Archivio per il tag 'rugby'

Una Haka epica per salutare la leggenda del rugby Lomu

A fair play great story at Twickenham

This picture, credit of Getty Images, tells a great story of the battle of Twickenham.

Collegamento permanente dell'immagine integrata

Lo sport impara dallo sport

Il terzo tempo nel rugby è quello che vede le squadre avversarie e i tifosi ritrovarsi per mangiare e bere insieme, scambiandosi considerazioni e opinioni, al di là di chi ha vinto e perso. Il terzo tempo celebra qualcosa di più importante di un incontro agonistico ovvero il rispetto reciproco e il fair play, tutte peculiarità che hanno reso questo sport primo in sportività.

Negli ultimi anni anche il settore giovanile e scolastico del calcio ha inserito nel Comunicato Ufficiale n1 (documento pubblicato dal settore giovanile e scolastico della FIGC contenente tutte le indicazioni sulla stagione sportiva) la promozione del terzo tempo, e scrive: Il Settore Giovanile e Scolastico promuove l’organizzazione del Terzo Tempo Fair Play da parte delle società. Nel corso del Terzo Tempo “FAIR PLAY”, le società e le famiglie mettono a disposizione dei/delle partecipanti una merenda da condividere tra loro, allargando naturalmente l’invito anche a tecnici, dirigenti e genitori delle squadre coinvolte in occasione dell’incontro. In questo modo il Settore Giovanile e Scolastico intende diffondere i valori della sana competizione sportiva”.

L’introduzione del terzo tempo nel calcio è stata molto criticata poiché i comportamenti poco nobili che lo  contraddistinguono, poco si addicono ad una tradizione di fair play come quella del rugby. Penso invece che i giovani calciatori non devono pagare ancora una volta le spese del calcio adulto e per questo motivo se il calcio non sa insegnare a sé stesso, deve imparare da chi ha più radicate tradizioni positive. Lo ricordo ai presidenti delle scuole calcio, ai dirigenti ed ai genitori che spesso dimenticano e ancora più spesso non sanno neanche dell’esistenza  del terzo tempo. Non è un furto del calcio, è invece un segno di riflessione dello sport primo per popolarità, che prende in prestito da chi ne sa di più. Gran parte del mio lavoro consiste nel fornire strumenti psicologici a chi ruota intorno ai giovani calciatori per far si che la loro esperienza sportiva possa essere la migliore possibile e se questo può essere un ulteriore strumento per mandare un messaggio positivo, allora dobbiamo promuoverlo. Credo che  il calcio adulto come è oggi, non sappia sostenere il terzo tempo, i bambini invece possono farlo e in un percorso, purtroppo al contrario, possono essere da esempio per i più grandi. Spesso si dimentica che il vero cambiamento del calcio può avvenire solo a partire dalle sue radici: le scuole calcio.

(di Daniela Sepio)

Recensione libro: Le Mete dell’Allenatore

Le Mete dell’Allenatore

Flavia Sferragatta

www.francoangeli.it

Il libro di Flavia Sferragatta è particolarmente interessante per diverse ragioni. La prima delle quali è che permette di comprendere quali siano le implicazioni psicologiche del rugby. Chiunque voglia avvicinarsi alla conoscenza della componente mentale di questo sport, con questo libro, potrà sviluppare una conoscenza approfondita di questi aspetti. Un secondo pregio consiste nel trattarli dal punto di vista delle loro applicazioni professionali. In tal senso, allenatori e psicologi possono trovare descritti non solo gli atteggiamenti e le competenze psicologiche tipiche del rugby ma anche indicazioni operative “su cosa è meglio fare” in funzione degli obiettivi che s’intende perseguire. Un terzo aspetto centrale del libro risiede nelle molte citazioni di rugbisti e allenatori che permettono a Sferragatta di illustrare le tematiche psicologiche, con il risultato di fare emergere  in che misura allenatori e giocatori di alto livello sono assolutamente convinti del ruolo giocato dalla mente e di come le competenze interpersonali della squadra siano al centro delle prestazioni sul campo. Non ultimo aspetto positivo di questo libro è che si legge con facilità e piacere. Ciò non significa che i temi esposti siano semplici ma che l’autrice oltre a dimostrare un’approfondita conoscenza di questo sport e della psicologia ha saputo esporre il suo pensiero con chiarezza.

 

Debbie Jevans, una donna CEO della Coppa del Mondo di Rugby

Pubblico con piacere una parte di un articolo di Debbie Jevans, nuovo CEO di  England Rugby 2015, la Coppa del Monod di Rugby.

“Le donne costituiscono il 50 % della popolazione. Ignorando la metà del pool di talenti in questo paese non si ha buon senso per gli affari. Inserire sempre più donne in posizioni di rilievo nel settore dello sport non è una ” una cosa femminile”. E ‘ solo buon senso. Il fatto che la nostra squadra di Rugby World Cup sia il 50 % di sesso femminile è grande ed è il risultato del reclutamento delle persone migliori – uomini e donne – . Le barriere così spesso citate come motivi per cui le donne non possono progredire nella loro carriera, come la maternità, sono superate. I luoghi di lavoro stanno cambiando. Soni dinamici e flessibili … La leadership di qualsiasi organizzazione ambiziosa deve essere di mentalità aperta .

