Archivio per la categoria 'Calcio'

Eliud Kipchoge sposta in avanti i limiti umani

Se la maratona è una metafora della vita; l’impresa di Eliud Kipchoge è la dimostrazione che i limiti sono un’espressione culturale che si può superare con il lavoro.

Bisogna condurre una vita adeguata agli obiettivi che si vuole raggiungere e quello che si vuole succederà.

Qualcuno obietta che eventi inattesi possono impedire questo risultato. E’ vero ma bisogna impegnarsi ogni giorno come se non potessero accadere.

L’eccellenza non richiede l’abbandono dei propri affetti, che invece devono trovare posto all’interno del progetto.

Si dice che “se non sogni in grande non sei realistico”, dobbiamo insegnarlo ai giovani. Bisogna volere tutto, sapendo che solo impegnandosi al massimo e al meglio si potrebbe ottenerlo, ma nulla e nessuno potrà mai garantire questa soddisfazione: bisogna correre il rischio di fallire avendo dato tutto.

 

 

 

Pensieri critici sugli allenatori

… ma gli allenatori fanno una lista di cosa deve succedere per essere licenziati da una squadra di calcio e conoscono delle contromisure efficaci? O vanno ogni volta allo sbaraglio? #Milan #Sampdoria #Genoa e altre

Alla fine i soldi non li perdono … e allora perché dovrebbero essere più flessibili, perdono il lavoro ma non rischiano nulla in termini di sicurezza economica.

Sono dei piccoli Cesare, non disposti a cambiare le loro idee di gioco … per la serie andrà meglio la prossima volta?

Quanto mettono in discussione le loro idee dopo un licenziamento? Oppure vivono solo in attesa di un’altra squadra su cui dimostrare la bontà delle loro idee?

Come deve costruire la coesione l’allenatore

In questo periodo iniziale della stagione sportiva dei giochi di squadra, mi viene spesso chiesto come migliorare la coesione di una squadra soprattutto da parte di chi lavora nelle squadre juniores e in quelle dei campionati che non giocano nei campionati di massimo livello. Faccio questo distinguo perché fra i coach è diffusa l’idea che avendo poco tempo a disposizione, tutto ciò che esula dal lavoro tecnico svolto in campo sia un lavoro superfluo, a cui non si ha tempo da dedicare, proprio perché: “Non siamo mica una squadra professionistica, dove i giocatori sono sempre a disposizione”.

Questo atteggiamento è la motivazione che spinge molti allenatori a ritenere che i giocatori debbano adattarsi al loro metodo di lavoro e alla gerarchie proposte. Preparazione fisica e tecnica/tattica la fanno da padroni e se qualcuno non è d’accordo, peggio per lui/lei.

La leadership si manifesta in sostanza con la somministrazione di un programma di allenamento che deve essere seguito senza discussioni. Si parte da considerazioni corrette (tempo limitato, poche risorse economiche, orari non ottimali) per giungere a conclusioni sbagliate. Chi si adatta è ok; chi non accetta questo approccio viene di solito etichettato come pigro, poco disposto a fare sacrifici o presuntuoso.

Purtroppo, la cultura del lavoro e la coesione di squadra sono fattori imprescindibili in uno sport di squadra e non si costruiscono con questo approccio. La prestazione di squadra trae invece la sua forza dall’allenamento quotidiano del concetto di NOI: la prestazione vincente nasce dall’integrazione del comportamento di vari giocatori, per cui bisogna insegnare a più persone a fare bene cose diverse, insieme e contemporaneamente.

L’allenatore deve:

  1. Favorire la partecipazione, ascoltando le indicazioni dei giocatori
  2. Evitare i favoritismi
  3. Premiare i comportamenti altruistici
  4. Ridurre i comportamenti individualistici
  5. Attribuire a ognuno obiettivi sfidanti e raggiungibili
  6. Attribuire a ogni giocatore un ruolo specifico
  7. Favorire un clima di allenamento orientato all’apprendimento e collaborazione
  8. Stimolare l’impegno massimo e rinforzarlo costantemente
  9. Sostenere sempre la squadra quando è in difficoltà
  10. Spendere del tempo per valutare con atleti l’impegno profuso in allenamento
  11. Analizzare freddamente con la squadra i risultati delle partite

La domanda per gli allenatori è: quanto tempo dedichi allo sviluppo di questi fattori della prestazione?

