Archivio per la categoria 'Libri'

Abilità ed errori degli arbitri

 

 

Storia del primo psicologo del calcio

La Coppa del Mondo 2022 è un torneo di novità. La prima Coppa del Mondo disputata in Medio Oriente. La prima Coppa del Mondo disputata in inverno. Sarà la prima Coppa del Mondo in cui gli psicologi viaggeranno con la maggior parte delle squadre che partecipano alla competizione? È possibile.

È estremamente difficile confermare il numero di psicologi che accompagneranno le squadre in Qatar, soprattutto perché ci sono nazioni che cercano ancora (per vari motivi) di tenere nascosto questo tipo di informazioni. Tuttavia, con un numero maggiore di squadre d’élite che impiegano psicologi a livello nazionale, è logico sospettare che in Medio Oriente ci saranno più professionisti della performance e della salute mentale di quanti ce ne fossero in Russia quattro anni fa.

Ciò che non è in discussione è che la professione sarà rappresentata in misura maggiore rispetto alla Coppa del Mondo del 1958, quando una sola squadra – il Brasile – portò uno psicologo in Svezia. Questa è la straordinaria storia dell’uomo che accompagnò Pelè, Garrincha e compagni nel loro viaggio in Europa e tornò come primo psicologo vincitore di una Coppa del Mondo.

Twitter avatar for @procopiocardozo

Procópio Cardozo @procopiocardozo
Pelé, Dr João Carvalhais e Mazola. 1958.
Image

Le campagne del Brasile per la Coppa del Mondo del 1950 e del 1954 erano state tortuose. Nel 1950 la sconfitta in finale con l’Uruguay al Maracanã, la casa spirituale del calcio brasiliano, provocò un lutto in tutto il Paese. Il torneo del 1954, tenutosi in Svizzera, si concluse con l’ignominia: il Brasile fu ridotto in nove uomini durante un brutto 4-2 ai quarti di finale contro l’Ungheria, in una partita soprannominata “La battaglia di Berna”.

Mentre la nazionale cercava di superare il trauma emotivo, uno psicologo poco conosciuto faceva il suo ingresso nel calcio nazionale brasiliano. Carvalhaes si unì al São Paulo nel 1957, lasciando un lavoro di formazione degli arbitri per la federazione calcistica della città. L’interesse del club fu suscitato dal laboratorio di psicologia da lui fondato, che non si sarebbe visto in Europa fino alla “Mind Room” del Milan alla fine degli anni Ottanta.

Nel laboratorio, costruito presso la sede della federazione, venivano utilizzati 10 test che esaminavano funzioni cognitive come la visione stereoscopica (percezione della profondità). Carvalhaes usava i test per evidenziare le abilità che gli arbitri in formazione dovevano affinare prima di qualificarsi ad arbitrare partite professionistiche. Carvalhaes ha fissato delle soglie per ogni variabile monitorata: i candidati che ottenevano un punteggio inferiore a un determinato parametro erano considerati incapaci di arbitrare. Ad esempio, i partecipanti che hanno registrato un risultato più lento di 50 centesimi di secondo durante il “test dei tempi di reazione” rientravano in questa categoria. Al lavoro diurno affiancava regolari periodi serali come commentatore e giornalista di pugilato, durante i quali adottava lo pseudonimo di João do Ringue (Joao del ring). In contrasto con il suo personaggio a bordo ring, tuttavia, il comportamento di Carvalhaes a bordo campo era riflessivo, secondo l’ex collega José Glauco Bardella.

“Arrivando al campo di allenamento, erano tutti eccitati, ma João se ne stava in un angolo, tranquillo, con le mani in tasca, a osservare”, ha raccontato in un documentario del 2000 sul lavoro di Carvalhaes, realizzato dal Consiglio regionale di psicologia di San Paolo. Carvalhaes era attento, ma non era un semplice spettatore. Dopo che il São Paulo vinse il Campeonato Paulista nel 1957, il primo campionato statale della squadra dal 1953, Carvalhaes fu acclamato per il suo ruolo nel processo di selezione dei calciatori che si rivelò fondamentale per la vittoria. Il direttore del club Manoel Raimundo Paes de Almeida disse che la sostituzione del centrocampista titolare Ademar con il compagno Sarara, che poi brillò in una partita cruciale con il Corinthians, si basò sulle preoccupazioni di Carvalhaes per lo stato mentale di Ademar.

