Archive for the 'Libri' Category

Book Review: La nostra casa è in fiamme

La nostra casa è in fiamme

Greta Thunberg, Svante Thunberg, Beata Ernman e Malena Ernman

Milano, Mondadori, pp.233, 2019

 

“Risolvere la crisi climatica è la sfida più grande e complessa che l’Homo Sapiens abbia mai dovuto affrontare. La soluzione principale, tuttavia, è così semplice che persino un bambino è in grado di capirla. Dobbiamo bloccare le emissioni di gas serra.

O lo facciamo, o non lo facciamo.

Voi dite che nella vita non c’è solo il bianco e il nero.

Ma è una bugia. Una bugia molto pericolosa.

O evitiamo un aumento della temperatura di 1,5 gradi, oppure no.

O evitiamo di innescare una reazione a catena irreversibile che sfuggirà a qualsiasi controllo umano, oppure no.

O scegliamo di voler esistere ancora come civiltà, oppure no.

E questo è bianco o neo.

Non ci sono zone grigie quando si parla di sopravvivenza.

Dobbiamo compiere una scelta.

Possiamo avviare un’azione trasformatrice che salvaguardi le condizioni di vita delle generazioni future.

Oppure possiamo continuare a fare quello che abbiamo sempre fatto, e fallire.

La decisione spetta a voi, a me”(p.13-14).

Greta Thunberg ha parlato in questo modo ai grandi del mondo, a Davos nel gennaio 2019, convinta che “nessuno è troppo piccolo per fare la differenza”. Esprime con altrettanto chiarezza cosa si aspetta dagli adulti:

“Gli adulti continuano a dire: Dobbiamo dare speranza ai giovani.

Ma io non voglio la vostra speranza.

Non voglio che siate ottimisti.

Voglio che siate in preda al panico.

Voglio che proviate la paura che io provo ogni giorno.

E poi voglio che agiate.

Voglio che agiate come fareste in un’emergenza.

Voglio che agiate come se la nostra casa fosse in fiamme. Perché lo è” (p.15).

Il libro “La nostra casa è in fiamme” da cui questi brani sono presi è stato scritto dalla famiglia Thunberg, madre, padre e due figlie. Parla del dolore vissuto da questa famiglia, della scoperta dei disturbi gravi delle figlie e di come le vite di tutti abbiamo attraversato lunghi periodi di difficoltà a vivere la vita quotidiana e a trovare modi per affrontarli con azioni il cui l’effetto positivo non era certo. E’ un libro che parla nello stesso tempo di amore per la vita e di dolore e talvolta anche di rassegnazione di fronte alla continua frustrazione di trovare soluzioni accettabili per risolvere i problemi legati all’alimentazione, alla perdita costante di peso, al mutismo e alla disperazione che emergono da una quotidianità per tutti psicologicamente devastante. La scrittura è stata per la famiglia un aiuto, non avrebbero dovuto scriverlo, afferma la mamma, scrivere di quanto sono stati da schifo così come il pianeta è da schifo, però sono stati costretti a raccontare la loro vita: “Ed è ora che tutti noi cominciamo a parlare di come stiamo. Dobbiamo iniziare a dire come stanno le cose” (p.97).

Nel libro ci viene spesso ricordato che abbiamo separato la cultura dalla natura, mettendo al primo posto l’apparenza; dall’uso smodato dell’aria condizionata, alle centinaia di negozi nei centri commerciali alla distruzione dei mari, delle foreste e dei ghiacciai.

E’ un atto di accusa contro noi, adulti, che abbiamo creato una società in cui chi pensa in modo differente non trova spazio per cambiare questa mentalità distruttiva. “O vengono bullizzati o si chiudono in casa. Oppure devono andare come me in scuole speciali dove non ci sono insegnanti” (p.162).

