Archivio per il tag 'psicologia dello sport'

Master in psicologia dello sport

OPENDAY- LO PSICOLOGO È PIÙ DI UN MENTAL COACH

Mercoledì 15 Settembre ore 19.00

Openday Online
LO PSICOLOGO È PIÙ DI UN MENTAL COACH

Le Olimpiadi hanno messo in risalto l’importanza degli aspetti mentali nella prestazione dell’atleta e del ruolo dello Psicologo come Mental Coach. Gli spazi professionali dello psicologo sono però molto più ampi. Infatti, non riguardano solo chi fornisce prestazioni assolute ma anche i settori giovanili, la promozione della salute mentale degli atleti, le attività sportive che favoriscono l’integrazione degli atleti con disabilità, la formazione e la consulenza rivolta agli allenatori e lo sport come benessere per tutti.

Durante l’OpenDay affronteremo questi temi, evidenziando i percorsi professionali per lo Psicologo dello Sport e la necessità di acquisire skill e strategie consulenziali specifiche.

Ne discuteranno:

  • Alberto Cei
    Psicologo dello Sport, preparatore mentale di atleti olimpionici e Direttore Scientifico del Master Psicosport
  • Daniela Sepio
    Psicologa dello Sport, Coordinatrice Didattica del Master Psicosport

Iscriviti qui: https://www.psicosport.it/blog/open-day-15-settembre-alberto-cei-daniela-sepio

Master in psicologia dello sport

In questo blog voglio parlare per la prima volta in modo diretto del master di psicologia dello sport, organizzato da psicosport, e di cui dalla prossima edizione sono diventato direttore scientifico. Ho accettato questo ruolo perchè penso che oggi in Italia si possa fare molto di più e meglio per dare una prospettiva di lavoro professionale a chi è interessato a svolgere questa attività ma anche a chi ha iniziato a svolgerla negli anni ma desidera trovare degli approfondimenti. Infine, il master si rivolge anche ai colleghi che hanno altre specializzazioni e sono interessati a capire in che modo possono utilizzare le loro competenze nello sport e in quali ambiti arricchirle e aggiornarle.

Lo sport è un ambito molto ampio e diversificato può riguardare l’ambito dell’attività giovanile, degli sport di squadra piuttosto che individuali, dello sport agonistico e di quello relativo allo sport ricreativo e dello sport per tutti per dire solo di alcuni fra i molti aspetti dello sport. Il master vuole rendere appieno questa differenziazione e fornire conoscenze e competenze che riguardano i differenti ambiti professionali in cui lo psicologo dello sport potrebbe trovarsi a lavorare. In tal senso, si parte dalle attività proposte dal mercato sportivo per giungere alle strategie e tecniche da acquisire per essere in grado di rispondere alle esigenze delle società sportive.

Un secondo aspetto centrale del master è rappresentato dal tirocinio che vedrà coinvolti gli psicologi presso le società sportive che collaborano con psicosport. Il tirocinio sarà supervisionato durante lo svolgimento del master e il project work riguarderà il lavoro svolto e la costruzione di un progetto di consulenza rivolto alla società sportiva.

Il tirocinio e la conoscenza delle attività richieste dal mondo sportivo allo psicologo rappresentano la spina dorsale del master, su cui s’innesteranno gli apprendimenti e gli approfondimenti sulle strategie e tecniche per iniziare o continuare una carriera di psicologo dello sport. Di conseguenza l’acquisizione delle competenze tecniche non sarà mai fine a se stessa ma sarà integrata a quanto serve saper fare negli specifici contesti di lavoro.

