Lo sviluppo motorio e psicosociale in bambini con disabilità intellettive attraverso il calcio

Movimento

Rivista di Psicologia e Scienze del Movimento e dello Sport

n.2/3, 2016, 63 pagine

Roma: Edizioni Luigi Pozzi

 

Lo sviluppo motorio e psicosociale in bambini con disabilità intellettive attraverso il calcio

Motor and psychosocial development in children with intellectual disabilities through soccer

 

Alberto Cei*’, Paolo Franceschi^, Michele Rosci^, Daniela Sepio’ e Bruno Ruscello°

*Università San Raffaele, Roma e ASD Calcio Integrato

^AS Roma Calcio

‘ASD Calcio Integrato

°Università di Tor Vergata, Roma

 

Parole chiave: bambini, autismo, calcio, apprendimento, empowerment

Key words: children, autism, soccer, learning, empowerment

 

 

Abstract

Calcio Insieme (Soccer Together) is a project promoted by Roma Cares Foundation, non-profit organization linked to the broader context of Social Responsibility and Sustainability of AS ROMA and A.S.D. Accademia di Calcio Integrato, whose objective is the development of education and culture integrated to the values of sport through the soccer.

Soccer is the sport most loved and practiced by girls and boys around the world, but for young people with developmental difficulties are rare, if not absent, the opportunities allowing them to live this sport as an educational and playful experience. Therefore, this applied research project, spread over three years, is aimed at children (6-12 years) with intellectual disabilities and with particular reference to those with autism spectrum disorder (ASD). Soccer Together project wants to promote the physical activity and soccer teaching for these children, in order to improve the quality of their lives through a continuous sport practice over time. Furthermore, this project wants also to develop a methodology model of teaching, tailored for these children, through this applied research.

Soccer Together began in September 2015 with the collaboration of some schools of Roma. They promoted among families of children with intellectual disabilities the knowledge of this initiative. They organized information meetings lead by the staff of Soccer Together to start building a community whose school, family, sport organization and staff could feel part of a common project at its center there are the children with intellectual disabilities and especially those with autism spectrum disorder (ASD). Since the beginning the project has had as main focus the empowerment of each child through the soccer, as recommended by the International Paralympic Committee.

To better understand the different steps of the experiment carried out by the technical-scientific staff of Soccer Together at the Giulio Onesti Center, in Roma, it’s important to acknowledge what are the autism spectrum disorders (ASD) and what are the limits and the motor/psychological potential of children with ASD; the report describes in detail the main features and the research results.

This report begins with an overview of autism spectrum disorders and what are the limits and the motor potential of these children. It emerges that, up to now, the experiences carried out in this area included only individual sports and that no investigation has been conducted to test how the group sports and soccer specifically could be a means of improving the motor/sports skills and the psychological and interpersonal skills. In the section devoted to the method are described the diagnoses of 30 children (27 boys and 3 girls). They  have participated in the project by attending at the training program for an hour twice a week for 5 months. They were divided into two sub-groups (Green and Red) as a function of their motor skills and psycho-relational competences. All children were subjected to the initial and final motor assessment. Similarly it proceeded with the psychological and interpersonal evaluation carried out at the beginning and at the end of the program. This was done through interviews with parents and their school teachers and an assessment carried out on the field for the duration of the period of activities carried out by the football coaches and the sport psychologists. In addition, before the start of the program, the whole staff,  including sport psychologists, youth football instructors, one speech therapist, one sport physician and one coordinator of the relations with families and schools have participated in a specific training, theoretical and practical, learning to be sensitive and to work with young individuals with developmental disorders. The results showed that in relation to motor skills there are significant differences from the initial assessment in relation to 6 tests out of 10. The children improved in tests regarding: walking between the cones, running between the cones, roll on the mat, high jump (3 obstacles 20 / 30cm), grab (5 launches from 1 to 5 meters away from the instructor) and stay balanced on jellyfish.

