Archivio per la categoria 'Corsa'

Per eccellere servono grandi avversari

Condividi questo concetto?

It is why  good team and players good enough to stand alone, stand straighter and more vividly with a good opponent: the Yankees with the Dodgers, Borg with McEnroe, Ali and Frazier, names permanently linked because in fact they needed each other. After days and weeks of Red Sox and White Sox, Wepners, Nastases, and Mildenbergers, each needed a good opponent to make him best, to make him memorable, to give him cherished lifelong feelings. So, when a career ends, when the passion of the game subsides, towards a good opponent you feel only gratitude. 

(Ken Dryden, The Game, 1983, p. 127)

La favola della lepre e della tartaruga

Non vince il migliore. Vince chi è più tenace e rispetta l’avversario.

Immagine correlata

La funzione dei discorsi motivazionali

Il ruolo dei discorsi motivazionali e l’importanza dell’uso della metafora è ben spiegato in questo articolo che parte dal discorso che Churchill fece alla nazione durante la 2° guerra mondiale.

British Wallpapers. Flickr

Lo sport cambia la percezione personale e della comunità sulla disabilità

“Sport has the ability to change the perception

of the community about people with a disability

and, more importantly,

how people with a disability think and feel about themselves.”

Richard Nicholson, nine-time Paralimpic gold medallist

Risultati immagini per Richard Nicholson

Non ci si allena mai abbastanza a imparare dagli errori

Nello sport così come in ogni altro ambito della nostra vita commettiamo degli errori. La prestazione perfetta non esiste. Ogni performance è un misto di competenze e di errori; in genere vince chi commette meno errori.

Gli errori sono ovunque e costituiscono un momento importante della prestazione umana. Non ci si può nascondere dagli errori. Inoltre, gli sbagli sono sempre relativi ad aspetti tecnici, noi vediamo l’atleta che affretta o rallenta la sua azione, che sbaglia un tiro, che è rigido nei movimenti, che tira il servizio a rete e così via. Diversamente la causa di questi errori può essere attribuita di volta sin volta a fattori diversi. L’errore può infatti essere dovuto a fattori diversi, si può sbagliare per incompetenza tecnica, per non essere stati capaci di gestire lo stress agonistico o per mancanza di concentrazione, si sbaglia per stanchezza fisica.

Quando gli errori non vengono accettati dall’allenatore, lo stress dell’atleta dovuto all’errore aumenta e con probabilità si sentirà inibito nel ricercare nuovi modi di agire. In tal modo diventano difensivi, e si limiteranno a quanto è loro più familiare. per queste ragioni s’impara meglio quando ci si sente sicuri, ma non rilassati da perdere la motivazione. C’è un livello ottimale di attivazione del cervello che aiuta le persone a imparare, lo stato in cui la motivazione e gli interessi sono elevati. Un senso di sicurezza psicologica determina un’atmosfera in cui le persone possono sperimentare correndo pochi rischi di sentirsi imbarazzate o timorose delle conseguenze dell’errore (Adattato da D. Goleman, R. Boyatzis e A.MkKeee, Primal Leadership).

Risultati immagini per errori

Il quiet eye nel pentathlon

Serenità nell’affrontare le difficoltà della gara

Il lavoro con atleti di discipline sportive molto diverse fra di loro come sono il tiro al piattello, i tuffi, la marcia e la scherma nei giorni che precedono la gara, mi porta a pensare che la serenità personale sia per loro un fattore importante per gareggiare al meglio. La serenità non la considero sinonimo di essere calmi. Consiste, secondo me, nell’essere consapevoli di:

  • possedere le competenze necessarie per gareggiare questa volta al meglio
  • essere pronti ad affrontare le molte difficoltà che la gara propone
  • sapere entrare nella difficoltà e uscirne con successo grazie all’allenamento effettuato
  • avere acquisito l’abilità a vivere solo l’istante presente e non l’immediato futuro
In tal senso la gara deve essere intesa come un susseguirsi di istanti che scorrono in modo continuativo sino al termine della propria prestazione, ma la concentrazione è sempre sul singolo momento, non sul passato e non sul futuro.
Per tutti noi c’è molto da riflettere su questi temi di cui si parla troppo poco, talvolta troppo occupati nell’insegnare solo le tecniche psicologiche per affrontare le gare.

 

 

Si diffondono le Summer Schools di psicologia dello sport

Si diffondono sempre più le Summer School di psicologia dello sport e dell’esercizio come questa che si svolgerà in Irlanda. ciò dimostra che la nostra disciplina è in forte espansione. Cercatele sul web usando come parole chiave: summer school, sport psychology.