Archivio per il tag 'disabilità'

10 ragioni per giocare a calcio per i giovani con autismo

10 ragioni per cui i giovani con disabilità intellettiva traggono beneficio dal gioco del calcio
  1. Il calcio è lo sport più amato dai giovani di tutto il mondo: si può giocare ovunque, al chiuso e all’aperto, ogni luogo si può trasformare in un campo di calcio e chiunque indipendentemente dalle sue capacità può giocare una partita.
  2. Il pallone è un strumento sportivo senza rivali: lo puoi calciare con i piedi o con le mani e colpire con ogni parte del corpo; tutti possono passare la palla, tirare in porta o provare a parare un tiro. Dai un pallone a un gruppo di bambini e non si stancheranno di rincorrerlo.
  3. Il calcio favorisce l’inclusione di tutti, ogni ragazzo o ragazza può correre dietro una palla, toglierla a un altro, tirare, passare e parare.
  4. I giovani con disabilità intellettiva sono di solito esclusi dal gioco del calcio, perché sono rare le opportunità che gli vengono offerte.
  5. Giocare a calcio e con il pallone gli permette di stare con i compagni di classe, con i loro amici e di conoscerne di nuovi.
  6. Calcio è stare all’aria aperta, vedere le stagioni anche se si vive in città e imparare a muoversi con gli altri quando fa freddo o caldo o quando tira vento.
  7. Calcio è partecipare a un allenamento centrato su apprendimenti nuovi che determinano il miglioramento delle abilità motorie di base, coordinazione, abilità tecnico- tattiche, abilità di comunicazione, collaborazione e cognitivo-affettive.
  8. Calcio è stare in gruppo insieme durante l’allenamento, condividere gli stessi spazi, esercitandosi da soli ma anche con un altro compagno o in piccoli gruppi.
  9. Calcio è vestire la divisa della propria squadra, la Roma, andare allo stadio insieme a tutto il gruppo a vedere le partite e andare a scuola con questa uniforme, essere riconosciuti dai compagni come allievi della scuola calcio della Roma.
  10. Calcio è integrazione, allenandosi e partecipando a tornei e giocando partite di calcio integrato 5vs5 composte da tre giovani con disabilità intellettiva e due giovani della AS Roma.

Seminario: Calcio e integrazione – l’esperienza dell’AS Roma con i bambini con disabilità intellettiva

Calcio Insieme è un progetto di empowerment psicologico, relazionale e motorio tramite il calcio per giovani con disabilità intellettiva, con particolare riferimento al disturbo dello spettro autistico.

Dal 2015 la Fondazione Roma Cares, espressione della responsabilità sociale dell’AS Roma Calcio, e Asd Accademia Calcio Integrato organizzano su base annuale programmi di sviluppo motorio attraverso il gioco del calcio per bambini con disabilità intellettive. Le indagini condotte hanno evidenziato la costante presenza dei bambini durante le attività e la soddisfazione delle loro famiglie e i benefici motori, sportivi e psicosociali che derivano da questi programmi.

Scopo di questo Seminario è di presentare i risultati delle ricerche condotte, illustrare il modello d’intervento, realizzato per la prima volta nel calcio giovanile con la collaborazione degli istruttori della AS Roma, degli psicologi dello sport, del logopedista, dei medici e dei responsabili dei rapporti con le scuole e le famiglie.

Sport e disabilità: un incontro molto difficile

Inizia una nuova stagione sportiva ancora in mezzo all restrizioni dovute al COVID-19. Le persone con disabilità rispetto a quelle con sviluppo tipico incontreranno maggiori problemi nel seguire programmi sportivi e di attività motoria.
Resta comunque molto basso il numero di praticanti con disabilità come è bene ricordare riportando nuovamente a distanza di un anno il rapporto Istat del 2019 – Conoscere il mondo della disabilità, persone, relazioni e istituzioni
In sintesi alcuni dati, impressionanti per la loro negatività
  • il 9,1% delle persone con gravi limitazioni praticano attività sportiva (con continuità o saltuariamente)
  • In Italia su 10 persone con limitazioni gravi, 8 dichiarano di essere completamente inattive, contro il 34,1% registrato presso la popolazione senza limitazioni
  • Differenze di genere: 13,7 % degli uomini, ma solo il 6,0% delle donne, invece il 20,7% di persone disabili praticano sport con un età inferiore ai 65 anni, contro il 2,7% degli anziani.