Lo “sciopero della scuola per il clima” di una solitaria e giovanissima studentessa davanti al parlamento svedese è diventato un messaggio globale che ha coinvolto in tutta Europa centinaia di migliaia di ragazzi che seguono il suo esempio in occasione dei #Fridaysforfuture. E’ il modo per attivare i media e coloro che possono influenzare le politiche globali a prendere finalmente sul serio questo tema, che è il problema della nostra civiltà e dalla cui soluzione dipenderà il futuro della terra.

Greta ha dato inizio a una rivoluzione che sembra diffondersi sempre più tra i giovani, una battaglia da combattere per ridare un futuro alle nuove generazioni che viene sottratto al ritmo di 100 milioni di barili di petrolio consumati ogni giorno. Quello di Greta è il grido di aiuto dei giovani che vogliono convincerci a fare qualcosa per salvare il pianeta prima del raggiungimento del punto di non ritorno.

Le plusvalenze finte della Serie A possono determinare il fallimento di molte squadre

Molte squadre di serie A contabilizzano delle plusvalenza, alcune fittizie, per tenersi a galla e non far figurare il rosso nel bilancio. Il calcio italiano (dati al 30 giugno del 2018)  è in rosso “solo” di 65 milioni, meglio dei 315 milioni persi in media ogni anno dal 2010. I numeri però sono in parte “truccati”. A tenere a galla la Pallone Spa non sono i biglietti venduti, gli assegni degli sponsor o i diritti tv ma i guadagni garantiti dalla compravendita di giocatori: una girandola di scambi – talvolta a prezzi fuori da ogni logica di mercato – che ha regalato ai 20 club di Serie A 724 milioni di entrate extra (il doppio del 2016). Un tesoretto che vale ormai quasi un terzo dei ricavi del pianeta calcio.
Dietro questa pioggia d’oro c’è un po’ di tutto: molte plusvalenze sono figlie di investimenti azzeccati. Basta pensare ai 15 milioni incassati dalla Sampdoria cedendo Milan Skriniar all’Inter o i 17 guadagnati dalla Roma girando Emerson Palmieri al Chelsea. Alcune invece sono delle vere operazioni fatte modificare il bilancio; queste operazioni vedono calciatori della Primavera venduti a prezzi super. Un gioco delle tre tavolette buono per far tornare i conti di fine anno (chi incassa contabilizza subito i guadagni, chi paga spalma la spesa su più anni di bilancio) ma che rischia di trasformarsi in uno tsunami finanziario per un campionato dove gli stipendi dei calciatori si mangiano da soli il 68% delle entrate reali e i debiti sono oltre 3 miliardi”.

Sono sempre accadute situazioni di questo tipo in cui si creano finti profitti per mantenere attivi i bilanci e ciò che appare non è vero.

