Archivio per la categoria 'Stress'

Auguri a Chris Froome

Auguri a Chris Froome che sta recuperando dopo il terribile incidente dell’anno scorso e che tornerà a gareggiare il prossimo mese al Tour UAE.

10 regole di successo di Jurgen Klopp

Le 10 regole del successo di Jurgen Klopp.

  1. Migliorare il proprio ambiente – abbiamo solo una vita e dobbiamo fare il possibile per renderla la migliore possibile. Fare in modo che le persone abbiano piacere d’incontrarti per quello che stai facendo per migliorare il loro ambiente.
  2. Costruire esperienze memorabili - Giocare partite indimenticabili, essere curiosi e impazienti di giocare la prossima partita per vedere cosa succederà, e questo è ciò che dovrebbe essere il calcio. Se fai tuo questo atteggiamento, avrai successo al 100%.
  3. Vivere il momento - se vivi nel futuro, dimentichi che tu puoi cambiarlo in modo significativo. Se vivi, invece, nel passato può essere bello per rivivere i tuoi momenti migliori. Ma noi siamo nel mezzo della nostra vita e se vogliamo fare qualcosa per la nostra famiglia e per gli altri dobbiamo essere al 100% nel presente.
  4. Costruire una famiglia - non siamo soli al mondo, dobbiamo essere un gruppo. Per avere successo, dobbiamo stare insieme alla squadra e ai tifosi.
  5. Essere fiduciosi - Devi imparare a gestire i momenti difficili e le sconfitte. La cosa più importante del calcio è che tu sei responsabile per tutti, per cui bisogna stare fiduciosi per arrivare al momento in cui sarai pronto. E’ sempre difficile, sin dal primo giorno e si avanti un passo alla volta.
  6. Continuare a insistere - quando vinci è fantastico e quando perdi non vuol dire che sei incapace, devi essere convinto che ciò che conta è continuare a provarci anche se non sai quanto tempo impiegherai ad avere successo.
  7. Imparare dalla tua esperienza - non devi vivere nel passato ma la vita è così veloce che devi imparare a servirti della tua esperienza o di quella di altre persone per evitare gli stessi errori.
  8. Essere disciplinati - Non abbandonare mai i tuoi obiettivi, stai sempre focalizzato. Certamente insegnare questo ai giovani calciatori è difficile. E’ molto di più di crederci, perché si può credere in qualche cosa ma perdere anche facilmente questa convinzione, per questo è più importante sentirsi forti nei momenti difficili.
  9. Essere appassionati - Bisogna servirsi della tattica con il cuore. Devi vivere intensamente la partita altrimenti è noia.
  10. Esprimi energia - Per la maggior parte del tempo non sono una persona emotiva, ma durante la partita succede qualcosa di strano e se mi rivedessi dal di fuori direi: “E’ matto?”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il calcio inglese promuove la salute mentale

Il calcio inglese si muove per promuovere una campagna nazionale per promuovere la salute mentale.

(L to R) Jesse Lingard, Harry Maguire and Jordan Pickford

Negli stadi prima della partita verrà trasmesso un video in cui Frank Lampard, manager del Chelsea, ammetterà che la sua famiglia “ha immagazzinato un sacco di emozioni, sentimenti e a volte ansie”, e il suo ex compagno di squadra Joe Cole descriverà come ha praticato lo yoga quando si sentiva ansioso, “centrando se stesso e tornando in quella zona”.

Molti calciatori hanno sviluppato il desiderio di volere aiutare gli altri come Dele Alli, del Tottenham: “ Ci sono così tante persone che lottano con la loro salute mentale, così voglio aiutare le persone a capire che non devono affrontarla da soli”.

In particolare i tifosi delle squadre sono in larga parte uomini, circa 15 milioni, che con grande difficoltà ammettono di avere problemi mentali e s’impegnano ad affrontarli. Il messaggio dei calciatori raggiunge con facilità un pubblico molto numeroso e potrà essere di grande aiuto proprio perché proviene da altri uomini che fanno parte della squadre di cui sono i tifosi e che ogni vedono giocare sul campo.

