Archivio per il tag 'disabilità'

Camp estivo per giovani con disabilità intellettiva

Anche quest’anno insieme alla AS Roma abbiamo organizzato due settimane di campo estivo per giovani con disabilità intellettiva. E’ iniziato oggi e l’attività sportiva si è svolta in spazi organizzati con una sequenza di stazioni motorie così che tutti siano attivi  senza momenti di attesa. Ciò ha permesso a ogni bambino di potere svolgere l’attività seguendo il proprio ritmo, permettendogli così di fare delle pause in funzione della stanchezza e della motivazione a continuare.

L’avere molto più tempo a disposizione per svolgere l’attività, rispetto alla durata abituale dell’allenamento di 60 minuti consente a ognuno di fare anche delle pause piuttosto lunghe di 15/20 minuti pur continuando a stare sul campo per poi riprenderla avendo a disposizione un tempo di 5 ore. Questo aspetto ha un effetto positivo anche sugli allenatori che  lavorano nella consapevolezza di non dovere sollecitare il giovane a svolgere l’attività, come può succedere durante l’anno quando il tempo di allenamento è molto più ridotto.

I partecipanti saranno attivi per 5 ore al giorno per un totale di 25 ore a settimana, che in termini quantitativi equivalgono 3 mesi di allenamento per due ore settimanali. Inoltre questi ragazzi/e di più limitato funzionamento difficilmente di solito durante l’anno fanno anche diverse assenze, per cui non è difficile ipotizzare che per molti questo numero settimanale di ore può equivalere a 4 mesi di allenamento.

Vedi il video di oggi: WhatsApp Video 2022-06-13 at 11.33.03

 

 

 

 

 

 

 

 

Come aumentare la pratica sportiva fra le persone con disabilità

10 punti chiave per aumentare la pratica sportiva fra le persone con disabilità. 

Catherine Carty, Hidde P. van der Ploeg, Stuart J.H. Biddle, Fiona Bull, Juana Willumsen, Lindsay Lee, Kaloyan Kamenov, and Karen Milton (2021). The First Global Physical Activity and Sedentary Behavior Guidelines for People Living With Disability.  Journal of Physical Activity and Health, 18, 86-93

10 target areas Actions needed
1. Awareness Tailored awareness campaigns are needed to draw attention to the inequity experienced by people living with disability in relation to physical activity. Emphasis on disability as an interaction between a health condition, personal characteristics, and the environment will help reduce exclusion and point to the broad range of sectors and actions that are needed to cocreate inclusive physical activity solutions.
2. Communication Communication campaigns for promoting physical activity and limiting sedentary behavior need to be targeted at and accessible to people with a wide variety of impairments through a variety of formats and technologies. General communication messages need to avoid ableist language and sentiment and be universally accessible.
3. Environment Inclusive access to local amenities, facilities, and services, including green spaces, blue spaces, and networks, may require new products, technologies, environmental changes, supportive relationships, and inclusive social attitudes. Safe and connected active transport should be made accessible for people living with disability so that they can participate more independently where they live, work, play, or go to school. This will help limit sedentary behavior and increase physical activity among people living with disability.
4. Training Training and education providers need to supply inclusive practitioners across sectors that impact physical activity and sedentary behavior to meet the specific needs of people living with disability. Disability awareness training for a broad range of community stakeholders (professionals to volunteers) would build much-needed understanding and help reduce the disabling impact of the social and physical environment.
5. Partnership Facilitating inclusion in and through physical activity is a whole of society issue. Multidisciplinary partnerships from national policy to local delivery levels are needed to address barriers and facilitators to create opportunities for participation. They must involve disability service organizations and people living with disability. Dedicated disability sport inclusion staff, working with disability organizations, can support the inclusion of individuals with disability in physical activity at community levels.
6. Research Mechanisms to gather disaggregated data on participation in physical activity, sedentary behavior, and disability are essential to monitor progress in participation on all levels—local, national, and international. An increased volume and quality of research exploring barriers and enablers to physical activity and its effects, along the disability continuum and across the domains of functioning (including life activities and participation), are needed to inform effective inclusive policy solutions and public health interventions.
7. Human rights Protecting, respecting, and fulfilling human rights with and for people with disability in and though physical activity are critical, including targeted interventions for those enduring intersectional discrimination. Increased understanding of roles and responsibilities pertaining to human rights is needed and must transfer to inclusive actions, advocacy, and investments across multiple sectors.
8. Programs Community-based physical activity programs need to consider disability-specific accommodations (across fully inclusive to segregated activities) and universal design principles. Facilitating choice in programming is critical, as is the need to provide opportunities to build positive experiences, beginning early in childhood.
9. Investment Investment is needed across sectors to advance disability inclusion in and through physical activity, in line with human rights obligations. It can be tailored according to means through innovative approaches. Appropriate and effective practical measures, or “reasonable accommodations,” such as assistants, carers, and assistive technologies, should be provided to help people living with disability to be active and to limit sedentary behavior.
10. Governance Creating inclusive societies requires significant changes at governance and policy levels. Disability inclusion in public health and physical activity should be mainstreamed through policies and legal frameworks. Partnerships, finance, and all relevant organs of society should be mobilized to address disability inclusion. With broad interagency governance structures, physical activity can be a driver of inclusive action in broader society.