Un anno dopo, la Confederazione Brasiliana dello Sport (CBD) si fece sentire. Il vicepresidente Paulo Machado de Carvalho, l’uomo incaricato di pianificare l’imminente Coppa del Mondo, chiese a Carvalhaes di unirsi al comitato tecnico della squadra. Era un’offerta troppo buona per essere rifiutata. I preparativi del Brasile erano già in corso e Carvalhaes non perse tempo ad applicare i metodi che aveva impiegato a San Paolo. Durante il ritiro pre-torneo della squadra ha condotto un test “Army Alpha”, un adattamento di un programma americano progettato per valutare le capacità intellettuali delle reclute della Prima Guerra Mondiale.

L’esame, della durata di 50 minuti, esaminava le capacità aritmetiche e il vocabolario dei giocatori, con l’intento di assegnare un “punteggio di intelligenza”. A quelli ritenuti meno capaci veniva chiesto di sottoporsi a un test “Army Beta” che prevedeva esercizi come il completamento di immagini disegnate a metà e il tracciamento di percorsi attraverso labirinti bidimensionali. Sebbene i concetti alla base dei test possano sembrare datati rispetto alla teoria psicologica contemporanea, essi si spingevano oltre i confini del pensiero dell’epoca, in particolare in uno sport che aveva visto ben poco, se non nulla, in termini di interventi incentrati sulla psicologia.

A Carvalhaes fu chiesto di presentare i suoi risultati al comitato tecnico della CBD. I risultati, con sua grande costernazione, furono divulgati ai media brasiliani. In una lettera a de Carvalho, Carvalhaes ha affermato che i documenti erano stati rubati dalla sua valigetta. La fuga di notizie ha fatto pensare che la stella Garrincha, i cui risultati dei test erano scarsi, non avrebbe superato la selezione per la Coppa del Mondo. Carvalhaes era esasperato. Le ripercussioni pubbliche erano in contrasto con il suo modo di lavorare dietro le quinte. Ma la tempesta fu di breve durata. Dopo la nomina di Garrincha nella rosa del Brasile, le speculazioni dei media si placarono e Carvalhaes si recò in Svezia con il resto dello staff tecnico. Continuò a lavorare con i giocatori, utilizzando i test di psicodiagnosi miocinetica (MKP) per analizzare le caratteristiche individuali e adattare il sostegno di conseguenza. I test MKP, in cui ai giocatori veniva dato un foglio bianco e si chiedeva loro di disegnare qualsiasi cosa gli venisse in mente, si basavano sulla teoria che i movimenti muscolari espressivi possono aiutare a indicare il temperamento di un individuo. Ancora una volta, Carvalhaes applicava tecniche che non erano mai state utilizzate a questo livello di gioco. Ancora una volta, si è trovato in difficoltà.

Come parte dei nostri preparativi, lo psicologo della squadra, il professor João Carvalhaes, aveva condotto dei test su tutti i giocatori”, scrive Pelé nella sua autobiografia, “Pelé”.”Dovevamo disegnare schizzi di persone e rispondere a domande per aiutare João a fare valutazioni sull’opportunità di essere scelti o meno. “Su di me concluse che non dovevo essere selezionato: ‘Pelé è ovviamente infantile. Non ha lo spirito combattivo necessario”. Sconsigliò anche Garrincha, che non era considerato abbastanza responsabile. Fortunatamente per me e per Garrincha, Vicente Feola (il manager del Brasile) è sempre stato guidato dal suo istinto e si limitò ad annuire gravemente allo psicologo, dicendogli: “Forse ha ragione. Il fatto è che lei non sa nulla di calcio. Se il ginocchio di Pelé è pronto, gioca”.