Analoghe affermazioni vengono da manager come Slaven Bilić,  West Bromwich Albion, che ha dichiarato che senza una buona condizione mentale non sarebbe in grado di trasmettere energia e idee ai suoi giocatori. Lo stesso spiega Rosella Ayane, giocatrice del Tottenham: “ Spegnere il cellulare, Twitter e Instagram consente di vivere pienamente il tuo tempo e solo in questo modo si determina una grande differenza”.

Come vivere il momento secondo Maria Sharapova e Serena Williams

Alcune regole per eccellere secondo Maria Sharapova e Serena Williams.

Maria Sharapova

 Quando sei in una situazione competitiva e sei a terra, cosa fai o dici a te stessa?
“Mi prendo il mio tempo nel mezzo dei miei giochi di servizio. Cammino fino alla linea di fondo. Muovo le corde. Faccio un piccolo discorso di incoraggiamento, ed è molto automatico. Penso che sia più che altro mettere gli occhi sulle corde e avere questa ripetizione che non importa se ho vinto il punto o ho perso il punto. Sono su questo fiume che va dove deve arrivare, non importa quale roccia sia in mezzo, non importa quale tempesta sia in arrivo. L’acqua, alla fine, scenderà lungo il fiume. È un posto sicuro per me, perché nel tennis i momenti cambiano molto, proprio come nella vita. Un secondo, tutto è positivo, e subito dopo si ricevono cattive notizie. Vedo quelle corde, e vedo le mie dita che giocano con quelle corde, e penso di essere lì con la testa e di non essere eccessivamente eccitata o abbattuta. Ma di essere in questo stato mentale intermedio”.

Serena Williams

Il mio gioco è la mia tenacia mentale - “Non solo per poter giocare, per vincere, ma per poter riemergere quando sono a terra. Sia in campo che dopo dure sconfitte, per ritornare e continuare a lottare, è qualcosa che richiede molta tenacia”.

Allenarsi sotto pressione - Williams crede che il tennis sia “al 70% mentale”, per questo cerca di replicare le situazioni di gara durante le sessioni. Ad esempio: sotto 15 a 30 e secondo servizio. La simulazione competitiva è un metodo di allenamento molto efficace.

Restare nel momento - molti tennisti affogano sotto pressione e tendono a sciogliersi quando stanno perdendo. È importante rimanere lì, usando la nostra forza mentale per vincere. Si raggiunge questo obiettivo vivendo il momento: “Anche se stai attraversando un brutto momento della vita, non puoi affrettarti a superarlo all’istante. Devi vivere un momento alla volta. È lo stesso su un campo da tennis. Devi giocare un punto alla volta”. Vivi il qui e ora.

Dimentica gli errori - “Un’altra cosa che mi fa giocare male è se penso troppo alla mia ultima partita. Potrei averla vinta, ma non sono contento di come l’ho vinta … Se ti arrabbi davvero per gli errori, il miglior consiglio che mi sia mai stato dato è quello di dimenticarlo. Non puoi riavvolgere il tempo, non puoi cancellare quell’errore, ma puoi migliorare e non farlo in futuro”.

La mentalità vincente nel tennis tavolo

Nato a Huangshi City in Cina; il 54enne Chen Bin è l’allenatore personale di Ding Ning, campionessa olimpico e mondiale. Ecco le sue regole principali per essere un giocatore di tennis tavolo vincente.

Imparare dagli errori - Ding Ning è stata sconfitta da Feng Tianwei nella gara che ha visto la vittoria di tre a uno per Singapore. Coerentemente, Ding Ning ha dichiarato che la sconfitta a Mosca è stata uno dei motivi principali per cui è diventata campione del mondo a Rotterdam l’anno successivo.

Tenacia - “È sicuramente la sua perseveranza, la sua prestazione stabile e anche il suo coraggio nel provare nuove abilità e tecniche”.

“Il livello dei giocatori è molto diverso, le squadre asiatiche ed europee sono più forti, mentre quelle africane e dell’Oceania sono più deboli. La differenza principale sta nella comprensione che i giocatori hanno dello sport e della palla stessa, i giocatori più deboli sanno giocare, ma non sanno interpretare bene le partite, il tennis tavolo  non è solo colpire la palla sul tavolo, devi restituire la palla, devi avere la sensazione di come la palla viene verso di te, e visualizzare come la tua palla finirà sul tavolo dell’avversario quando la colpisci di nuovo”.