 

Master in psicologia dello sport

28° Edizione del Master in Psicologia dello Sport

Due edizioni: Milano (ottobre 2021) e Roma (Gennaio 2022)

OBIETTIVI DEL MASTER

  • Promuovere nello sport l’intervento di psicologi professionalmente competenti.
  • Consentire ai partecipanti l’acquisizione delle competenze di psicologo dello sport attraverso l’attività didattica, il confronto con esperienze di eccellenza, stage presso federazioni e società sportive, project work e testimonianze di valore assoluto.
  • Sviluppare la professione di psicologo dello sport, attraverso la realizzazione di un percorso formativo strettamente correlato alle diverse esigenze del contesto sportivo.
  • Diffondere i risultati ottenuti dai principali centri internazionali d’eccellenza, mutuandone strumenti e metodi, adeguandoli al contesto italiano.
  • Creare l’opportunità all’inserimento lavorativo nelle società sportive con la realizzazione e successiva implementazione del Project Work sviluppato durante il Master.

    DOCENTI

    Il corpo docente del Master è costituito da Psicologi professionisti esperti in psicologia dello sport e della prestazione, docenti Universitari, dirigenti sportivi, allenatori e atleti di livello assoluto.

    Direttore Scientifico è il Prof. Alberto Cei

    PROGRAMMA DEL MASTER: 9 MODULI FORMATIVI

    1. Osservazione e valutazione dell’atleta
      Osservazione abilità e motivazione dell’atleta, strumenti di valutazione e assessment psicologico.
    2. L’allenamento
      Insegnare per allenare: i fondamenti dell’allenamento sportivo. Aspetti psicologici e sviluppo dell’autoefficacia.
    3. Le tecniche in psicologia dello sportTecniche psicologiche: respirazione, mindfulness, attivazione/disattivazione, self-talk, flow, allenamento ideomotorio, imparare dall’esperienza, playbook.
    4. L’attività giovanileAttività giovanile, sport di squadra, dinamiche di gruppo e leadership.
    5. La preparazione mentale nel tennis e negli sport di situazioneStrategie e tattiche per gestire la competizione e allenare gli aspetti mentali specifici.
    6. Dagli sport di precisione agli sport di lunga durata Dagli sport di precisione agli sport di lunga durata: resilienza, attenzione e tenacia.
    7. La CompetizioneLa preparazione alla competizione: condizione pre-gara ottimale, routine, partenza, gestione degli errori, gestione degli eventi inattesi.
    8. Inclusione e benessereLo sport per le persone con disabilità; benessere: ottimismo, infortuni, doping, stile di vita dell’atleta.
    9. Outdoor – Conclusione del Master
      Presentazione finale del Project Work, team buildinge esperienza residenziale.

      Ulteriori informazioni: 

      Chatta su WhatsApp con +39 351 759 2912

      E-mail: psicosport@psicosport.it

28° Edizione Master in Psicologia dello Sport

#OPENDAY ONLINE
Partecipa e scopri il nostro #Master in #PsicologiadelloSport, giunto alle 28a edizione! Illustreremo finalità e modalità didattiche del Master.
Percorso formativo dedicato a:
> Psicologi
> Laureati e laureandi in #Psicologia

Advisory Board d’eccezione:
Fiona May OLY
Patrizia Steca
Alberto Cei
Damiano Tommasi

>> Scegli Giorno e Ora, Iscriviti Subito! <<
https://lnkd.in/dW4mnbY

PS_Sito_Master Psicologi_OpenDay.png

 

 

I pionieri della psicologia dello sport in Nord America

Gloria Balague, Daniel Gould and Glyn Roberts (2020) North American sport psychology pioneers. International Journal of Sport Psychology, 51, 456-479.

Articolo di grande rilevanza per chi voglia capire lo sviluppo della psicologia dello sport, scritto da tre protagonisti di questo sviluppo degli ultimi 40 anni.