… UK Sport e Sport England hanno fissato l’obiettivo in tutti gli sport di avere il  25% dei dirigenti donna entro il 2017. Per la maggior parte della mia vita sono stata attivamente in disaccordo con gli obiettivi e le quote per le donne, ma possono essere utili poichè mostrano l’ambizione. E questo è importante .

Il 25 %  è abbastanza ambizioso? Non ci penso. Sicuramente dobbiamo mirare al 50% , per riflettere la popolazione. Non sto assolutamente dicendo di dare alle donne posti di lavoro per il gusto di farlo … Ma credo che abbiamo bisogno di creare opportunità di brillare per le donne . E questo è merito delle organizzazioni sportive incoraggiare in modo proattivo  le donne a unirsi alla loro forza lavoro … Il talento è là fuori, il problema è che troppo spesso la posizione di default è quella di vedere posti di lavoro nello sport come maschili. Quando si pensa alle tante donne straordinarie che lavorano nello sport britannico in questo momento questo è un atteggiamento fuori luogo.

… Credo che essere un atleta mi ha dato un insieme di abilità essenziali che mi permettono di condurre un’organizzazione. Questo non è solo il mio punto di vista, un rapporto pubblicato in America l’anno scorso ha raccontato una storia avvincente delle donne con storie sportive – da Hilary Clinton a Christine Lagarde – che hanno raggiunto posizioni di rilievo nel loro settore.

So assolutamente che la mia carriera come tennista ha influenzato il mio modo di lavorare oggi. Come giocatrice non potevo mai andare in campo con dei dubbi. Se non avessi praticato il mio rovescio 200 volte, mi sarei esposta malamente in partita. Lo stesso pensiero l’ho applicato nella realizzazione dei Giochi Olimpici e Paralimpici. Non abbiamo lasciato nemmeno una pietra fuori posto. Ed è per questo che credo di aver avuto successo nella mia carriera. Sto sempre cercando di imparare e migliorare – è l’atleta che in me.

Da Ronaldo a Wilkinson per imparare la necessità di avere una routine pre-tiro

Cristiano Ronaldo e Jonny Wilkinson ci dimostrano con la loro abilità nei calciare la palla quanto sia importante avere una eseguire ogni volta che ci si trova nella condizione di effettuare una punizione nel calcio o un tiro nel rugby. Un video evidenzia le analogie fra questi due campioni e la necessità di allenare questa abilità. Quanti allenatori la insegnano ai loro atleti? Pochi!

La mente del rugbista

La vita l’è bela. Basta avere l’ombrela. C’è Lo Cicero che dice addio e ringrazia. E invece tipi che proprio non ce la fanno. Prendi O’Driscoll e Wilkinson, leggende che dal rugby hanno avuto tutto e che al rugby hanno dato tutto: fintano, dribblano e alla fine restano ancora un anno. Sulla mente dei rugbisti leggi:

http://quartotempo.blog.lettera43.it/2013/05/08/rugby-psicologia-come-pensano-i-rugbisti-a-colloquio-con-alberto-cei/

Wilkinson e la fisica quantistica: un libro imperdibile

di Simone Battaggia

È ufficiale: Jonny Wilkinson giocherà almeno per un’altra stagione. Almeno fino alla fine del 2014-15 resterà a Tolone, dove a 33 anni sta vivendo una straordinaria chiusura di carriera. Dieci giorni fa è stato decisivo nella vittoria dei rossoneri contro il Leicester nei quarti di Coppa Europa: ha segnato tutti i 21 punti dei francesi (21-15), con 6 su 6 al piede e un drop realizzato all’ultimo minuto.