I trabocchetti della vita colpiscono tutti

Era il 1986. La parola sulla maglietta di Maradona è “No droghe” e quella sulla maglietta di Platini è “No alla corruzione”.

Ci devono fare ricordare che ogni essere umano è un groviglio di contraddizioni, anche se è un campione, e che bisogna sempre fare attenzione ai trabocchetti che la vita ci presenta, riconoscendoli per evitare di caderci dentro e per rispettare il nostro benessere e le regole della convivenza sociale.

Perdere fa parte del gioco

Perdere fa parte del gioco in cui gli atleti sono coinvolti. Tutti lo sanno, pochi lo accettano. Si chiudono per la vergogna di non essere stati capaci di vincere una gara, per evitare di valutare con freddezza cosa dovranno fare la prossima gara.

Perdere viene vissuto come una ferita alla propria persona: “Allora vuol dire che nonostante mi alleni, poi non riesco a fare ciò che so fare”. In questo modo, non si sviluppa fiducia in se stessi e questa spiegazione della sconfitta continua a pesare anche nella gara successiva. La mente non è libera, non è concentrata sul presente ma è presa da vedere cosa succederà questa volta: “Sarò capace di fare quello che so fare oppure cadrò di nuovo negli stessi errori?”.

Si stabilisce un circolo vizioso che limita l’atleta e le sue prestazioni, perché questo atteggiamento negativo non gli permette di stare concentrato sul compito e si vive in attesa della catastrofe che a un certo punto arriverà.

E poi le giustificazioni: ero stanco, non ho dormito bene, sentivo il peso della responsabilità, tutti si aspettano che faccia bene, “Sì, potrei … però è difficile … in quei momenti non reagisco”.

C’è una consolidata abitudine a trovare degli alibi alle proprie prestazioni negative e non c’è l’umiltà di dire a se stessi “Ok , ho sbagliato questo e quello; bene la prossima volta voglio impegnarmi trovare le soluzioni a queste difficoltà”.

Le gare non sono una passeggiata di salute. Per gli atleti le gare sono delle prove estreme e chi è più capace ad affrontare le difficoltà che la situazione estrema propone, di solito è vincente.

Noi psicologi dello sport possiamo svolgere un ruolo importante nel determinare questa consapevolezza e nell’insegnare modi positivi di vivere queste situazioni estreme. Non è un problema sbagliare, è un fatto fisiologico perché vince chi sbaglia di meno. Commettere errori è parte della gara, anche chi vince commette errori. Probabilmente ne commette di meno e si fa influenzare meno dai propri errori.

Non si può non sbagliare: solo chi è presuntuoso può pensare diversamente. Si sbaglia e l’istante dopo si pensa adesso mi correggo in questo modo. Quante volte si deve fare in questo modo? Non lo so, dipende dalla durata della gara ma una cosa è certa:

“Non importa quante volte cadi ma quanto in fretta ti rialzi”.

Tottenham e Atalanta prive di resilienza

Le partite di ieri di Champions League hanno messo in mostra un problema di resilienza in alcune squadre, quali il Tottenham (ha perso 7-2 con il Bayern) e l’Atalanta (2-1 con lo Shaktar). Ambedue queste squadre non hanno saputo reagire positivamente alle difficoltà della partita.

Infatti, la resilienza si riferisce proprio alla capacità di reagire immediatamente a un problema. E’ quell’abilità che permette alle persone reagire alle sconfitte, ritornando indietro più forti di prima. Queste persone, piuttosto che lasciarsi travolgere dall’insuccesso e blocchi la loro determinazione, trovano invece un modo per risorgere da quei momenti.

Diciamo anche le squadre che spesso perdono le partite, come in questo periodo (Spal, Sampdoria, Genia e Milan) e quelle che spesso giocano al di sotto del loro livello mostrano una carenza di resilienza. Lo stesso vale per gli allenatori che le guidano.

  • Conoscere le situazioni che si devono affrontare nel dettaglio
  • Avere un piano per fronteggiarle con successo
  • Essere disposti ad adattarsi immediatamente alle situazioni nuove e impreviste
  • Credere nelle proprie capacità personali e della squadra, impegnandosi al massimo per attuarle
  • Sapere reagire positivamente e immediatamente a un errore
  • Comunicare e sostenere i compagni per tutta la durata della prestazione
  • Scaricare la tensione quando è possibile e nelle pause di gioco
Sono competenze che si dovrebbero costantemente migliorare. La domanda che dovrebbero porsi gli allenatori sono::
  1. Sono consapevole dell’importanza della resilienza?
  2. Sono convinto che si possa allenare?
  3. Quanto spesso l’alleno nella mia squadra?