Disabilità intellettiva e calcio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Una domenica speciale con il calcio

Basta veramente poco per trascorrere una mattina di gioco, calcio, con gli istruttori della Roma e dell’Accademia di calcio integrato e gli psicologi dello sport. Tanti bambini e adolescenti con disabilità intellettiva su tre fazzoletti di prato al Foro Italico, Roma, nell’ambito della manifestazione Tennis and Friends.

Questo è il bello del calcio, è sufficiente avere un pallone e subito si gioca, in ogni luogo, anche nei piccoli spazi tra i campi di tennis. Non dobbiamo perdere la semplicità che ci offre questo gioco, basta veramente poco per trascorrere del tempo in modo per tutti divertente, dai giovani alle famiglie e a noi che l’abbiamo organizzato.

Quest’anno partiamo con il 7° anno di attività e dopo un lungo periodo senza partite organizzeremo dei tornei per fare vivere ai ragazzi l’entusiasmo di giocare insieme e di confrontarsi con altre squadre.

Per informazioni visita il nostro sito web.

 

 

Pratica sportiva e disabilità in Italia

Le Paralimpiadi hanno messo in luce il valore dello sport come espressione di autorealizzazione e d’inclusione. Nel 2019 l’Istat aveva prodotto un report sul mondo della disabilità di cui si riporta quanto evidenziato in relazione allo sport.

Per le persone con disabilità, in passato, non c’era alcuna possibilità di praticare attività fisico-sportiva, soprattutto a livello agonistico; solo nel Novecento appaiono le prime manifestazioni sportive a carattere internazionale, promosse nell’ambito di una delle singole categorie dei disabili. Malgrado il concetto di Sport per tutti sia ormai largamente condiviso il coinvolgimento nello sport resta molto basso.

  • Solo il 9,1% pratica uno sport con regolarità. La quota di sportivi aumenta significativamente quando le limitazioni sono meno gravi (raggiungendo il 20,5%). Presso la popolazione senza alcuna limitazione corrisponde al 36,6%.
  • Le persone con limitazioni gravi che, pur non praticando sport, svolgono qualche attività fisica, sono il 14,4% (meno della metà del valore raggiunto dalla popolazione che non ha limitazioni, cioè il 29,1%). Tra le persone con limitazioni meno gravi, coloro che si dedicano ad attività fisiche sono il 27,6%.
  • Su 10 persone con limitazioni gravi, circa 8 dichiarano di essere totalmente inattive, cioè sedentarie, e di non svolgere nessuno sport, né attività fisica, contro il 34,1% registrato presso la popolazione senza limitazioni.
  • Tra le persone con limitazioni gravi si manifestano significative differenze di genere (pratica sport il 13,7% degli uomini, ma solo il 6,0% delle donne) e di età (pratica sport il 20,7 delle persone di età inferiore ai 65 anni contro il 2,7 degli anziani).
  • Si osservano distanze territoriali con uno spiccato gradiente Nord-Sud: fanno sport l’11,9% delle persone con gravi limitazioni residenti al Nord, contro il 6,3% di chi vive nel Mezzogiorno.
  • Sono forti anche le disuguaglianze socioeconomiche: tra le persone gravemente limitate con un titolo di studio medio-alto o risorse economiche ottime o adeguate si raggiungono infatti livelli più elevati di coinvolgimento in attività fisico-sportive.
  • Si osservano livelli superiori di attività fisica adeguata, tra le persone con difficoltà (moderata o grave) nelle aree sensoriali (9,5% contro il 21% delle persone senza alcuna limitazione in questa area funzionale), e livelli molto più bassi tra le persone con difficoltà (gravi o moderate) nel camminare30 (3,3% contro il 21% dei non limitati in quest’area).