Altri sono stati più positivi nella loro valutazione. Il portiere Gilmar, anch’egli intervistato per il documentario del 2000 sul lavoro di Carvalhaes, ha detto che “ci ha dato la possibilità di adottare idee che potevano migliorare le nostre prestazioni”, aggiungendo: “Dopo il torneo ci siamo resi conto che ha funzionato”. Il difensore Nilson Santos ha detto che la squadra ha imparato a “entrare in campo sorridendo” e le radio brasiliane, dopo la vittoria della Coppa del Mondo, hanno parlato di un “consenso sull’importanza” del ruolo di Carvalhaes. Sfortunatamente, la CBD è stata meno disponibile a elogiarlo, una posizione che ha avuto un impatto emotivo su un individuo riflessivo. ”Era molto arrabbiato perché de Carvalho aveva fatto commenti inappropriati sul suo lavoro e questo lo aveva rattristato molto”, ha detto Barella. Ma stava cominciando ad attirare un’attenzione più ampia. Secondo Barella, Carvalhaes ricevette inviti a interviste da riviste in Spagna, Francia e Germania, mentre anche Sports Illustrated mise in evidenza il suo contributo alla squadra brasiliana. Il riconoscimento internazionale contribuì a placare la frustrazione di Carvalhaes.

Carvalhaes morì nel 1976 all’età di 58 anni, solo due anni dopo essersi ritirato. Era tornato a San Paolo dopo la Coppa del Mondo del 1958, abbandonando il suo incarico in Nazionale per riprendere il suo ruolo nel club che aveva contribuito a renderlo famoso. Tornato nel relativo rifugio del calcio nazionale, Carvalhaes fu in grado di introdurre nuove idee, come le sessioni di consulenza individuale per i giocatori, a integrazione dei test cognitivi per i quali era famoso. Continuò a lavorare per il San Paolo fino al 1974, a parte un breve ritorno al pugilato nel 1963, quando fornì supporto psicologico ai pugili brasiliani che partecipavano ai Giochi Panamericani.

Sebbene Coleman Griffith (1893-1966) sia ampiamente riconosciuto come il primo psicologo dello sport, il suo lavoro era in gran parte limitato al football americano. Carvalhaes stava implementando metodi mai visti prima nel calcio di alto livello, e lo stava facendo con un certo successo. Se Carvalhaes ha contribuito a gettare le basi della psicologia dello sport contemporanea, anche la CBD – forse per la volontà di considerare tutte le opzioni nel tentativo di vincere la Coppa del Mondo – ha dato una mano. Senza il rischio che si sono assunti nel nominare uno psicologo, che era stato impiegato dal San Paolo per una sola stagione prima di entrare nella squadra nazionale, è probabile che il lavoro di Carvalhaes non sarebbe stato così ampiamente riconosciuto.

(Fonte John Nassoori)

Gli effetti del cervello online

Firth J, Torous J, Stubbs B, Firth JA, Steiner GZ, Smith L, Alvarez-Jimenez M, Gleeson J, Vancampfort D, Armitage CJ, Sarris J. The “online brain”: how the Internet may be changing our cognition. World Psychiatry. 2019 Jun;18(2):119-129.

L’impatto di Internet su molteplici aspetti della società moderna è evidente. Tuttavia, l’influenza che può avere sulla struttura e il funzionamento del nostro cervello rimane un argomento centrale di indagine. In questa sede ci basiamo sulle recenti scoperte psicologiche, psichiatriche e di neuroimmagine per esaminare diverse ipotesi chiave su come Internet possa cambiare la nostra cognizione.

In particolare, esploriamo il modo in cui le caratteristiche uniche del mondo online influenzano:

  1. le capacità attentive, in quanto il flusso di informazioni online, in continua evoluzione, sollecita la nostra attenzione divisa su più fonti mediatiche, a scapito della nostra  concentrazione prolungata;
  2. i processi della memoria, in quanto questa vasta e onnipresente fonte d’informazione online inizia a modificare il modo in cui immagazziniamo, recuperiamo e valutiamo la conoscenza;
  3. la cognizione sociale, in quanto capacità dei contesti sociali online di assomigliare e di evocare la realtà e i processi sociali del mondo reale, crea una nuova interazione tra Internet e la nostra vita sociale, compresi il nostro concetto di sé e l’autostima.

Nel complesso, le prove disponibili indicano che Internet può produrre alterazioni sia acute che durature in ciascuna di queste aree cognitive, che possono riflettersi in cambiamenti a livello cerebrale. Tuttavia, una priorità emergente per la ricerca futura è quella di determinare gli effetti dell’uso estensivo dei media online sullo sviluppo cognitivo nei giovani, ed esaminare come questo possa differire dai risultati cognitivi e dall’impatto cerebrale dell’uso di Internet negli anziani.