In relation to run with the ball (to drive the ball into a space 15m long and 4m wide) were detected two results. The first is that, even at the end of the program, 39.3% of children did not show any improvement. The second is of opposite sign and shows that 28.6% is placed in an intermediate skill level. They drive the ball, move frequently left and right even if out of the lane. In addition, 10.7% shows a medium-high skill level, driving the ball without leaving the lane. These data show there is a significant difference from the point of view of the motor competences among the children, while for some the training it’s characterized more as motor activity oriented to the acquisition of basic motor patterns, for others it’s oriented to  teach the soccer fundamentals.

The questionnaire administered at the end of the program to the parents of the children examined the following skills: cooperation, participation in the games, understanding the others and be understood, communicate with each other, socialize, approach the new situations/people and reduction of behavioral problems. For each of these skills, the parents have expressed a final assessment, it showed that they believe their children are improved significantly. It’s also interesting to note that the same questionnaire was administered to school support teachers of children and the resulting data are similar to those experienced by parents. Assessments made on the field by sport psychologists and coaches have shown that most of young people have improved, even if  they achieved very different skill levels, depending on the difficulty level initially expressed. For the future, there are clearly detectable paths of physical activity and sports differentiating the two children groups (Red and Green).

In summary, these data confirm the findings of the research review conducted on people with autism spectrum disorder (Sowa e Meulenbroek, 2012). That is to say, that the motor/sport skills increase with specific program of motor/sports learning. Our study adds that the organization of training sessions in group interventions and individual interventions promote the development of social skills, as in part it has been showed by Walker, Barry and Bader (2010). This pilot study has also responded to the request to organize “a naturalistic intervention based on group sports like soccer” (Sowa and Meulenbroek, 2012; p.56) and, till now it was never been documented. In addition, as already showed (Luiselli 2014), the behavioral problems were reduced, decreasing the stereotyped movements and the self-stimulation behaviors.

Finally, it should be mentioned those results achieved which are not identifiable in scientific terms but that at the same time are important for a project with the aim to reduce the limits of the children with ASD and widen their skills at 360 degrees. The most significant are the following: the first football games played between them and the coaches and two games 4vs4 with players of Roma Academy; the identification process with AS Roma has increased the children socialization and stimulated their pride being a part of Roma team; live this experience with professionals totally dedicated to them and willing to respect the times of socialization and learning while not ceasing to guide them in the activities; for families it has been important to meet each other, sharing these experiences and feeling themselves as an active part of the project.

Adolescenti che fanno sport sono un problema per se stessi e gli adulti

Il demone dello sport giovanile è l’errore. Se da un lato gli allenatori dicono ai loro atleti che si impara sbagliando, dall’altro è molto raro che un giovane adolescente accetti questo approccio mentale e consideri l’errore come un’opportunità di apprendimento. Non so se ciò avvenga talvolta a causa degli allenatori, altre volte per genitori ingombranti o perché i ragazzi/e non sono consapevoli di dovere impegnarsi a prescindere del risultato. Il risultato è che in molti sport, soprattutto in quelli in cui si coltiva il miraggio della ricchezza economica i giovani si distruggono nel tentativo di soddisfare aspettative sbagliate o esagerate.

Ovviamente le federazioni sportive non fanno praticamente nulla per contrastare questo approccio allo sport.

Quanti calciatori prevedono il Piano B prima di giocare

Spesso i giocatori si valutano per gli errori che hanno commesso. Meno spesso si valutano in relazione a ciò che avrebbero dovuto fare per essere più efficaci e ancora più raramente prevedono prima della gara un piano alternativo, il Piano B, nel caso in cui si trovino in difficoltà. Questo approccio passivo alla partita può essere determinato dal desiderio di seguire le indicazioni fornite dall’allenatore ma ciò avviene in modo schematico e poco partecipativo. In ogni caso evidenzia un atteggiamento di pigrizia mentale, determinato dal non pensare a soluzioni alternative.