 

10 ragioni per giocare a calcio per i giovani con autismo

10 ragioni per cui i giovani con disabilità intellettiva traggono beneficio dal gioco del calcio
  1. Il calcio è lo sport più amato dai giovani di tutto il mondo: si può giocare ovunque, al chiuso e all’aperto, ogni luogo si può trasformare in un campo di calcio e chiunque indipendentemente dalle sue capacità può giocare una partita.
  2. Il pallone è un strumento sportivo senza rivali: lo puoi calciare con i piedi o con le mani e colpire con ogni parte del corpo; tutti possono passare la palla, tirare in porta o provare a parare un tiro. Dai un pallone a un gruppo di bambini e non si stancheranno di rincorrerlo.
  3. Il calcio favorisce l’inclusione di tutti, ogni ragazzo o ragazza può correre dietro una palla, toglierla a un altro, tirare, passare e parare.
  4. I giovani con disabilità intellettiva sono di solito esclusi dal gioco del calcio, perché sono rare le opportunità che gli vengono offerte.
  5. Giocare a calcio e con il pallone gli permette di stare con i compagni di classe, con i loro amici e di conoscerne di nuovi.
  6. Calcio è stare all’aria aperta, vedere le stagioni anche se si vive in città e imparare a muoversi con gli altri quando fa freddo o caldo o quando tira vento.
  7. Calcio è partecipare a un allenamento centrato su apprendimenti nuovi che determinano il miglioramento delle abilità motorie di base, coordinazione, abilità tecnico- tattiche, abilità di comunicazione, collaborazione e cognitivo-affettive.
  8. Calcio è stare in gruppo insieme durante l’allenamento, condividere gli stessi spazi, esercitandosi da soli ma anche con un altro compagno o in piccoli gruppi.
  9. Calcio è vestire la divisa della propria squadra, la Roma, andare allo stadio insieme a tutto il gruppo a vedere le partite e andare a scuola con questa uniforme, essere riconosciuti dai compagni come allievi della scuola calcio della Roma.
  10. Calcio è integrazione, allenandosi e partecipando a tornei e giocando partite di calcio integrato 5vs5 composte da tre giovani con disabilità intellettiva e due giovani della AS Roma.

Seminario: Calcio e integrazione – l’esperienza dell’AS Roma con i bambini con disabilità intellettiva

Calcio Insieme è un progetto di empowerment psicologico, relazionale e motorio tramite il calcio per giovani con disabilità intellettiva, con particolare riferimento al disturbo dello spettro autistico.

Dal 2015 la Fondazione Roma Cares, espressione della responsabilità sociale dell’AS Roma Calcio, e Asd Accademia Calcio Integrato organizzano su base annuale programmi di sviluppo motorio attraverso il gioco del calcio per bambini con disabilità intellettive. Le indagini condotte hanno evidenziato la costante presenza dei bambini durante le attività e la soddisfazione delle loro famiglie e i benefici motori, sportivi e psicosociali che derivano da questi programmi.

Scopo di questo Seminario è di presentare i risultati delle ricerche condotte, illustrare il modello d’intervento, realizzato per la prima volta nel calcio giovanile con la collaborazione degli istruttori della AS Roma, degli psicologi dello sport, del logopedista, dei medici e dei responsabili dei rapporti con le scuole e le famiglie.

