Archivio per la categoria 'Stress'

La gestione degli errori: perchè è così difficile

In molte culture sono presenti modi di dire che ricordano quanto sia importante imparare a reagire alle situazioni negative e agli errori. Si dice, ad esempio: “Quando si chiude una porta, si apre un portone” mentre gli americani amano ripetere: “Non importa quante volte cadi, ma quanto in fretta ti rialzi” e i giapponesi affermano: “Cadere sette volte, rialzarsi l’ottava”. Queste affermazioni mettono in evidenza che per avere successo si deve sviluppare una piena consapevolezza di quanto sia frequente commettere degli errori e di quanto sia altrettanto rilevante reagire in modo costruttivo.

Non ci sono scorciatoie, poiché gli errori non possono essere eliminati; bisogna per forza sbagliare, come durante un percorso a ostacoli in cui si è consci in ogni momento che è possibile commettere errori, rallentare, fare una grande fatica per superare un ostacolo anche se si è ben preparati e si conosce il percorso. Allora se questa è la strada da percorrere, bisogna impedire che gli errori diventino alibi utilizzati per confermare a se stessi l’impossibilità di superare i propri limiti attuali, con l’effetto di determinare una riduzione dell’impegno, poiché  “Tanto non c’è niente da fare” oppure “Sì, ci sarebbe tanto da fare, ma non ho abbastanza talento o sono sfortunato”. Bisogna quindi costruire, attraverso l’attività quotidiana, una cultura del lavoro che consideri l’errore come parte integrante del processo di miglioramento.

D’altra parte lo sport è un contesto in cui la presenza di errori è una costante di ogni prestazione, molto spesso anche di quelle vincenti. Nel tiro al piattello, il record del mondo, colpire 125 su 125 è stato realizzato 12 volte negli ultimi 25 anni. In ogni altra occasione, i tiratori hanno sempre commesso degli errori. Negli sport di coordinamento del corpo nello spazio sono molto rare le volte in cui un atleta, maschio o femmina, ha ottenuto il massimo punteggio.

Nel basket, Michael Jordan ha detto: “Nella mia vita ho sbagliato più di novemila tiri, ho perso quasi trecento partite, ventisei volte i miei compagni mi hanno affidato il tiro decisivo e l’ho sbagliato. Ho fallito molte volte. Ed è per questo che alla fine ho vinto tutto”. Sempre nel basket, in EuroLeague solo l’8,5% dei giocatori ha realizzato il 90% dei tiri liberi, il 35% ne ha messo a segno l’80%, il 32% il 70% dei tentativi e il 24% ne ha realizzati meno del 70% (Cei 2018). Nel calcio, tutti sbagliano i rigori da Roberto Baggio nella finale di calcio dei mondiali del ’94 agli ultimi sbagliati da Messi, Modric e Ronaldo a questi Mondiali in Russia.

Nonostante questi dati, molti atleti non accettano la possibilità di commettere errori, anzi talvolta ne rimangono addirittura stupiti: “Perchè tutto stava andando così bene” o “Perchè mi sentivo così in forma che pensavo che non avrei mai potuto sbagliare” mentre altre volte la difficoltà ad accettarli emerge quando l’atleta si trova nella situazione opposta, per cui pensa: “Peggio di così non poteva andare, quell’errore mi ha colto all’improvviso e non ho saputo reagire, mi sono confuso pensando a cosa fare di diverso e da lì è stata una rovina”. Ambedue queste situazioni, una positiva e la seconda negativa, riportate dagli atleti abbastanza di frequente, evidenziano la difficoltà ad accettare l’errore e il non avere pianificato in precedenza un modo per affrontare ciò che avrebbe potuto influire negativamente sulla prestazione.

Di questo e di altro parleremo durante l’Open Day dedicato alla gestione degli errori, mercoledì 29 settembre dalle 19 alle 20.30.

Il movimento come espressione dell’intelligenza

L’intelligenza corporeo-cinestesica si manifesta attraverso l’abilità a controllare i propri movimenti con maestria e a servirsi di attrezzi con perizia. Questi ultimi variano enormemente a seconda dell’attività a cui ci riferiamo. Può essere il classico pallone dei giochi sportivi o il bisturi del chirurgo, gli sci o l’ago del sarto, le clavette nella ginnastica o il bastone di cui si serviva Charlot. La competenza nell’attività fisica è costituita dall’uso di un numero abbastanza ampio di abilità, quali ad esempio la forza, la resistenza, l’equilibrio, la destrezza, l’espressività, la coordinazione. E’ molto importante riuscire a svolgere dei programmi di attività fisica che sviluppino tutte queste abilità. La cultura orientale rispetto alla nostra è stata tradizionalmente più  propensa a seguire questi percorsi e, fra le molte forme di espressività che ha prodotto, le arti marziali rappresentano un esempio di sviluppo integrato di queste diverse abilità. Nella nostra cultura occidentale è stata invece posta maggior attenzione allo sviluppo di abilità quali la forza e la resistenza e meno a quello di altre abilità. 