 

 

 

Lo sport per i giovani con disabilità intellettiva non è al momento possibile

Anche prima della pandemia di coronavirus, le probabilità di accedere allo sport erano molto più basse per i giovani con disabilità rispetto alla popolazione generale. I US i livelli di attività fisica sono 4,5 volte più bassi per i giovani con disabilità e il tasso di obesità è del 38% più alto per questi bambini, secondo il National Center on Health, Physical Activity & Disability (NCHPAD).

Direi che queste limitazioni e problematiche sono comuni anche in Italia. Purtroppo non vi sono statistiche su questi temi.

Ora, con l’inizio del ritorno dello sport giovanile dal COVID-19 il divario di opportunità di accesso può aumentare ancora di più. La comunità dei disabili sta adottando un approccio più conservatore su quando e come fare sport a causa di problemi di salute.

Nell’ambito della disabilità intellettiva di cui mi occupo con il progetto Calcio Insieme, non siamo riusciti a organizzare i campi estivi proprio per la difficoltà a mantenere il distanziamento fisico con questi bambini.

“Le persone con disabilità sono molto più caute”, ha detto Bob Lujano, specialista dell’inclusione NCHPAD e ex atleta paralimpico di rugby. “C’è grande paura che, se vengo giù con (COVID-19) e vado in un ospedale con solo uno o due ventilatori, sarò scavalcato perché Joe Smith, un venticinquenne senza disabilità, verrà curato per primo”?

“Essere ‘primi’ nella vostra comunità dovrebbe essere evitato”, ha detto Move United nel suo ritorno alle linee guida per il gioco. “Prendetevi il beneficio di un po’ di tempo per imparare da altre strategie efficaci, pianificate con attenzione  e formate partenariati locali che aiutino a prepararsi per un ambiente il più sicuro possibile”.

Secondo i Centers for Disease Control and Prevention, la disabilità da sola non può essere correlata ad un rischio più elevato di contrarre COVID-19 o di contrarre una malattia grave. Tuttavia, CDC dice che alcune persone con disabilità potrebbero essere a più alto rischio a causa delle loro condizioni mediche. Secondo il CDC, gli adulti con disabilità hanno una probabilità tre volte maggiore rispetto agli adulti senza disabilità di avere malattie cardiache, ictus, diabete o cancro.

Una preoccupazione significativa per il ritorno allo sport è il mantenimento della sicurezza del personale e dei volontari nei casi in cui i giovani hanno bisogno di aiuto per giocare.

Gli esperti hanno detto al New York Times che un modo per insegnare nuovi concetti durante COVID-19 ai bambini con disabilità intellettiva è attraverso “storie sociali”. Si tratta di racconti personalizzati che abbinano un linguaggio semplice a immagini utilizzate per i bambini con disturbi come l’autismo. Consigliano anche di usare i cerchi colorati per insegnare la distanza sociale – come il rosso per gli estranei, l’arancione per le persone che normalmente si salutano, il verde e il giallo per gli amici occasionali e intimi, e il blu per le persone che si possono abbracciare, come i genitori o i fratelli.

Dobbiamo come viene detto essere cauti, con Roma Cares e Accademia di Calcio Integrato stiamo pianificando come potrà essere il ritorno al calcio per i nostri giovani con autismo a partire da settembre, inizio della stagione sportiva 2020/21. Non sarà facile ma è nostra volontà non fermare questa attività così importante per questi giovani, le famiglie e per noi che l’organizziamo da 5 anni.

Serviranno più spazi e più ore per coprire lo stesso numero di giovani, così da rispettare il distanziamento fisico e la possibilità di giocare a calcio che richiede uno spazio ampio e strutturato.

Calcio Insieme per giovani con disabilità motorie e intellettive

 Calcio insieme 

Un programma di calcio integrato per giovani

con disabilità motorie e intellettive

ALBERTO CEI,    MICHELE ROSCI,    DANIELA SEPIO

              Università San Raffaele      AS Roma     Accademia di Calcio Integrato

                            Convegno Nazionale Scientifico AIDEE 2019

                                                   La Disprassia

                                     Roma, 17-18 Novembre 2019

Calcio Insieme, è un progetto promosso dalla Fondazione Roma Cares, Onlus legata al più ampio contesto di responsabilità e sostenibilità  sociale della AS Roma e dalla Asd Accademia Calcio Integrato, il cui obiettivo è lo sviluppo di una cultura dell’integrazione e dell’educazione ai valori dello sport attraverso il calcio.

