Archivio per la categoria 'Mental coaching'

Pagina 2 di 38

14th ENYSSP CONFERENCE in Zagreb, Croatia. 26th to 28th April 2018

Dybala nella trappola delle aspettative

Le aspettative sono il principale killer della fiducia di un atleta, ci si aspetta di giocare al meglio grazie al proprio talento e all’allenamento, niente di più sbagliato, non basta. Probabilmente Paulo Dybala sembra essere caduto in questa trappola. Possiede tutte le qualità necessarie per diventare uno dei migliori calciatori al mondo, poi la pressione di doverlo dimostrare sul campo lo sta rovinando. E’ un errore tipico di molti atleti di livello assoluto, si caricano sulle spalle questa inutile pressione e non riescono più a gareggiare al loro meglio. Anche il Brasile ai campionati del mondo di calcio di Rio si aspettava di vincere, invece la squadra crollò sotto l’incapacità di gestire questa pressione o Andy Murray sinora ha vinto molto meno rispetto alle sue possibilità reali ma ha dovuto lottare a lungo per imparare a togliersi dalle spalle le sue aspettative e quelle di un’intera nazione che dopo tanti anni aveva finalmente trovato un campione nel tennis.

L’aspettativa di vincere, di segnare una rete o di sapere guidare una squadra sono certamente importanti, nessuno entra in campo per perdere o giocare male. Non bisogna però confondere queste convinzioni, che vanno lasciate nello spogliatoio, con i comportamenti reali che bisogna mettere in gioco per realizzarle. Le aspettative possono essere anche estremamente positive ma si deve saperle tradurre in obiettivi di gioco e comportamenti agonistici. Questo determina la differenza fra chi sul campo è affidabile e chi invece vive di fantasie che se stesso e gli altri (sponsor, allenatore, squadra, famiglia, procuratore) determinano.

Le attuali strategie di gestione dello stress agonistico hanno proprio lo scopo d’insegnare agli atleti a stabilire quali sono i processi mentali che determinano l’affermarsi sul campo di un tipo di concentrazione orientata a manifestare i comportamenti di gioco più efficaci per raggiungere gli obiettivi che ci si è proposti. Possedere talento può essere un ostacolo a sviluppare questa condizione di prontezza psicofisica, perché si può ritenere che le proprie doti saranno sufficienti. Quando ciò avviene la caduta è ancora più dura, poiché cresce il rischio di mettere in dubbio le proprie capacità, entrando in un spirale negativa che di partita in partita può condurre a isolarsi, a sentirsi incompresi e ad aspettarsi che a un certo punto la buona stella tornerà per incanto a brillare. Questo circolo vizioso va bloccato e l’atleta dovrebbe farsi aiutare da un professionista per stabilire obiettivi concreti e impegnativi da raggiungere e identificare i comportamenti necessari al loro raggiungimento. Per Dybala questo momento di difficoltà potrebbe così trasformarsi in una importante opportunità di sviluppo personale e di crescita verso il raggiungimento di una consapevole maturità sportiva e umana.

Abilità mentali nella ginnastica artistica over 14

  • Routine – Padroneggiare completamente la routine, indipendentemente dal contesto agonistico e situazionale
  • Recupero: Focus su strategie di rigenerazione e di recupero
  • Abilità mentali – Immaginazione, concentrazione, controllo emotivo, dialogo interno positivo e rilassamento, autoregolazione, perfezionismo e fiducia
  • Squadra – Gare di squadra stimolano pressioni e richiedono lo sviluppo e la gestione del lavoro di squadra.
  • Media – Gestione delle interviste e degli eventi mediatici
  • Coaching: Gestione distrazioni e interruzioni in allenamento, mantenendo prestazioni massime nel lungo periodo
  • Allenatore: Lavorare in partnership con allenatore, assumendosi responsabilità decisionali
  • Etica: Sviluppare in relazione alla competizione e alla maturità sociale
  • Vita: Mantenere un equilibrio nella propria vita sociale ed extra-sportiva
(Fonte: Adattato da http://www.gymcan.org/uploads/gcg_ltad_en.pdf)

Buttarsi dentro sempre

Mente e preparazione fisica nell’equitazione

 

 

 

 

 

 

Il sovraccarico emotivo colpisce anche i migliori atleti

Il TAIS è un sistema di valutazione dello stile attentivo e interpersonale e questi dati evidenziano su dati di élite che il sovraccarico emotivo è una componente importante che limita le prestazioni anche negli atleti top, quali sono i detentori di record del mondo, che invece risentono di meno rispetto agli gruppi delle distrazioni ambientali e e del sovraccarico mentale di tipo cognitivo.Questo spiega anche la ragione per cui gli atleti di vertice si servono di programmi di preparazione psicologica per ridurre lo stress agonistico.

Allenamento deve sviluppare consapevolezza

Abilità psicologiche di base

Le abilità psicologiche di base possono essere insegnate a qualsiasi età e indipendentemente dalle competenze motorie e sportive delle persone.

I nostri peggiori avversari

Jack Nicklaus continua a essere, dopo molti anni dal suo ritiro dal golf, una fonte ineguagliabile d’ispirazione per gli atleti di ogni sport. Qui ci ricorda che i due nostri principali avversari sono il campo, il contesto situazionale in cui si sviluppa la gara, e noi stessi.

Quanto tempo dedicate ad allenare l’abilità a controllarli e a ridurne gli effetti negativi?

Allenamento: l’unica costante è il cambiamento

Il mio intervento al prossimo Stage Nazionale Insegnanti della S.d.A. Discipline Orientali UISP del 18-19 novembre sarà un contributo a illustrare che nella pratica dello sport e del movimento l’unica costante è il cambiamento. Le sessioni di pratica e di allenamento dovrebbero, infatti, avere lo scopo di sviluppare nuove competenze motorie, sportive e psicologiche per permettere a praticanti di qualsiasi età e livello di competenza sportiva di trarre il massimo della soddisfazione personale da questo loro coinvolgimento.

Il compito dell’allenatore è, quindi, di facilitare questo processo di acquisizione attraverso la realizzazione di programmi adeguati ai gruppi con cui lavora, proponendo situazioni che siano emotivamente coinvolgenti e che permettano di sviluppare nuovi apprendimenti.

La cultura di provenienza delle discipline orientali dovrebbe favorire l’uso di sistemi di preparazione psicologica e sviluppo mentale che favoriscano l’apprendimento e, quindi, il cambiamento che è lo scopo ultimo dell’allenamento.