In queste situazioni i calciatori dovrebbero essere in grado di attivare un modo di pensare alternativo, che abbia al suo centro la volontà di modificare in modo efficace i comportamenti che hanno condotto a commettere gli errori. Giocatori con un ridotto livello di consapevolezza personale e un basso livello di autostima tendono a essere i più influenzati negativamente da questo atteggiamento di accettazione passiva dei compiti ricevuti dall’allenatore. Sono inoltre individui con una limitante capacità di analizzare più informazioni nello stesso tempo. L’effetto sulla prestazione in partita consiste nel diventare impulsivi nell’azione, agendo così senza pensare. Un altro tipo di reazione inutile consiste nell’abbandonarsi all’idea di non sapere essere in grado di affrontare le situazioni, con conseguente tendenza a deprimersi o a assentarsi dal gioco.

Calcio integrato, autismo, AS Roma, Principessa Victoria di Svezia

Risultati immagini per Roma scuola calcio principessa victoria svezia

Il ranking mondiale delle Scuole e Dipartimenti di Scienza dello Sport: 4 italiane fra le prime 300

E’ stato pubblicato in questi giorni il Ranking Globale di ShanghaiRanking delle Scuole e Dipartimenti di Scienze dello Sport. E ‘il primo tentativo di classificare un gruppo di istituzioni e unità con la stesso soggetto.

L’industria dello sport del mondo è in fase di crescita enorme. Usando la Cina come esempio, sulla base di dati più recenti della Nielsen, la Cina mira a creare un settore sportivo  pari a 813.000.000.000$ entro il 2025 e le imprese cinesi e gli individui ricchi sono incoraggiati a investire pesantemente in eventi sportivi, squadre, strutture, agenzie e sponsorizzazioni, all’interno e all’esterno della nazione. Le Scuole di Scienze dello Sport dovranno fornire agli studenti le conoscenze e le competenze necessarie a soddisfare le esigenze di questo settore in rapida crescita, e anche per creare la conoscenza scientifica per sostenere e promuovere questo settore.

Una grande quantità di lavoro è dedicata per identificare le unità accademiche, come le Università, scuole, facoltà e dipartimenti, che si impegnano in modo significativo nella ricerca in questo ambito. Un totale di 110.000 indirizzi sono stati esaminati e centinaia di siti web sono stati esaminati per formare l’elenco definitivo di 361 università o circa 400 unità connesse allo sport che si impegnano attivamente nella ricerca. Le prime 300 università sono pubblicate in questa classifica in base alla misurazione delle pubblicazioni, citazioni, citazioni per pubblicazione, pubblicazioni nel 25% delle riviste top e pubblicazioni con collaborazioni a livello internazionale.

Le  università europee dominano la graduatoria di quest’anno. Ci sono 144 istituzioni europee nella parte superiore della lista. Più della metà di queste unità provengono dal Regno Unito, Spagna e Germania con 45 unità, 16 unità, e 15 unità. La Scuola dello Sport, Esercizio e Scienze della Salute di Loughborough University è l’unità più alta in classifica in Europa ed è al secondo posto nella classifica globale di ShanghaiRanking del 2016.
103 istituzioni hanno sede nel continente americano. 64 di queste unità sono degli Stati Uniti, che è il paese con il maggior numero di presenze nella classifica globale di ShanghaiRanking delle Scienze dello Sport. Seguono con 25 istituti il Canada e 14 il Brasile.

La Scuola di esercizio fisico e scienze della nutrizione della Deakin University, Australia, è al primo posto in classifica. 51 istituzioni hanno sede in Asia e Oceania e oltre il 90% di queste istituzioni hanno sede in Australia, Cina, Giappone e Nuova Zelanda. Le Università della Nuova Zelanda  hanno prestazioni eccezionali e 6 delle 8 università pubbliche del paese sono presenti tra le prime 30.
Due istituzioni provengono dall’Africa., l’università di Città del Capo, Divisione  di scienza dell’esercizio e di medicina dello sport è classificata 48 °.

Italia

Il nostro paese ottiene il 19° posto con l’Università di Verona, Facoltà di scienza dell’esercizio dello sport. Seguita: 184° Università di Milano, Dipartimento scienza della nutrizione e dello sport, 187° dall’Università di Tor Vergata, Scuola di scienze dello sport e dell’esercizio e 257° l’Università del Foro Italico, Dipartimento del movimento umano e scienze dello sport.