La nostra rassegna della psicologia dello sport in Nord America fornisce un contesto per aiutarci a capire dove siamo oggi. In primo luogo, la psicologia dello sport ha una lunga storia con individui provenienti sia dal campo della psicologia che da quello dell’educazione fisica/cinesiologia. Andando avanti, è meglio guardare ai benefici che le persone formate in ogni area portano alla psicologia dello sport e non cadere in preda a discussioni su quale formazione sia la migliore. In secondo luogo, sia i ricercatori che i praticanti hanno contribuito a far progredire il campo fino al punto in cui si trova oggi. Ricercatori e professionisti devono rispettare i reciproci contributi e lavorare insieme adottando un orientamento dalla ricerca alla pratica e dalla pratica alla ricerca. Terzo, i pionieri che hanno dato i maggiori contributi alla psicologia dello sport hanno dedicato porzioni significative, se non tutto il loro tempo a questo ambito e hanno lavorato in modo coerente nel tempo. Quarto, anche se ci sono stati veri pionieri che hanno contribuito a far progredire il campo, dovremmo stare attenti a non cadere preda dell’approccio del grande uomo o della grande donna nella storia. Il campo è veramente decollato in Nord America quando un gran numero di ricercatori, accademici e consulenti hanno iniziato a lavorare nel campo, spesso con un certo anonimato. Infine, il campo è stato e sarà influenzato da eventi sociali e culturali più ampi, come le flessioni economiche, le guerre e le pandemie, così come i cambiamenti nelle organizzazioni educative e sportive (ad esempio, l’enfasi posta sulle borse di studio nelle principali università, la legislazione sullo sport sicuro per proteggere i giovani dai predatori sessuali). Coloro che si specializzeranno nel campo in futuro dovranno scoprire come tenere a mente i valori e le lezioni apprese dai pionieri che hanno permesso la crescita e allo stesso tempo adattarsi a questi grandi cambiamenti culturali e istituzionali.

50° Anniversario International Journal of Sport Psychology

In occasione del

50° anniversario dell’International Journal of Sport Psychology – 1970-2020

è uscito il primo numero speciale dedicato a come si è sviluppata la psicologia dello sport. 

Sidonio Serpa, Fabio Lucidi, Alberto Cei

For the second time in its history, the IJSP decided to mark its anniversary. Two special issues celebrate the 50 years of the journal, this being the first one, in a look at the History of sport psychology, while the second mostly looks into the future, identifying some new trends of research, as well as the reorientation of some classic topics according to the Society changes.

The purpose of the current issue is double. On one hand, to preserve the memory of the path taken by sport psychology so far, as well as paying tribute to those who contributed to its development. On the other hand, by reflecting on the History, to understand better the present situation and, thus, working more efficiently for the future applied and scientific developments.

Chi è interessato all’acquisto può scrivere attraverso l’indirizzo di questo blog.

Certificazione europea in psicologia dello sport

La FEPSAC ha stabilito la certificazione europea degli specialisti in psicologia dello sport applicata.

Premessa

La certificazione professionale è un elemento cruciale per l’istituzione, la legittimazione e la reputazione di una professione (Portenga, 2014). Il Consiglio direttivo della FEPSAC ha sviluppato delle linee guida per la certificazione degli specialisti in psicologia dello sport applicata, stabilendo un processo di certificazione per distinguere questi professionisti da altri sul mercato (ad esempio, consulente per il miglioramento delle prestazioni, trainer di abilità mentali, mental coach). L’obiettivo di tale iniziativa è quello di definire gli standard minimi che dovrebbero essere soddisfatti dagli individui al fine di qualificarsi per la pratica indipendente nel campo della psicologia dello sport applicata.

Il processo di certificazione si concentra sugli standard per i professionisti nel campo della psicologia dello sport che hanno un background di qualificazione iniziale in scienza dello sport, psicologia, o entrambi. La FEPSAC ritiene che i professionisti debbano soddisfare elevati standard di formazione e di fornitura utilizzando e completando le competenze specifiche della loro formazione iniziale.

La FEPSAC ha esaminato attentamente diversi sistemi di certificazione in tutta Europa e ha incontrato e discusso con persone e organizzazioni internazionali coinvolte nella certificazione, nello sviluppo professionale continuo, nell’istruzione e nella formazione, e negli aspetti legali della certificazione, al fine di garantire che le migliori pratiche in tutta Europa siano mantenute.