Concludiamo proponendo come la ricerca su Internet possa essere integrata in contesti di ricerca più ampi, per studiare come questo nuovo aspetto senza precedenti della società possa influenzare la nostra cognizione e il cervello nel corso della vita.

L’importanza del dialogo con se stessi

Van Raalte, Vincent e Brewer (2016) hanno fornito una definizione che sottolinea le caratteristiche linguistiche del self-talk. Secondo loro, il self-talk è “l’articolazione sintatticamente riconoscibile di una posizione interna che può essere espressa interiormente o ad alta voce, dove il mittente del messaggio è anche il destinatario” (p. 141). L’aggiunta del termine “sintatticamente riconoscibile” è di particolare importanza perché distingue il linguaggio del sé da altre verbalizzazioni (come le grida di frustrazione come aaahhhh!), dalle dichiarazioni di sé fatte attraverso i gesti e dalle dichiarazioni di sé fatte al di fuori del contesto del linguaggio formale. Definire il self-talk come “articolazione di una posizione interiore” contribuisce inoltre ad ancorarne il significato all’interno dell’individuo e a collocare l’origine del self-talk nella coscienza e nell’elaborazione delle informazioni.

Il discorso su di sé ha molte applicazioni potenziali, tra cui la rottura delle cattive abitudini e il sostegno agli sforzi per l’acquisizione di nuove abilità, ed è normalmente classificato in tre tipi: positivo, istruttivo e negativo.

Il linguaggio positivo si concentra sull’aumento dell’energia e degli sforzi, ma non porta con sé alcun indizio legato al compito (ad esempio, “posso farcela”). Il discorso positivo su di sé modella la nostra mente con pensieri che ci permettono di gestire meglio le situazioni difficili e lo stress. Aumenta anche la motivazione ed è quindi essenziale per gli atleti per ottenere prestazioni consistenti e ottimali (Blumenstein & Lidor, 2007).

Il self-talk istruttivo aiuta gli atleti a comprendere i requisiti del compito, facilitando la loro attenzione nei confronti degli spunti rilevanti per il compito, che aiutano la concentrazione dei giovani durante l’esecuzione del compito. Si può quindi affermare che il linguaggio istruttivo aiuta gli atleti a concentrarsi sugli aspetti tecnici della prestazione e a migliorare le loro abilità motorie (Hardy, Begley, & Blanchfield, 2015).

Il self-talk negativo è critico e ostacola il raggiungimento degli obiettivi. Il self-talk negativo interferisce quindi con una mentalità positiva, crea una mentalità di fallimento, sgonfia la fiducia in se stessi, riduce la motivazione, genera ansia e interrompe l’eccitazione ottimale (Burton & Raedeke 2008).

Sfortunatamente, gli allenatori di molte accademie calcistiche mostrano una notevole mancanza di conoscenze sull’allenamento delle abilità mentali dei giocatori (Harwood & Anderson 2015). Questa cruciale mancanza di conoscenze ha determinato una sottovalutazione del contributo della concentrazione e del dialogo con se stessi alle prestazioni calcistiche d’élite.

Fonte: Farina, M. and Cei, A. (2019). Concentration and self-talk in football. In Konter, E., J. Beckmann and T.M. Loughead (Eds.), Football psychology. New York: Routledge.

Recensione libro: Calcio magico

Francesco Fasiolo

Calcio magico. Oracoli, rituali e scaramanzie: il paradosso dell’irrazionale nel pallone

Ultra Sport, 2022

 

 

 

 

 

Il tema, assolutamente inedito nel panorama editoriale sportivo/calcistico, era troppo accattivante per non parlarne. “Calcio magico” infatti parte da una considerazione tanto vera quanto illogica: in un calcio fatto, oggi come oggi, da regole di finanza, economia, tecnologia e chi più ne ha più ne metta, la scaramanzia, la superstizione, i riti propiziatori di ancestrale memoria restano comunque protagonisti alla pari di tutti gli altri fattori. Il lavoro di Fasiolo, giornalista di Repubblica, si alterna tra Europa e Sudamerica tra aneddoti gustosi e oracoli bizzarri alla ricerca del perché nel calcio ci si appelli anche, se non soprattutto, a bizzarrie simili sulla falsariga dell’italico “non è vero ma ci credo” .