Preparazione pre-partita - “Ho fatto loro un discorso sulla preparazione pre-partita, che penso sia una parte importante della competizione”, ha detto Chen Bin. “Prima di una partita, l’allenatore e il giocatore devono essere ben preparati, tutto può succedere; i giocatori devono sapere come affrontare le diverse situazioni che potrebbero verificarsi. Bisogna pensare al “Piano B” o al “Piano C” per aiutare il proprio atleta a essere mentalmente preparato a tutti i tipi di scenari e difficoltà in campo”.

Mindset - C’è più della preparazione tecnica prima di una partita.

“La mentalità è fondamentale, la preparazione pre-partita e la mentalità dei giocatori in diverse situazioni in campo. i giocatori europei, hanno un buon fisico e una buona forza, ma non sanno come liberare questa forza nel loro gioco”.

Interview With Chen Bin – Coaches Grow Together With Their Players

Cambiare?

Se l’unica cosa costante della vita è il cambiamento, non dobbiamo affezionarci troppo alle nostre abitudini, che prima dovremmo abbandonare.

 

 

Le abilità mentali degli olimpionici

Spesso ci si chiede quali siano le caratteristiche mentali dei campioni e s’immagina che abbiano personalità speciali. Non è vero.

I dati qui sotto riportati dimostrano che sono essenziali competenze che chiunque potrebbe allenare e perfezionare. La question è che pochi sono disposti ad allenarsi seguendo questi obiettivi, che richiedono una spesa quotidiana di energia e di disposizione a lavorare per obiettivi non solo di tipo atletico e tecnico-tattico ma anche di tipo psicologico.

Essere consapevoli dei propri punti di forza

Una difficoltà che incontrano gli atleti, e in misura più rilevante quelli più giovani, è relativa al parlare dei propri punti di forza, mentre sono molto più centrati sul parlare dei loro errori.

Certamente non è sbagliato avere consapevolezza dei propri errori e impegnarsi a superarli con l’allenamento.

In gara è valido l’opposto. E’ più utile concentrasi su cosa fare per gareggiare al meglio e questo avviene solo mettendo in atto le proprie competenze migliori.

A questo riguardo spesso gli atleti dicono: “Sono molto concentrato a correggermi e penso poco a quello che so fare”.

L’obiettivo dovrebbe essere duplice: allenarsi per migliorare ma essere anche consapevoli delle proprie abilità (fisiche, tecnico-tattiche e mentali).

Si può ad esempio partire dagli obiettivi di prestazione e e stimolare gli atleti a identificare le competenze che servono per raggiungerli, in altre parole, stimoliamoli a riflettere e a scrivere quali sono i loro punti forti, cosa fanno quando gareggiamo al meglio, così da mettere nel loro desktop mentale le abilità di cui servirsi in gara e soprattutto quelle che vogliono utilizzare maggiormentenei momenti decisivi e di maggior pressione agonistica.

 

Cambia la tua carriera sportiva con l’allenamento mentale

Ancora 200 giorni per prepararsi mentalmente per le prossime Olimpiadi, un periodo di 6 mesi di allenamento mentale è sufficiente per perfezionare la propria forza psicologica per affrontare con successo la sfida olimpica.

Vuoi sapere come fare?

Scrivici

per scoprire come l’allenamento mentale

può cambiare la tua vita e la tua carriera di atleta!

 

Obiettivo: essere ciò che siamo

L’allenatore capo dei Clemson Tigers, Dabo Swinney, è uno dei migliori motivatori del football. E’ costantemente teso a scoprire nuovi modi per fare esaltare la sua squadra. Nel video qui sotto, vedremo l’ultimo suo speech pre-partita.

Ha detto:

“They can prepare for a month for what we do, but they cannot prepare for who I know we are.”

“Everybody understand that? So you be who we are. Let’s played the best four quarters we’ve played all year tonight. Everybody got that? … This is just the next step and you’ve got to walk it out. … Get that eye of the tiger and you put that heart of a championon full display tonight.”