Dal 18 aprile sarà in vendita anche in Italia un libro breve – ma assolutamente straordinario – che ci permette di conoscere più da vicino il campione inglese. Il titolo è «Rugby Quantistico – Un dialogo tra sport e fisica» (96 pagine, 8 euro) ed è il frutto di un incontro avvenuto nel 2012 in Francia tra Jonny e due fisici teorici di altissimo livello, Étienne Klein e Jean Iliopoulos. Edd editrice ne ha affidato la traduzione al collega di Repubblica Massimo Calandri, che ha scritto anche la postfazione.
La prima notizia è che Jonny Wilkinson è appassionato di fisica quantistica. «Per tutta la vita sono stato ossessionato dall’idea di raggiungere la perfezione e sono rimasto deluso. Finché un giorno mi sono messo alla ricerca di un altro modo per arrivare a un’altra percezione del mondo e del mio lavoro. Prima di tutto mi sono rivolto al buddismo (…). E poco dopo ho scoperto che c’erano legami tra il mio lavoro e la fisica quantistica». In particolare, ad aver affascinato Wilko è il principio di indeterminatezza di Heisenberg. In soldoni, il fisico tedesco diceva che in determinati campi «le leggi naturali non conducono a una completa determinazione di ciò che accade nello spazio e nel tempo; l’accadere è piuttosto rimesso al gioco delcaso». Se anche nella fisica quantistica non tutto è controllabile, deve aver pensato Wilkinson, perché dovrebbe esserlo il rugby? Meglio rilassarsi. «C’è un primo livello che si può gestire: il pallone. Se calcio il pallone una, cento, mille volte, alla fine posso arrivare a riprodurre lo stesso risultato in partita e durante un allenamento. E poco alla volta ho la sensazione di poter controllare tutto. Poi c’è un secondo livello, in cui molte cose sono imperscrutabili, in cui un’altra parte di me è chiamata in causa, la parte che riguarda l’istinto, le emozioni profonde. Ed è lì che posso essere davvero me stesso, connettermi al mondo, e anche imparare qualcosa di nuovo». Così si scopre che, paradossalmente, per Jonny il calcio è la cosa meno interessante del rugby. A un certo punto lo definisce «un lavoro da portalettere».
Man mano che prosegue il libro, emergono altri punti di contatto strabilianti tra le due aree. Come l’importanza della fantasia, dell’inventiva, del lavoro di squadra nella lettura di un’azione di gioco così come nella scoperta di una nuova particella. Fino alla splendida definizione del rugby secondo il principio della termodinamica, dato da Étienne Klein: «L’essenziale della strategia consiste nel portare la temperatura, o la forza, o l’energia cinetica, o la potenza, o molto più semplicemente la massa, a livelli superiori a quelli della parte avversaria. E dunque a creare uno squilibrio tra una parte e l’altra del campo. Questo è il mio modo di vedere il rugby».
Chi non sa niente di quark e neutrini, quindi, non si spaventi. Chi scrive era e resta un’autentica capra in qualsiasi materia scientifica, eppure a fine libro si ha quasi la sensazione di aver capito a cosa serve e come funziona l’acceleratore di particelledel Cern di Ginevra. Straordinario.

Da: http://metadellaltromondo.gazzetta.it/2013/04/16/wilkinson-e-la-fisica-quantistica-un-libro-imperdibile/

La nuova maturità psicologica della nazionale di rugby

L’Italia del rugby sinora è stata sempre una bella incompiuta, ogni tanto vinceva una partita ma di solito le prendeva in modo rovinoso dalle squadre più affermate. Alcune settimana fa Brunel, l’allenatore della nazionale, si è espresso dicendo che qualsiasi squadra può fare un exploit e vincere una partita, ma le squadre tecnicamente e psicologicamente mature sono in grado di vincerne anche altre e di essere competitive con tutte. In questa stagione l’Italia si era comportata alcune volte in questo modo, vincendo contro la Francia e giocando alla pari con gli inglesi e abbastanza bene con la Nuova Zelanda, però poi si era nuovamente persa con il Galles e la Scozia. In altre parole aveva perso partite con chi avrebbe potuto vincere, Galles e Scozia, dove quindi maggiore era la pressione agonistica, che nasceva dalla consapevolezza di potere ottenere un risultato poitivo, laddove invece si era certi di perdere e quindi più scarsa era il livello di pressione, ha giocato le sue partite migliori pur perdendo. Cio dimostrava che il livello tecnico-tattico e la condizione fisica erano buone ma mancava la convinzione per giocare con avversari alla loro portata; dove la differenza era tanta probabilmente sono entrati in campo meno ossessionati dal risultato e questo gli ha permesso di giocare meglio. La partita con l’Irlanda era quindi un bell’esame per la nazionale per dimostrare che si era in grado di giocare per vincere con un avversario di pari livello e, quindi, in una situazione di massima pressione agonistica. La nazionale ha vinto e quindi ha passato questo esame di maturità che non a caso si è concretizzato attraverso una serie di calci piazzati, che sono sempre stati un punto debole e che al contrario in questa partita sono stati messi a segno.

Alla nazionale di rugby è mancata la ferocia collettiva

Non era facile ripetersi, confermare il risultato vincente dopo l’exploit contro la Francia sarebbe stata la dimostrazione che il cambiamento di mentalità era qualcosa di relativamente stabile. La squadra italiana ha sempre lottato sino alla fine e questo è senz’altro un passo avanti rispetto al passato. E’ mancata a mio avviso la convinzione collettiva, che consiste nel sapere che il tuo compagno di squadra è disposto a fare l’impossibile per aiutarti a giocare al tuo meglio. Senza questa convinzione non si può vincere nessuna partita e si lascia il dominio del campo agli avversari. L’Italia ha commesso molti errori che mostrano la mancanza di questo mentalità: l’errore di Orquera al primo calcio, giocatori che litigano con gli avversari, palle perse per superficialità, troppo timidi e poca ferocia (come hanno ripetuto più volte i telecronisti). In sostanza, bene l’orgoglio ma per giocare alla pari bisogna tornare a osare: attaccare sapendo che si può perdere la palla e proprio per questo la palla va tenuta ben stretta e ogni giocatore deve sapere che accanto a lui ha un compagno pronto a aiutarlo.