelle scuole non giustifica comunque un approccio così poco curante nei confronti dello sport. Lo sport è necessario per il benessere dei giovani così come imparare la matematica e l’italiano, quindi questo approccio non ha alcuna ragione di esistere e di essere proposto da chi svolge una funzione pubblica. La questione della scuola va risolta ma senza lasciare indietro nessuna attività tra quelle svolte all’interno degli istituti. Non ho letto dichiarazioni che sottolineano un senso di comunità tra chi lavora all’interno delle scuole ma solo affermazioni categoriche, in cui si dice che le palestre non saranno più disponibili per far praticare sport alle varie associazioni perché diventeranno aule.

Siamo abituati a trovare soluzioni all’ultimo momento e non programmate in anticipo, mi auguro che questa sia una di quelle situazioni in cui ciò potrà avvenire. Sono convinto che in condizione di emergenza anche le soluzioni devono essere meno stereotipate come lo sono quelle di occupare le palestre e le biblioteche scolastiche. Mi sono sempre chiesto perché non si usano le caserme come aule, o perché non si posso fare lezioni al pomeriggio certamente trovando le risorse economiche necessarie o assumendo nuovi insegnanti a tempo determinato.  Non è mio compito trovare soluzioni, ho voluto evidenziare un problema di cui sento parlare quotidianamente da chi lavora nello sport ma di cui non ho trovato proposte da chi ha il compito di consentire lo svolgimento dell’anno scolastico in modo regolare e l’utilizzo degli spazi scolastici senza escludere nessuno.

Idee per il nuovo anno sportivo

Ho ripreso lo scorso sabato l’attività di quella che considero la nuova stagione sportiva. Sono partito con tennis, tiro a volo, pallamano, la revisione di un articolo sull’insegnamento del calcio  ai bambini con autismo e la lettura di una decina di progetti tesi in fase di realizzazione. Non è stato un inizio soft ma mi sta fornendo un senso di normalità di lavoro, in un momento che ovviamente non è così. Come tutti convivo con questa percezione d’incertezza e con il non sapere cosa succederà nei prossimi mesi.

Il mio lavoro è piuttosto pianificato e senza questa pandemia sarebbe vario e interessante. Nel frattempo si fa “come se” dovesse procedere come previsto, con la consapevolezza che ci si deve preparare agli adattamenti e cambiamenti necessari in funzione di come la situazione sanitaria evolverà. Penso, ad esempio, al progetto “Calcio Insieme” con i nostri 80 giovani con autismo che giocano a calcio. Con la AS Roma e l’Accademia di calcio integrato ci stiamo organizzando per potere svolgere l’attività di allenamento nel rispetto delle norme e in sicurezza per tutti.

Il mio lavoro è con gli atleti adolescenti che aspirano all’eccellenza ma non sanno se raggiungeranno questi livelli prestativi e con gli atleti di livello assoluto che si preparano per affermarsi a livello internazionale. In larga parte, sono consapevoli della rilevanza della componente mentale della loro attività e sanno che devono impegnarsi anche in un lavoro psicologico, che non è certamente facile da fare. In un periodo di crisi come è l’attuale, il supporto psicologico diventa ancora più essenziale per imparare ad accettare le paure, l’ansia verso il futuro e le limitazioni richieste per garantire la propria salute e quella delle persone con cui si lavora quotidianamente.

Ho vissuto le loro paure durante il lockdown, quando lasciati da soli a casa, molti hanno rischiato di vivere nell’angoscia e di subire passivamente quel periodo. Il supporto psicologico svolto con loro è stato, a mio avviso, indispensabile per consentirgli di prendere in mano la loro vita anche in quei momenti così negativi. Ora le limitazioni si sono fortemente ridotte, ma le paure restano finché non avremo il vaccino. Lo psicologo resta l’unica persona con cui condividere queste preoccupazioni e per migliorare la resilienza e la fiducia.

Le nostre principali organizzazioni sportive, rispetto a quelle di altri paesi europei, non si sono occupate in modo evidente di queste problematiche e lo stesso vale per le organizzazioni degli psicologi dello sport. Non sono stati prodotti documenti condivisi e specifici e, quindi, la responsabilità è stata lasciata alle singole iniziative dei professionisti.

Che dire, mi auguro di realizzare insieme a tutte le persone con cui lavoro i progetti che abbiamo pianificato. Quello che è certo è che noi non molliamo mai, siamo stati e saremo sempre pronti a risolvere i problemi che si presenteranno. Il mio motto è: “una cosa fatta bene, può essere fatta meglio” (Gianni Agnelli).

In bocca al lupo a tutti gli ottimisti!!

Come allenare il riscaldamento mentale

Nella preparazione alla competizione la fase del riscaldamento rappresenta un’opportunità per prepararsi mentalmente all’inizio della gara, dando il tempo agli atleti di concentrarsi sul compito che li attende. È riconosciuto che molti atleti completano una qualche forma di preparazione mentale prima delle gare. Le strategie tipiche includono:

  1. la visualizzazione della prestazione
  2. la ripetizione di parole chiave
  3. la ricerca dell’attivazione ottimale tramite esercizi fisici e tecnici
  4. la rapidità e precisione
COME TI PREPARI ALLA GARA? AL VIA SEI SEMPRE PRONTO?
HAI MAI PENSATO DI EFFETTUARE UNA ROUTINE MENTALE E NON SOLO FISICA?
VUOI SAPERNE DI PIU’ E ALLENARTI A ENTRARE SUBITO IN GARA?
SCRIVIMI E LO FAREMO INSIEME