Obiettivi - Studiare gli effetti di un programma di allenamento basato sull’insegnamento del calcio, su giovani con disprassia e con disturbo dello spettro autistico (ASD) promuovendone le competenze psicosociali, motorie e calcistiche. Nessun altro studio è stato condotto su sport di squadra e a nostra conoscenza i dati a disposizione provengono da sport individuali (Bremer et al., 2016; Luiselli e Cei 2017; Rivilis et al., 2011)) se non sono addirittura sconsigliati (https://dyspraxiafoundation.org.uk/dyspraxia-children/pe-lessons/).

Metodo - 30 partecipanti sono stati sottoposti a valutazione motoria pre/post. Valutazione psicosociale effettuata con interviste pre/post a genitori e insegnanti e con una valutazione svolta sul campo e continuativa nel tempo da istruttori di calcio e psicologi dello sport.

Risultati – Abilità motorie: differenze significative rispetto alle valutazioni iniziali in 6 prove su 10. Abilità calcio “correre con la palla”: il 39,3% non mostra alcun miglioramento, il 28,6% raggiunge un livello intermedio e il 10,7% un livello medio alto di abilità. Interviste ai genitori e insegnanti: percepiscono un incremento delle abilità psicosociali e motorie. Tale incremento differisce in base alla gravità del disturbo del giovane.

Conclusioni - Si conferma quanto emerso dalle rassegne su persone con ASD per cui la dimensione motoria migliora con percorsi specifici di apprendimento sportivo, ma a ciò si aggiunge che l’organizzazione dell’allenamento in attività di gruppo e individuali favorisce lo sviluppo delle competenze psicosociali. Il ridotto numero di giovani con disprassia richiede che i risultati dovranno essere documentati su una popolazione più ampia. Gli sviluppi futuri del progetto andranno verso una distinzione dei programmi di ricerca e di allenamento, con modelli specifici di intervento per le diverse diagnosi coinvolte.

Per sapere di più su Calcio Insieme:

Cei, A., Franceschi, P., Rosci, M., Sepio, D., e Ruscello, B. (2017). Motor and psychosocial development in children with autism spectrum disorder through soccer. International Journal of Sport Psychology, 48, 485-507.

Cei, A. e Luiselli, J. (a cura di) (2017). Sports, exercise and physical health among people with intellectual and developmental disabilities. International Journal of Sport Psychology, 48, 473-568, Special Issue.

Cei, A., Ruscello, B., e Sepio, D. (2019). Summer camp for children with ASD and parents perception of changes in psycho-social skills. International Journal of Sport Psychology, 50, 162.175.

Cei, A., Sepio, D., e Rosci, M. (in press). Sport, calcio e integrazione: L’esperienza dell’AS Roma con i bambini con disabilità intellettiva. Torgiano: Calzetti e Mariucci.

Ulteriori informazioni: www.accademiacalciointegrato.com

 

Calcio Insieme e Disprassia

Presentiamo il progetto “Calcio Insieme” al Congresso Nazionale sulla Disprassia.

Stephan El Shaarawy con i bambini di “Calcio Insieme”

 

 

 

Sport e disabilità

Lo sport e l’attività fisica  dovrebbero mostrare con più evidenza i benefici che ottenuti dalle persone con disabilità.

Le nuove indagini dimostrano il roll chiave svolto dallo sport nel coinvolgere le persone con disabilità ad assumere uno stile di vita più attivo.

Get Yourself Active

Webinar: La consulenza con atleti con disabilità

American Psychological Association, Sport Psychology Division organizza il primo FREE webinar del 2019.

Unisciti ai partecipanti il 19 marzo 5:00 PM – 6:00 PM CET per il  webinar su Consulting with Athletes with Disabilities! Tema attuale e importanti relatori.

Registrazione:

https://register.gotowebinar.com/REGISTER/4936894466465835522

Lo sport cambia la percezione personale e della comunità sulla disabilità

“Sport has the ability to change the perception

of the community about people with a disability

and, more importantly,

how people with a disability think and feel about themselves.”

Richard Nicholson, nine-time Paralimpic gold medallist

Risultati immagini per Richard Nicholson