Valuta la tua intelligenza cinestesica

  •  Pratico almeno uno sport o faccio attività fisica in maniera regolare
  • Trovo difficoltoso stare seduto per molto tempo
  • Mi piace impegnarmi in attività manuali
  • Le idee migliori mi vengono quando cammino, corro o comunque pratico qualche  attività fisica
  • Spendo la maggior parte del mio tempo in attività all’aria aperta
  • Quando parlo con le altre persone gesticolo molto
  • Per apprezzare un oggetto devo toccarlo
  • Mi sento una persona che si muove in modo coordinato
  • Mi piacciono le esperienze che mi danno delle sensazioni fisiche intense
  • Sopporto bene la stanchezza fisica

Somma tutte le risposte affermative:

  • sino a quattro – hai molta strada davanti a te per incrementare la tua intelligenza cinestesica;
  • tra cinque e sei – ti stai impegnando ma puoi fare di più, non mollare;
  • tra sette e otto – stai mostrando ottime capacità cinestesiche, continua a crederci e soprattutto ad esercitarle;
  • tra nove e dieci – non ti montare la testa; sei bravo.

Gli errori: come gestirli

Gli errori sono il contenuto principale dei whatsapp che gli atleti mandano. Le prestazioni agonistiche girano intorno a questo tema: come sbagliare meno?

E’ un tema caldo negli sport dove, in teoria, si ricerca la perfezione del gesto, dagli sport di tiro alla ginnastica artistica e ai tuffi ai salti e ai lanci in atletica. Lo stesso vale però anche per sport di opposizione come il tennis o la scherma dove si vince per pochi punti in più, talvolta anche solo 1 o 2. Che dire degli sport in cui si fanno molti punti come il volley e il basket ma anche il calcio, in cui il goal è un fatto raro, quindi, può bastarne 1 in 90 minuti.

Gli errori si commettono e non si possono evitare ma possono essere fatali.

Le prestazioni sportive sono date da quello che l’atleta/squadra ha fatto di positivo meno gli errori.

Come mai atleti e allenatori non si mettono l’anima in pace, partendo dalla consapevolezza che tanto sbaglieranno?

Di questo parleremo durante il webinar gratuito dedicato alla gestione degli errori, mercoledì 29 settembre dalle 19 alle 20.30.

Sport e lettura: un’accoppiata vincente per gli atleti

  • Il premio Nobel per l’Economia James Heckman ha mostrato che i figli dei disoccupati alla scuola materna possedevano un vocabolario di 500 parole, quelli di di genitori poco qualificati 700 parole mentre i figli dei laureati arrivavano a 1100 parole. Purtroppo queste differenze permangono anche nelle età successive permettendo di prevedere con largo anticipo la carriera lavorativa, il reddito, la stabilità familiare e la condizione di salute. Pertanto servono investimenti educativi tali da sviluppare le abilità cognitive e sociali nei bambini da 0 a 5 anni e nelle età successive.
  • Novak Diokovic nel suo libro scrive: “Jelena mi faceva ascoltare musica classica e leggere poesie per calmarmi e imparare a concentrarmi (Puskin era il suo poeta preferito). I miei genitori, invece, mi spronavano a studiare le lingue, così ho imparato l’inglese, il tedesco e l’italiano. Le lezioni di tennis e le lezioni di vita erano una cosa sola, e ogni giorno non vedevo l’ora di scendere in campo con Jelena e imparare sempre di più sullo sport, su me stesso e sul mondo”. (p.5)
Non è difficile capire da questi dati e testimonianze cosa si dovrebbe fare per educare i giovani e che anche lo sport trarrebbe vantaggi da un’educazione centrata sullo sviluppo della lettura. Sono convinto che la poco diffusa cultura dello sport derivi proprio dall’ignoranza che domina in Italia e di cui molti giovani ne fanno le spese, rovinando la loro vita ben prima dell’età adulta.
  • Avere genitori lettori incoraggia la lettura: leggono libri il 77,4% dei ragazzi tra i 6 e i 14 anni con entrambi i genitori lettori, contro il 39,7% di quelli i cui genitori non leggono.
  • In Italia, anche chi legge, legge poco: tra i lettori il 46% ha letto al massimo tre libri in 12 mesi, mentre i “lettori forti”, con 12 o più libri letti nello stesso lasso di tempo, sono soltanto il 14,5% del totale.
  • Una famiglia su dieci (10,2%) non possiede alcun libro in casa, il 63,6% ne ha al massimo 100.