 

 

L’atteggiamento costruttivo durante una partita di calcio

Andreazzoli, Di Francesco, Semplici e Giampaolo rischiano la panchina a causa dei risultati negativi delle loro squadre: Genoa, Sampdoria, Spal tutte con un punto e il Milan con due punti dopo sei partite.

Certamente le situazioni sono diverse da squadra. Ad esempio Semplici è l’allenatore con più anni nella stessa squadra in Serie A (cinque anni) mentre Giampaolo si trova a gestire la squadra di un club storico e vincente.

Per cui al netto delle differenze societarie e di club e delle abilità dei calciatori, si può comunque fare un ragionamento sulla mentalità di una squadra e del suo allenatore che conoscendo le difficoltà, 1 o 2 punti ottenuti su 18 disponibili, su quali fattori dovrebbe impostare il lavoro settimanale?

Non so quali errori siano stati commessi nella guida di questi team ma vediamo quelli più usuali, quando i leader si trovano a guidare gruppi i cui risultati non corrispondono alle aspettative d’inizio anno.

Timing - “tutto e subito” è nemico del “miglioramento nel tempo” e troppi allenatori e dirigenti “sperano che vada come pensano loro” piuttosto che “costruire una squadra”.

NOI – indispensabile responsabilizzare i calciatori sul concetto “si gioca insieme”, ognuno è responsabile non solo della propria prestazione ma in ugual misura di come favorisce e sostiene quella dei compagni.

Errori – il calcio è uno sport dove si commettono errori ma, “bisogna subito correggersi” senza lamentarsi. “Perdo la palla, recupero subito la palla” e non “perdo la palla, mi lamento/mi fermo e lascio andare l’avversario”.

Competitività – insegnare che non importa quale sia il punteggio e il momento della partita ma bisogna sempre giocare al meglio delle proprie capacità e mai favorire l’avversario con un atteggiamento di squadra depresso.

Spogliatoio – Vanno identificati e sostenuti quei calciatori che nello spogliatoio s’impegnano a mantenere unito e concentrato sulla partita il gruppo quale che si il punteggio (positivo o negativo).

Dialogo di squadra – il dialogo in campo tra i calciatori deve essere sempre costruttivo e teso mantenere un livello emotivo e competitivo efficaci.

Allenatore – In ogni istante della partita e sino al fischio finale, indipendentemente dal risultato, non deve mai smettere di guidare e sostenere i calciatori.

 

Questi sono a mio avviso i fattori principali che dovrebbero essere sviluppati in ogni squadra. Tutti possono migliorare molto sotto questo punto di vista, non dipendono da nessun talento e non dipendono dal tipo di gioco che si vuole fare.

Rappresentano i presupposti delle prestazioni efficaci. Si possono avere i calciatori migliori o gli schemi più efficaci ma se la squadra è carente anche solo su uno di questi punti non potrà mai esprimersi al suo meglio.

 

 

I 10 errori più comuni degli atleti

Lista degli errori più comuni commessi dagli atleti partendo dalle loro frasi
  1. la tecnica risolve ogni situazione di difficoltà
  2. basta allenarsi molte ore e se non bastano ne aggiungiamo altre
  3. è importante fare come dice l’allenatore
  4. ho fatto tutto quello che dovevo per essere pronto, ora vediamo come va
  5. l’avversario era troppo forte
  6. non è possibile che continui a commettere questi errori
  7. sono fatto così, dopo un po’ perdo la testa
  8. oggi non era proprio giornata, lo sapevo che sarebbe andata male
  9. quando faccio un errore stupido, mi arrabbio con me stesso e ne commetto un altro
  10. E’ andato tutto bene sino a quel momento, poi è stato un disastro

 

 

#Rugbyworldcup

Quando giochi in squadre diverse ma sei consapevole di appartenere alla stessa famiglia succedono cose di questo tipo.

Embedded video

4 lezioni di vita da Roger Federer

Lezioni di vita per tutti gli atleti che vogliono avere successo nella loro carriera!

Risultati immagini per 4 life lessons from roger federer

 

 

4 life lessons from Roger Federer