A questo riguardo, ad esempio, “… già nel XVIII secolo la moltiplicazione delle società e il rapido aumento del capitale sottoscritto diedero luogo a gravi inconvenienti che provocarono misure legislative da parte del Parlamento inglese intese a limitarne gli abusi. A questa decisione si era giunti in seguito alla truffa perpetrata dalla Compagnia del Mare del Sud fondata nel 1711 da Robert Harley e John Blunt. La storia ha inizio quando  a questa società venne affidato il monopolio per tutti i commerci con il Sud America, mentre in cambio questa Compagnia avrebbe dovuto assumersi parte dei debiti che l’Inghilterra aveva contratto durante la guerra di successione per la corona di spagnola. La Compagnia del Mare del Sud si configurava in termini di organizzazione finanziaria che tramite il commercio delle risorse minerarie e di schiavi avrebbe attratto numerosi investitori. In realtà, quei territori erano detenuti dalla Spagna,  che aveva permesso all’Inghilterra un solo viaggio l’anno in cambio di una quota parte dei profitti.  Ciò nonostante, le continue voci che fiorivano a Londra sull’apertura in Sud America di nuove rotte commerciali, di nuovi porti e di navi che avrebbero portato oro e argento sollecitarono ugualmente l’ingordigia degli investitori. Purtroppo, nel 1718 la Spagna e l’Inghilterra  entrarono nuovamente in guerra  e gli attesi guadagni non si poterono concretizzare a causa di questo evento. Ciò però non impedì agli speculatori di presentare ai loro probabili clienti gli incredibili guadagni che avrebbero avuto al termine del conflitto. A presunta conferma della sua buona salute, nel 1719 la Compagnia propose di assumersi tutto il debito pubblico del governo inglese e l’anno successivo il Parlamento glielo accordò. Questi fatti fecero accorrere numerosi investitori che comprarono le azioni, facendone così incrementare di molto il valore e questo avvenne sino alla primavera del 1720. Nello stesso periodo, in virtù del successo ottenuto dalla Compagnia del Mare del Sud nell’attrarre capitali, altre Compagnie sorsero per magnificare i favolosi proventi che si avrebbero avuto dallo sviluppo del traffico con il Nuovo Mondo, nel commercio del pesce piuttosto che in quello del legno. Le azioni emesse passarono da un valore di 175 sterline a febbraio, a quello di 380 in marzo, a 520 in maggio sino a raggiungere il picco massimo di 1000 sterline alla fine di giugno…ma a settembre piombarono a 135 sterline. A questo punto le ricchezze di molti erano state dilapidate sino a scomparire, poiché i guadagni promessi erano rimasti tali sulla carta”.

Focused under pressure in tennis

Risultati immagini per concentrazione nel tennis

Book review: Running flow

Running flow

Mihaly Csikszentmihalyi, Philip Latter and Christine Weinkauff Duranso

Human Kinetics

2017, pp.189

As long distance runner I know very well the difficulties to maintain the focus on my run, refreshing in the same time the kind of mood which represents the positive background where to design the pleasure to run also when I am mentally and physically tired. So I learned that what happens in those is what Mihaly Csikszentmihalyi has called mental flow, the running flow.

For these reasons, I have been immediately captured by this book, Running flow, written by him with fellow psychologist Christine Weinkauff and running journalist and coach Philip Latter. It’s the first book devoted to this state of mind for runners, to learn how to reach and coach this mind condition and most important how to maintain it during the worst moments. Till some years ago, the flow experiences was studied only in the top level performances and it were described as something which happens spontaneously and difficult to replicate in a voluntary manner. Now we know, that it is something we can train through specific exercises not only to improve our performance but also, and maybe more important, to live more enjoyable experiences through the running.

“Flow refers to an optimal experience during which the mind and body work together while honed on a task. Flow is often associated with peak performance” (p.16). I remember when running 100km Ultramarathon “Il Passatore” I reached the 79°km and in that moment I started to think: “Ok; focus on the light of  your lamp in the road, and run till the end.”  I have had only this unique thought for the next 21km. For me this has been my flow experience. This is what it’s written in the book when the authors talk about the 9 components of flow (clear goals, challenge-skills balance, unambiguous feedback, focused attention, merging of action and awareness, sense of control, loss of self-consciousness, distortion of time and intrinsic motivation). The first four dimensions represent the flow antecedents and the other six the outcomes of the flow process.

In the book, it’s well explained that the flow state it comes out when the athletes live a condition of optimal self-control associated to an efficient arousal level.

Csikszentmihalyi and his colleagues describe five ways through which one athlete is able to cultivate one’s self into an autotelic person: set goals with a clear and immediate feedback, become immersed in the particular activity, be focused to what is happening in the here and now, learn to enjoy immediate experience and proportion one’s skills to the challenge at hand.

In my opinion the strength of this book is evidently to be applied to one specific sport (long distance running) but the stories of the athletes and the practical information the runners can find to improve their focus and running with this state of mind are absolutely important.