Vinci se non ci pensi

Sono in molti  pensare che per vincere bisogna entrare in campo con l’idea di vincere. Quando spiego che invece bisogna gareggiare, in qualsiasi sport, restando concentrati su ciò che serve per competere al meglio di se stessi, molti pensano che sia sbagliato. E’ vero il contrario. Se si pensa a vincere ci si mette addosso un compito che non è realizzabile, poiché anche se si fornisce la migliore prestazione di cui si è capaci non è detto che l’avversario non si dimostri ancora migliore e quindi ottenga il successo. Ora consiglio di vedere il video in cui Arrigo Sacchi spiega in modo brillante questo stesso concetto.

Risultati immagini per arrigo sacchi motivazione

Come segnare o sbagliare un rigore

Risultati immagini per totti cucchiaio a van der sar

15 anni fa Totti faceva il cucchiaio a Van der Sar – GUARDA IL VIDEO

Risultati immagini per pelle e zaza

PELLE E ZAZA – RIGORE SBAGLIATO ITALIA – GERMANIA – EURO 2016

Cosa fai quando la tua squadra fa goal?

Cosa fai  quando la tua squadra segna una rete? Se sei un tifoso di hockey su ghiaccio è il momento di lanciare degli orsacchiotti di peluche.

Risultati immagini per time for a teddy bear toss

Scopo dell’allenamento: insegnare a reagire immediamente a un momento negativo

Insegnare lo sport a giovani che si allenano più ore tutti i giorni, significa insegnare ad affrontare le difficoltà. Diventare un atleta esperto vuol dire conoscere meglio se stessi, e ciò avviene solo nelle situazioni che ci costringono a essere totalmente focalizzati sulla prestazione da fornire in un dato momento.

Chi pratica un’attività ricreativa ha lo scopo di impegnarsi per essere nell’immediato soddisfatto di ciò che sta facendo, una corsa in un parco o una passeggiata in montagna si fanno per scelta personale e per il piacere immediato che queste attività determinano, in ogni momento ci si può fermare per poi riprendere se si ha voglia.

L’atleta vive una situazione completamente differente anche se svolge un’attività che ha scelto e che gli fornisce soddisfazione. L’atleta è essenzialmente un esploratore di se stesso. Deve conoscere e ridurre i propri limiti e lavora per raggiungere la vetta che sarà in grado di conquistare attraverso questo lavoro di esplorazione. Non conosce a priori il risultato e neanche il punto di arrivo, ammesso che ve ne sia uno. Si dispone, infatti,  a correre il rischio di fallire mentre impegna tutto se stesso nel riuscire a soddisfare le sue aspirazioni.

Un atleta ha sviluppato questo atteggiamento nei confronti dello sport e delle sue prestazioni, quando si accorge che è in grado di accettare gli errori e i momenti negativi che incontra sul suo cammino. A nessuno piace sbagliare ma deve sapere che l’errore è parte di qualsiasi prestazione. Ciò che conta è fornire una reazione costruttiva all’errore. In questi momenti, è decisivo il lavoro interiore che conduce per parcheggiare da una parte della mente quanto è appena avvenuto, per concentrarsi nuovamente sul presente.

Molti atleti falliscono perché non s’impegnano abbastanza in questo lavoro di ri-focalizzazione sul futuro immediato. In altri termini, non si allenano a passare da giusto a sbagliato nel tempo più breve possibile. Quindi, l’allenamento deve essere organizzato in modo da sviluppare al meglio questa abilità, in caso contrario l’atleta penserà che i suoi limiti sono gli errori. Non è vero! Il limite principale di un atleta è, invece, la non sufficiente e rapida reazione all’errore.

Il nostro obiettivo deve essere conoscerci meglio

“Non conquistiamo la montagna, ma noi stessi” Sir Edmund Hillary

Risultati immagini per everest