I membri che sono certificati possono usare l’acronimo SASP-FEPSAC dopo il loro nome e il loro più alto grado universitario; tale acronimo denoterà l’etichetta “specialista in psicologia dello sport applicata“, indicato in questo documento anche come specialista. Mentre SASP-FEPSAC rappresenta lo standard minimo di istruzione e formazione in psicologia dello sport applicata, non designa l’individuo come “psicologo dello sport”; piuttosto, l’individuo è certificato come specialista nel campo della psicologia dello sport applicata. Si noti che i requisiti per la fornitura di servizi psicologici sono determinati da singole commissioni statali e territoriali di licenza.

La prossima scadenza di presentazione sarà il 30 marzo 2021.

Auguri di Buon Anno alla Psicologia dello Sport

La psicologia dello sport ha fatto molta strada da quando agli inizi degli anni ’60, nel periodo 1959-1963  venivano pubblicati 300 articoli. Continuiamo a pensare che sia una disciplina giovane ma sarebbe meglio iniziare a pensare che al contrario è una parte della psicologia ormai bene affermata e al suo interno molto differenziata.

Basti pensare che accanto alla classica distinzione fra psicologia dello sport e psicologia dell’esercizio, si sono affermate diverse altre aree come era già stato evidenziato da Robert Singer nella relazione introduttiva al Congresso Mondiale dell’ISSP a Lisbona nel 1993.

D’altra parte sono almeno 10 le riviste di psicologia dello sport e ogni anno vengono pubblicati in tutto il mondo decine di libri di psicologia dello sport.

La psicologia dello sport gode di buona salute e offre ormai le stesse opportunità che si possono trovare nelle altre aree della psicologia. Inoltre, è molto considerata da atleti e allenatori che ne comprendono la funzione.

Quindi mia cara Psicologia dello Sport ti auguro un prosperoso 2021!

 

 

 

Psicologia dello sport in Cina




Recensione Libro: Foundations of Sport and Exercise Psychology – 7th Edition

Foundations of Sport and Exercise Psychology – Seventh Edition

Robert S. Weinberg and Daniel Gould

Human Kinetics, pp. 663

This updated publication of Foundations of Sport and Exercise Psychology,Seventh Edition, includes web study guide, with technique videos, expert interviews and interactive activities.

Since many years, this is the leading handbook in sport and exercise psychology, now is back in a revised version, introducing new topics and updating the classical fields of this discipline. In this way, this textbook continues to play its role toward students and practitioners, providing a global and specific vision of sport and exercise psychology and drawing a strong bridge between research data and applied interventions.

In the first part of the book, Robert Weinberg and Daniel Gould describe in this 7thEdition a broader horizon of this field, with a section dedicated to talk about the present and future, centered on counseling and clinical training, the ethics and competence issues, the tension between academic and applied sport psychology, the problems related to the limited full-time positions for applied sport psychologists, the globalization of sport and exercise psychology, the advancement in technology and sport psychology-business link.

There is also a new chapter, in the third part of the book, titled  “Diversity and Inclusion” addressing topics related to gender, ethnicity, race, sexual orientation, and disability. New contents are introduced in different book part related to popular and emerging areas like grit, mindfulness, organizational sport psychology, and technology in sport psychology.
Modern-day practical examples and anecdotes have been choose to better illustrate the concepts. The references have been updated including more current publications.

The updated web study guide represents an important learning tool supporting the educational journey. It includes more than 100 engaging activities, allowing students to apply the concepts from the text by completing activities for each chapter:

  • Use actual sport and exercise psychology instruments to assess their skills
  • Determine how to respond to real-life scenarios (with short answers or essays)
  • Review research studies and experiments
  • Search the Internet for relevant information
  • Apply and test their understanding of principles and concepts of sport and exercise psychology

Many of the study guide activities are completed by audio and video clips showing how sport psychology consultants interact and talk with athletes and coaches to improve their experiences and competences. These clips have been registered by esteemed experts from the field discussing concepts and situations they have encountered and managed during their careers.