Mindfulness can reduce the burnout

Chunxiao Li et al., (2019).Mindfulness and Athlete Burnout: A Systematic Review and Meta-Analysis. Int. J. Environ. Res. Public Health 2019, 16(3), 449.

This review aims to identify, appraise, and synthesize studies reporting the relationship between mindfulness and athlete burnout and the effects of mindfulness-based interventions (MBIs) on athlete burnout. few variables may account for the relationship between mindfulness and athlete burnout.

Gustafsson et al. (2015) found that mindfulness had an indirect effect on athlete burnout through negative/positive affect. As negative affect has been viewed as an indicator of burnout susceptibility (Lemyre et al. 2006), mindfulness is likely to prevent burnout through adjusting athletes’ affect. Zhang and colleagues (2016) proposed another possible mechanism. They claimed that athletes with high levels of mindfulness tend to have low levels of experiential avoidance (i.e., willingness to avoid negative experience because of the distress brought on by the experience, which may in turn minimize the maladaptive influences of stressors and other negative factors on burnout.

Book review: Handbook of Embodied Cognition and Sport Psychology

Risultati immagini per Handbook of Embodied Cognition and Sport Psychology

Handbook of Embodied Cognition and Sport Psychology

Massimiliano Cappuccio (Ed.)

Cambridge, MIT Press

2019, 26 chapters, 740 pages

 

Although sport is played with the body, it is won in the mind.

(Aidan Moran, Sport and Exercise Psychology, 2004)

From the Introduction (Massimiliano Cappuccio)

Today, to clarify the mission and the scope of sport psychology requires understanding the deep intertwinement of “body” and “mind” within the framework of cognitive science and cognitive philosophy. That is one of the reasons a joint venture between sport psychologists and cognitive scientists—including, importantly, cognitive philosophers—is a must.

This volume is composed of seven sections. With the help of multidisciplinary teams of researchers, each section explores a particular area of thematic interest situated at the intersection of embodied cognitive science and sport psychology.

Section 1 presents the key notions and concepts necessary to lay the theoretical foundation of our interdisciplinary discourse. The very meaning of embodied cognition, and the reasons that make it relevant to the theory and practice of sport psychology, are introduced and discussed.

Section 2 tackles one of the issues that most seriously concerns athletic performance: the nature of embodied skill, its cognitive preconditions, and the factors that disrupt it. A correct understanding of the roles played by attention, self-awareness, and conscious- ness is key to developing a consistent theoretical account of both sport performance in optimal conditions and its failure in pressure-filled environments (the so-called choking effect).

Section 3 talks about the role of sport pedagogy inspired by the embodied theory, how cognitive enhancement is facilitated when accompanied by an appropriate regime of physical exercise and training.

Chapter 11 investigates an issue that is hotly debated by scientists and various categories of people working in the sport business: What is talent, and how can it be identified? Is it an inherited gift or the result of long and hard training? According to the authors philosopher Mirko Farina and sport psychologist Alberto Cei, the answer suggested by embodied cognition is articulated and complex: appropriate practice and intense experience during optimal periods of development, characterized by higher rates of neuroplasticity, can express and maximize the innate potential if accompanied by environments conducive to learning and well-designed training methods.

Section 4 is dedicated to the intersubjective and social dimension of sport skills, with a particular emphasis on team sports and other competitive athletic disciplines.

Section 5 discusses the best research methods in the social sciences for developing the sociological, anthropological, and cultural side of sport practices.

Section 6 deepens the theoretical background: according to the ecological approach to perception, objects are not just neutral sources of visual information, but “invite” the actions allowed by their shapes and their intrinsic possibilities of manipulation.

Section 7 inquires about the source of the mind’s predictive capabilities. This inquiry, central for both the tradition of philosophical psychology and the future of embodied cognition, is particularly debated now that predictive processing theory promises to unify the understanding of various mental functions (perception, imagination, memory, inference) under the same general Bayesian mechanics: the brain’s fundamental goal is to reduce the mismatch between sensory input and the corresponding predictions generated by feedforward systems.