Sport e disabilità: un incontro molto difficile

Inizia una nuova stagione sportiva ancora in mezzo all restrizioni dovute al COVID-19. Le persone con disabilità rispetto a quelle con sviluppo tipico incontreranno maggiori problemi nel seguire programmi sportivi e di attività motoria.
Resta comunque molto basso il numero di praticanti con disabilità come è bene ricordare riportando nuovamente a distanza di un anno il rapporto Istat del 2019 – Conoscere il mondo della disabilità, persone, relazioni e istituzioni
In sintesi alcuni dati, impressionanti per la loro negatività
  • il 9,1% delle persone con gravi limitazioni praticano attività sportiva (con continuità o saltuariamente)
  • In Italia su 10 persone con limitazioni gravi, 8 dichiarano di essere completamente inattive, contro il 34,1% registrato presso la popolazione senza limitazioni
  • Differenze di genere: 13,7 % degli uomini, ma solo il 6,0% delle donne, invece il 20,7% di persone disabili praticano sport con un età inferiore ai 65 anni, contro il 2,7% degli anziani.

 

 

 

Lo sport per i giovani con disabilità intellettiva non è al momento possibile

Anche prima della pandemia di coronavirus, le probabilità di accedere allo sport erano molto più basse per i giovani con disabilità rispetto alla popolazione generale. I US i livelli di attività fisica sono 4,5 volte più bassi per i giovani con disabilità e il tasso di obesità è del 38% più alto per questi bambini, secondo il National Center on Health, Physical Activity & Disability (NCHPAD).

Direi che queste limitazioni e problematiche sono comuni anche in Italia. Purtroppo non vi sono statistiche su questi temi.

Ora, con l’inizio del ritorno dello sport giovanile dal COVID-19 il divario di opportunità di accesso può aumentare ancora di più. La comunità dei disabili sta adottando un approccio più conservatore su quando e come fare sport a causa di problemi di salute.

Nell’ambito della disabilità intellettiva di cui mi occupo con il progetto Calcio Insieme, non siamo riusciti a organizzare i campi estivi proprio per la difficoltà a mantenere il distanziamento fisico con questi bambini.

“Le persone con disabilità sono molto più caute”, ha detto Bob Lujano, specialista dell’inclusione NCHPAD e ex atleta paralimpico di rugby. “C’è grande paura che, se vengo giù con (COVID-19) e vado in un ospedale con solo uno o due ventilatori, sarò scavalcato perché Joe Smith, un venticinquenne senza disabilità, verrà curato per primo”?

“Essere ‘primi’ nella vostra comunità dovrebbe essere evitato”, ha detto Move United nel suo ritorno alle linee guida per il gioco. “Prendetevi il beneficio di un po’ di tempo per imparare da altre strategie efficaci, pianificate con attenzione  e formate partenariati locali che aiutino a prepararsi per un ambiente il più sicuro possibile”.

Secondo i Centers for Disease Control and Prevention, la disabilità da sola non può essere correlata ad un rischio più elevato di contrarre COVID-19 o di contrarre una malattia grave. Tuttavia, CDC dice che alcune persone con disabilità potrebbero essere a più alto rischio a causa delle loro condizioni mediche. Secondo il CDC, gli adulti con disabilità hanno una probabilità tre volte maggiore rispetto agli adulti senza disabilità di avere malattie cardiache, ictus, diabete o cancro.

Una preoccupazione significativa per il ritorno allo sport è il mantenimento della sicurezza del personale e dei volontari nei casi in cui i giovani hanno bisogno di aiuto per giocare.

Gli esperti hanno detto al New York Times che un modo per insegnare nuovi concetti durante COVID-19 ai bambini con disabilità intellettiva è attraverso “storie sociali”. Si tratta di racconti personalizzati che abbinano un linguaggio semplice a immagini utilizzate per i bambini con disturbi come l’autismo. Consigliano anche di usare i cerchi colorati per insegnare la distanza sociale – come il rosso per gli estranei, l’arancione per le persone che normalmente si salutano, il verde e il giallo per gli amici occasionali e intimi, e il blu per le persone che si possono abbracciare, come i genitori o i fratelli.