La gestione degli errori

“Ogni atleta commette errori. Ci si allena duramente per ridurli ma ancora troppo spesso gli atleti dopo un insuccesso guardano da un’altra parte per proteggere la fiducia in se stessi e così rinunciano a imparare. Continuano così a perseverare in abitudini e comportamenti sbagliati a causa della paura dei rischi in cui si potrebbe incorrere decidendo di cambiare. E’ certamente meno impegnativo lasciarsi dominare dalla voglia di lamentarsi: “Lo sapevo che sarebbe andata a finire in questo modo”, dando la colpa all’avversario che era troppo forte o alla sfortuna che si è accanita contro di noi. 

Obiettivo di questo webinar è di fornire indicazioni concrete su come orientare il ragionamento e le azioni degli atleti e degli allenatori verso l’idea che l’unico modo per migliorare è di accettare gli errori, che vanno compiuti per migliorare e avere successo. 

Clicca qui per iscriverti 

Cosa si fa contro il razzismo?

 

 


Alex Zanardi

La vita è sempre degna 

di essere vissuta e 

lo sport dà possibilità incredibili 

per migliorare il proprio quotidiano 

e ritrovare motivazioni

(Alex Zanardi)

Calcio e disabilità

Sta per iniziare il  7° anno del progetto “Calcio Insieme” per giovani con disturbi intellettivi e con particolare attenzione al disordine dello spettro autistico. Questa attività di calcio coinvolge 80 giovani da 6 a 18 anni, iscritti all’interno di un programma di allenamento specifico che segue un innovativo modello didattico. L’attività è realizzata dalla Fondazione Roma Cares e dall’Accademia di Calcio Integrato. Guarda il video: da7186cb-7301-4c3b-913a-dcc9e91fd6ebA Roma in campo “Calcio insieme”, sport che abbatte barriere – Ordine  Professioni Infermieristiche – Bologna

 

 

La sfida per psicologi e allenatori

Come psicologi e allenatori insegneremo a sviluppare un atteggiamento aperto verso gli errori solo se siamo disposti ad accettare che potremmo anche fallire in questo compito.

Siamo disposti a correre questo rischio coinvolgendoci al 100% in questa sfida?

Oppure ci limitiamo a insegnare le tecniche sportive o psicologiche convinti che siano sufficienti per diventare bravi atleti e salvarci dal fallimento professionale?

Le squadre perdono perchè non si vuole cambiare

In Serie A perdere è un’opzione non prevista. Dopo tre giornate sono stati licenziati già tre allenatori. Altri, da Allegri, a Sarri allo stesso Mourinho che ha perso solo l’ultima partita dopo 6 vinte sono molto preoccupati.

Da un lato è ovviamente corretto, sono pagati per fare vincere le loro squadre e gli stessi calciatori costano una follia, anche i più scarsi, per cui non ci può essere alcun alibi dietro cui nascondersi.

Questo ragionamento va oltre la qualità dei singoli calciatori. La Juventus schiera solo nazionali ma non ha ancora vinto una partita. Gli allenatori si trovano a svolgere un ruolo psicologico fondamentale, sono il vero leader della squadra. Ogni nuovo allenatore vuole introdurre la propria mentalità alla squadra che si manifesta attraverso un determinato tipo di gioco.

Ci sono giocatori che non si adattano fino in fondo a questo approccio e Cristiano Ronaldo rappresenta un esempio estremo, perchè lui è il gioco della squadra. E’ andato via dalla Juventus e senza manifestare alcuna necessità di ambientamento a immediatamente continuato (più che ripreso) a segnare. Altri ovviamente non si adattano perchè non mostrano la necessaria disponibilità mentale e quindi non sono efficaci in campo.

Altri hanno difficoltà a seguire lo schema mentale proposto dal tecnico. Quando ho lavorato con Arrigo Sacchi, una sua domanda era di dirgli quali erano i calciatori che potevano trattare molte informazioni e metterle in atto e quelli a cui, invece, andavano fornite poche informazioni altrimenti si confondevano.  Non sempre allenatore-giocatore riescono a trovare questa sintesi.

In campo, ci deve essere sempre almeno un leader che guida la squadra nei momenti di difficoltà. Spesso a questo riguardo si è parlato del blocco italiano del Milan campione e non per la loro bravura ma per questa unione che veniva trasmessa alla squadra.

Sono tanti i motivi per cui una squadra non acquisisce la mentalità e il gioco che vuole l’allenatore ma è da questi particolari che nasce il successo.