 

 

 

 

 

 

 

Book review: Promoting Active Lifestyles in Schools

Promoting Active Lifestyles in Schools

Jo Harris e Lorraine Cale

Human Kinetics 

2018, 128 pages

Promoting physical activity and consequently an active lifestyle has become in recent years an increasingly important topic to talk about, whereas instead we seem to be driven to lead an increasingly sedentary life. It then becomes essential to talk about movement when it is related to children and in a broader sense with young people: we know too well which and the negative results of the lack of physical activity, from the likely increase in weight to limitations in self-knowledge and to interactions with other peers.

I’m happy when books dedicated to this theme are published. At this regard, the book by Jo Harris and Lorraine Cale, entitled Promoting Active Lifestyles in Schools, is a stimulus for everyone, not only for teachers of physical education but also for parents and school managers or sports organizations, to ask what and how we can do more and better to promote a mentality in young people aimed at finding movement as a form of well-being, fun, play, collaboration but also challenge with themselves and their own peers.

It is a very well-articulated book. In the first part are presented topics about how to promote an active lifestyle in UK schools with activities promoting health, movement and fitness in the age group of infancy and adolescence. Particular attention is paid to the role of the school in promoting this approach to the movement and the contribution that physical education provides to the promotion of personal well-being is also outlined.

The other two parts of the book underline the monitoring modalities that should be carried out by the school relating to the three areas of health, physical activity and physical fitness. Furthermore, the third part highlights the learning of young people in the area of ​​health enhancing an active lifestyle. The learning of the young is strictly related to their age. The group age start from the age of 5-7 years going ahead with periods of two/three years up to 15-16 years.

The book is aimed at school teachers but it is certainly a useful reading for all those interested in promoting a physically active lifestyle among young people.

Some books suggested to start to know the sport and performance psychology

During the webinar I did for the register of the psychology of Lombardia Region, Italy, the colleagues asked what to read in relation to the sport and performance psychology. At that moment I suggested this reading.

R.S. Weinberg e D. Gould, Foundations of sport and exercise psychology, 2015, 6° edizione

For me it’s the best first book to read in this discipline.

A. Higham, C. Harwood e A. Cale, Momentum in soccer, 2005, Coachwise Ltd

Its’ an introduction to the soccer psychology focused on the momentum concept and the psychological skills to play.

C. Harwwod e E. Anderson, Coaching psychological skills in youth football

Its’ an applied book to introduce the psychology to the development of the skills requested in youth soccer and used by the coaches during the coaching sessions.

P.C. Terry et al., (a cura di), Secrets of Asian sport psychology, University of Souther Queensland

Each chapter of this book is dedicated to one sport practiced at top level in in one Asia country and how the experts in mental coaching have developed their programs with this athletes. It’s a free e-book:

E’ un libro in cui ogni capitolo (sono più di 20) è dedicato a uno specifico sport di una nazione dell’Asia e come gli esperti di mental coaching lo affrontano con gli atleti top level di quella nazione. E’ un ebook che si può scaricare gratuitamente da:

A. Duckworth, Grit, 2017, Penguin Random House

Book dedicated to the grit concept, so relevant to have success. Excellent book, very clear and well documented.

Book review: Francesco Panetta – Io corro da solo

Io corro da solo

Francesco Panetta

Gemini Grafica Editrice, 2017

«Molti libri sono stati scritti intorno all’atletica e alla corsa e soprattutto al mondo della corsa lunga. Lo faccio anch’io, evitando però di dare consigli a chi ama la disciplina. Ho realizzato questa pubblicazione con un’impronta diversa. Racconto delle mie esperienze, iniziando da quando ragazzino correvo con i miei amici in Calabria: il primo paio di scarpe da “tennis”, la prima corsa, l’arrivo a Milano. In queste 150 pagine non ci sono né tempi, né allenamenti, ma storie: la Pro Patria, i sogni, le mie opinioni sull’atletica e, nel trentesimo anniversario del mio successo Mondiale nelle siepi a Roma, un lungo capitolo dedicato a quella che è stata la mia grande impresa, senza tralasciare l’Europeo vinto tre anni dopo a Spalato nella stessa distanza».