Cosa c’entrano con questo mondo i maghi, gli animali indovini, gli atti di fede, i numeri sfortunati, i rimedi anti-iella, le maledizioni e i vestiti portafortuna? C’entrano eccome, perché l’irrazionale spunta da ogni angolo di questo articolato meccanismo. Ce lo ricordano il rituale degli Azzurri campioni di Europa nel 2021 (Vialli “dimenticato” sul pullman prima di ogni match) e quello della Francia campione del mondo nel ’98 (il bacio propiziatorio sulla testa di Barthez), le previsioni pubbliche del polpo Paul, infallibile oracolo degli Europei del 2008 e dei Mondiali del 2010, gli incredibili riti prepartita di campioni internazionali e le avversioni di tanti presidenti per i numeri 13 e 17. “Calcio magico” si occupa delle superstizioni “interne al sistema”, quelle dei protagonisti dello show: calciatori, allenatori e club. Una casistica variegata e curiosa, che spinge a interrogarsi sul fenomeno con un approccio antropologico: questo abbandonarsi all’illogico è una sorta di resistenza alle ragioni della modernità?

La sconfitta del calcio italiano è nei numeri: no giovani, no mondiale

E’ stata presentata la 12ª edizione del ReportCalcio, elaborato dal Centro Studi Figc in collaborazione con Arel (Agenzia di Ricerche e Legislazione) e PwC Italia (PricewaterhouseCoopers). Pubblicato integralmente sul sito della Federcalcio.

Emerge con evidenza che la difficoltà della nostra nazionale è in larga parte determinata dalla difficoltà dei giovani calciatori a trovare spazio nelle squadre della Serie A. Infatti, la media dei giocatori italiani Under 21 nel campionato di Serie A è di 2,7 ragazzi a squadra. La percentuale dei minuti giocati dai calciatori Under 21 italiani sul totale dei minuti complessivi del campionato è del 4%. Quelli schierati titolari per ogni squadra a partita in Serie A è dello 0,43.

Tornando al discorso Nazionale, occorre porre l’accento sul fatto che dei 75 calciatori nati dopo il 2001 che hanno preso parte ad una gara di Serie A, solo il 46% è di nazionalità italiana (35). Oltre a non esserci troppi giovani nel campionato italiano, più della metà non sono nemmeno eleggibili per l’Italia. Nelle ultime convocazioni per la Nazionale U21, il commissario tecnico Nicolato ha chiamato 27 calciatori e solo 11 erano quelli provenienti dalla Serie A (inclusi 5 ragazzi del 2000).

La seconda lampante differenza riguarda, purtroppo, la quantità di nazionali U21 schierati nei rispettivi campionati: come già detto, in Serie A solo il 46% è eleggibile per la Nazionale Italiana. In Spagna addirittura il 72% dei giovani U21 impiegati sono spagnoli. In Francia sono il 64% e in Inghilterra il 58%. Quello tedesco è l’unico campionato dove si registra una percentuale inferiore alla nostra (43 %), anche se i loro giovani partecipano in maniera maggiore nei club. L’insieme degli U21 italiani ha collezionato 112 presenze da titolare dall’inizio della stagione, mentre quelli tedeschi hanno già 137 presenze (e tralasciamo che in Bundesliga hanno solo 18 squadre).

Emerge così un quadro deprimente per il campionato italiano. Non siamo nemmeno vicini ai livelli degli altri principali campionati. Inoltre, i giovani U21 presenti in Serie A non sono inseriti nelle squadre di vertice.

I giovani ci sono ma non li fanno giocare.

Recensione: Il controllo del pallone

Il controllo del pallone

I cattolici, i comunisti e il calcio in Italia (1943-anni settanta)

Fabien Archambault

Le Monnier, 2022, p. 420, euro 29

Questo libro approfondisce il ruolo del calcio nella lotta politica italiana dal dopoguerra agli anni settanta, e che evidenzia anche il ruolo dell’Uisp in quella fase storica. e una delle ipotesi che propone è che il legame tra sfera calcistica e sfera politica sia all’origine dell’ascesa del calcio nella cultura italiana di massa, al posto del ciclismo. La storia di questo sport chiarisce in effetti le strategie di inquadramento politico, di radicamento sociale e di fabbricazione del consenso realizzate dalla Chiesa, dalla Democrazia cristiana e dal Partito comunista, dalla caduta del fascismo fino alla fine degli anni Settanta. Il calcio ha infatti rappresentato una delle dimensioni significative dello scontro tra cattolici da un lato e sinistra comunista e socialista dall’altro. Entrambi gli schieramenti politici utilizzarono le forme di socialità associativa legate al movimento calcistico per promuovere i propri progetti.