Dobbiamo come viene detto essere cauti, con Roma Cares e Accademia di Calcio Integrato stiamo pianificando come potrà essere il ritorno al calcio per i nostri giovani con autismo a partire da settembre, inizio della stagione sportiva 2020/21. Non sarà facile ma è nostra volontà non fermare questa attività così importante per questi giovani, le famiglie e per noi che l’organizziamo da 5 anni.

Serviranno più spazi e più ore per coprire lo stesso numero di giovani, così da rispettare il distanziamento fisico e la possibilità di giocare a calcio che richiede uno spazio ampio e strutturato.

Calcio Insieme per giovani con disabilità motorie e intellettive

 Calcio insieme 

Un programma di calcio integrato per giovani

con disabilità motorie e intellettive

ALBERTO CEI,    MICHELE ROSCI,    DANIELA SEPIO

              Università San Raffaele      AS Roma     Accademia di Calcio Integrato

                            Convegno Nazionale Scientifico AIDEE 2019

                                                   La Disprassia

                                     Roma, 17-18 Novembre 2019

Calcio Insieme, è un progetto promosso dalla Fondazione Roma Cares, Onlus legata al più ampio contesto di responsabilità e sostenibilità  sociale della AS Roma e dalla Asd Accademia Calcio Integrato, il cui obiettivo è lo sviluppo di una cultura dell’integrazione e dell’educazione ai valori dello sport attraverso il calcio.

Obiettivi - Studiare gli effetti di un programma di allenamento basato sull’insegnamento del calcio, su giovani con disprassia e con disturbo dello spettro autistico (ASD) promuovendone le competenze psicosociali, motorie e calcistiche. Nessun altro studio è stato condotto su sport di squadra e a nostra conoscenza i dati a disposizione provengono da sport individuali (Bremer et al., 2016; Luiselli e Cei 2017; Rivilis et al., 2011)) se non sono addirittura sconsigliati (https://dyspraxiafoundation.org.uk/dyspraxia-children/pe-lessons/).

Metodo - 30 partecipanti sono stati sottoposti a valutazione motoria pre/post. Valutazione psicosociale effettuata con interviste pre/post a genitori e insegnanti e con una valutazione svolta sul campo e continuativa nel tempo da istruttori di calcio e psicologi dello sport.

Risultati – Abilità motorie: differenze significative rispetto alle valutazioni iniziali in 6 prove su 10. Abilità calcio “correre con la palla”: il 39,3% non mostra alcun miglioramento, il 28,6% raggiunge un livello intermedio e il 10,7% un livello medio alto di abilità. Interviste ai genitori e insegnanti: percepiscono un incremento delle abilità psicosociali e motorie. Tale incremento differisce in base alla gravità del disturbo del giovane.

Conclusioni - Si conferma quanto emerso dalle rassegne su persone con ASD per cui la dimensione motoria migliora con percorsi specifici di apprendimento sportivo, ma a ciò si aggiunge che l’organizzazione dell’allenamento in attività di gruppo e individuali favorisce lo sviluppo delle competenze psicosociali. Il ridotto numero di giovani con disprassia richiede che i risultati dovranno essere documentati su una popolazione più ampia. Gli sviluppi futuri del progetto andranno verso una distinzione dei programmi di ricerca e di allenamento, con modelli specifici di intervento per le diverse diagnosi coinvolte.

Per sapere di più su Calcio Insieme:

Cei, A., Franceschi, P., Rosci, M., Sepio, D., e Ruscello, B. (2017). Motor and psychosocial development in children with autism spectrum disorder through soccer. International Journal of Sport Psychology, 48, 485-507.

Cei, A. e Luiselli, J. (a cura di) (2017). Sports, exercise and physical health among people with intellectual and developmental disabilities. International Journal of Sport Psychology, 48, 473-568, Special Issue.

Cei, A., Ruscello, B., e Sepio, D. (2019). Summer camp for children with ASD and parents perception of changes in psycho-social skills. International Journal of Sport Psychology, 50, 162.175.

Cei, A., Sepio, D., e Rosci, M. (in press). Sport, calcio e integrazione: L’esperienza dell’AS Roma con i bambini con disabilità intellettiva. Torgiano: Calzetti e Mariucci.

Ulteriori informazioni: www.accademiacalciointegrato.com