Riporto le caratteristiche psicologico di Panetta che emergono dall’intervista raccolta da Roberta Orsenigo.

Lottare ”Era una mia caratteristica. Per me significava esprimere la mia forza fisica e mentale, non certo per spaventare gli altri. Io salivo sul ring e stabilivo la mia legge”.

Avventura ”Correre contro un avversario è come praticare la pesca d’altura, tu non sai quanto è grosso il pesce che hai all’amo, ma nemmeno lui sa quanto grosso e cazzuto sei tu. Vince spesso il più astuto, non il più forte”.

Motivazione interiore ”Ho sempre corso per me stesso, un viaggio durato quasi vent’anni. E’ uno sport individuale, la mente non la spegni mai. Devi avere la presunzione di essere sempre il migliore, la convinzione di essere il più forte”.

Allenatore eccellente ”Giorgio Rondelli sapeva come correvano i miei avversari, era sempre in campo con me, mi motivava. Il tecnico non deve solo preparare le tabelle, ma deve essere una presenza costante nella vita di un atleta”.

Fisico e Testa ”Si diventa campioni con il fisico, la testa e grazie alle persone che ti consigliano. Il talento non basta. E’ come studiare sempre”.

Sfidarsi ”Ogni volta che stabilivo un personale, Rondelli mi faceva competere con i meno bravi. Mi diceva: solo quando riuscirai a tener a bada i più lenti, allora potrai confrontarti con i migliori. Allenarsi significa imparare a fare le cose che non sai fare”.

Passione ”Perché correvo? Correvo perché mi piaceva andare forte, migliorarmi. Se potessi tornare indietro, però, non vorrei ritrovarmi sul rettilineo della pista di Roma, ma in quel paesino finlandese dove ho passato ore ad allenarmi. Oppure a Nova Milanese, quando correvo dietro la bicicletta del mio allenatore”.

The emotion management during the Olympic Games

2018 Winter Olympics begin and many athletes to achieve their dream will find themselves in the position of having to provide the performance which is worth a life. The Olympic Games are the most important event for each athlete, it’s the competition that can change their sports career, much more than a world championship. it’s true for those who have already won and would like to repeat and for those athletes who are for the first time in the leading role. In fact, despite the doping scandals, winning a medal in the Olympics is still the dream of every athlete and for those who have a realistic chance of success is really all they don’t dared to think, for fear the desire  take place.

In these last days, the athletes have to handle their panic, they can swing by the peaks of confidence in their abilities, supported by the results obtained, with moments of sheer terror in which negative scenarios seem to take over. More rare that these emotions leaping those athletes who cannot aspire to the Olympic podium, who aspire to a good performance, which are already satisfied to compete during the world’s biggest sport event.

For others, those who compete for a medal, those at the top of the world ranking, the wait can be exhausting. They have to know how to handle this waiting phase, accepting this emotional background noise in all its shades, reducing the destructive emotions with constructive moods and thoughts. The race with themselves doesn’t begin just before the start moment, it has already begun in these days. Because the before determines the after, as you face the days immediately preceding determines how you will get to race day.

I often asked the athletes which the mental part of their warmup. For many consists to mentally repeat their performance or use key words, chosen by them, to reach a level of optimal emotional activation. This mental work determines a mixture of emotions, physical sensations and thoughts, used to be focused only on their performance. In this way, they lead themselves to the moments preceding the start, inside their mental bubble, totally caught up in what they’re doing; then they start and everything happens, or should happen, in a way apparently spontaneous.