Sergio Giuntini, storico dello sport, ha apprezzato il libro, in particolare per il contributo alla riflessione critica sull’evoluzione del fenomeno sportivo in Italia. Vi proponiamo la sua recensione del testo.

“Sulla storia dell’Uisp, e in specie sulle sue fasi genetiche e sugli anni a cavallo dei ’60 e ‘70 della cosiddetta svolta “alternativistica”, esiste ormai una discreta letteratura. Ad arricchirla si segnala il recente, eccellente lavoro “Il controllo del pallone. I cattolici, i comunisti e il calcio in Italia (1943-anni Settanta”) del francese Fabien Archambault, professore associato di Storia contemporanea all’università Paris 1 Panthéon-Sorbonne. La tesi di fondo avanzata da Archambault nel suo libro è la seguente: lo sviluppo del calcio italiano, nel secondo Dopoguerra, quando divenne progressivamente lo sport più  popolare del Paese ai danni del ciclismo, dipese da un suo legame piuttosto stretto con la sfera politica. Ovvero di esso di servirono, da un lato la Chiesa, la Democrazia Cristiana, il Centro Sportivo Italiano di Luigi Gedda, dall’altro il Partito Comunista Italiano, il Fronte della Gioventù di Enrico Berlinguer, l’Uisp, per le proprie strategie di insediamento sociale e inquadramento politico delle masse miranti alla conquista del consenso.

In una tale ottica, lo scontro intorno al football fra questi due fronti, e non a caso il saggio si apre con una gustosa baruffa calcistica fra Don Camillo e Peppone tratta dalle opere di Giovanni Guareschi, fu durissimo, senza esclusione di colpi, vedendo inizialmente prevalere quello catto-moderato arroccato attorno alla capillare rete degli oratori e delle parrocchie. Tuttavia l’Uisp cercò di reagire a questa egemonia del “calcio oratoriano”, e il volume di Archambault ne offre degli esempi emblematici soprattutto nel secondo capitolo: “Il calcio popolare” (pp. 71-118). Vale a dire che l’Unione si sforzò, in quella difficile stagione post bellica segnata dalla sconfitta epocale del 18 aprile 1948, di delineare una propria, specifica ideologia calcistica e, all’interno d’una siffatta elaborazione, di instaurare un problematico rapporto tra calcio dilettantistico e professionistico. Nondimeno, il testo di Archambault offre un illuminante spaccato dei tanti sabotaggi, politici e amministrativi, subiti dall’Uisp in quella temperie: dai rapporti polizieschi alle prefetture, che la dipingevano come un’organizzazione “segreta” con propositi insurrezionali, alla mancata e strumentale concessione degli impianti, viceversa concessi con larghezza alle parrocchie e alle sezioni del CSI. Una delle ragioni per cui, allora, l’Uisp si vide gioco-forza costretta a puntare maggiormente sul ciclismo, disciplina sportiva che non abbisogna di terreni da gioco, rispetto alla pratica del calcio.

Questo clima di scontro frontale si attenuerà con gli anni ‘60, seppure anch’essi politicamente caldissimi, giungendo a una maggiore legittimazione reciproca da parte dei due schieramenti. E a ragione di ciò occorre chiamare in causa la maggior capacità dell’Uisp, rispetto allo sport cattolico, di cogliere le profonde trasformazioni che stavano investendo lo sport e la società italiana. In conclusione un volume di assoluto spessore, sostenuto da un imponente mole di documenti archivistici, che porta un fondamentale contributo alla riflessione critica sull’evoluzione del fenomeno sportivo in Italia e sulla storia interna dell’Uisp in particolare”.

Immenso Nadal

Oltre avere una psicologia da irriducibile forse questo è il segreto più importante del successo di Nadal: “Ho passato un sacco di momenti difficili, un sacco di giorni di duro lavoro senza vedere la luce, ma continuando a lavorare e ricevendo un sacco di sostegno dalla mia squadra e dalla famiglia”

“Quindi un sacco di conversazioni con la squadra, con la famiglia su cosa può succedere o cosa succederà se le cose continuano così, pensando che forse era un’occasione per dire addio. Non era molti mesi fa. “Per essere dove sono oggi, non posso spiegare a parole quanto sia importante per me in termini di autocompiacimento ed essere grato per il supporto”.

“Ogni singolo giorno. Per molti mesi, a volte andavo in campo con la squadra e non ero in grado di allenarmi per 20 minuti, oggi per 45 minuti, e poi a volte ero in grado di allenarmi per due ore. Era molto difficile da prevedere ogni singolo giorno e stavo lavorando con il medico, cercando di trovare una soluzione.”Come ho detto un sacco di volte, quando si torna da infortuni che, purtroppo lo so molto bene, le cose sono sempre difficili e hai bisogno di andare giorno per giorno”.

“Hai bisogno di accettare gli errori. Devi perdonare te stesso quando le cose non vanno nel modo giusto, perché questo è l’unico modo. “Sai che all’inizio le cose saranno difficili.

“Certo, non avrai le migliori sensazioni a volte in campo, ma rimanere positivi, giocare con la giusta energia e, naturalmente, essere nel tour, allenarsi con i ragazzi e vincere le partite, di sicuro, aiuta e la scorsa settimana è stata importante per me”.

Fondamenti di Psicologia dello Sport

La psicologia dello sport è una disciplina che ha saputo ritagliarsi un suo spazio autonomo all’interno della psicologia e delle scienze dello sport e del loro insegnamento. I principali temi che affronta questa materia riguardano otto grandi aree: i processi cognitivi coinvolti nel controllo motorio e nella prestazione sportiva; le abilità psicologiche implicate nei diversi tipi di discipline; i processi motivazionali; il ruolo dell’allenatore e dell’organizzazione dell’allenamento; i programmi sportivi per l’infanzia; il benessere e la salute; le abilità interpersonali e le dinamiche di gruppo; i processi di autoregolazione, i livelli di attivazione e i sistemi per affrontare lo stress agonistico. In “Fondamenti di di psicologia dello sport” (Il Mulino, 296 pagine, 27 euro) Alberto Cei illustra le conoscenze che la psicologia dello sport ha acquisito in queste aree principali e fornisce un panorama in grado di soddisfare docenti,studenti e anche quanti sono interessati o vogliono avvicinarsi a questa disciplina (Da Tuttosport).

Recensione libro: The Kaepernick Effect

The Kaepernick Effect

Taking a Knee, Changing the World
Dave Zirin

 Riveting and inspiring first-person stories of how “taking a knee” triggered an awakening in sports, f  from the celebrated sportswriter

 “The Kaepernick Effect reveals that Colin Kaepernick’s story is bigger than one athlete. With profiles  of courage that leap off the page, Zirin uncovers a whole national movement of citizen-athletes  fighting for racial justice.” —Ibram X. Kendi, National Book Award–winning author of Stamped  from the Beginning and How to Be an Antiracist

 In 2016, amid an epidemic of police shootings of African Americans, the celebrated NFL quarterback  Colin Kaepernick began a series of quiet protests on the field, refusing to stand during the U.S.  national anthem. By “taking a knee,” Kaepernick bravely joined a long tradition of American athletes  making powerful political statements. This time, however, Kaepernick’s simple act spread like  wildfire throughout American society, becoming the preeminent symbol of resistance to America’s  persistent racial inequality.

Critically acclaimed sports journalist and author of A People’s History of Sports in the United States,  Dave Zirin chronicles “the Kaepernick effect” for the first time, through interviews with a broad cross-section of professional athletes across many different sports, college stars and high-powered athletic directors, and high school athletes and coaches. In each case, he uncovers the fascinating explanations and motivations behind a mass political movement in sports, through deeply personal and inspiring accounts of risk-taking, activism, and courage both on and off the field.

A book about the politics of sport, and the impact of sports on politics, The Kaepernick Effect is for anyone seeking to understand an essential dimension of the new movement for racial justice in America