Archivio per il tag 'adulti'

“Too Small to Fail” molto utile per genitori e adulti

Segui Too Small to Fail molto utile per genitori e adulti

Focusing. Creating. Cooperating. Communicating. These are all important skills children learn when we play with them! Through play, children learn how to problem solve, work together, explore physical movements, overcome challenges, and much more. Play helps children develop critical social-emotional and language skills that will help prepare them for success in school and in life.

As children’s first and best playmates, parents and caregivers play a powerful role in nurturing these skills from birth. Here are a few tips on how you can encourage learning through play:

  • Make the most of your time playing with your child. From they day they are born, children learn through the everyday moments they share with their parents and caregivers. Check out these helpful tips from ZERO TO THREE.

Keep a box of everyday objects like plastic bottles, empty containers or old clothes for dress up. These are great items to help children spark their imagination. Through creative play, children explore the world in their own way, which is important for learning and development. Check out Raising Children Network for fun creative play activities.

 

Molti adulti non svolgono il loro ruolo di educatori

In questo mese ho lavorato con le ragazze e i ragazzi che hanno partecipato il Corso di formazione per diventare futuri dirigenti dello sport, finanziato dalla Regione Lazio.

E’ stata un’esperienza per me significativa perchè mi ha confermato che i giovani vogliono impegnarsi e s’impegnano ma che hanno difficoltà a realizzare ciò che vogliono anche perchè sono lasciati soli senza una guida. Gli adulti, siano essi i genitori o gli insegnanti dell’Università, gli dicono “Fai” ma non gli spiegano come potere fare bene in modo efficace e efficiente. Ci si potrebbe chiedere come mai non l’hanno ancora imparato, ma la risposta non cambia. Anche tornando indietro agli anni dell’adolescenza si trovano genitori e insegnanti che non aiutano a sufficienza a capire come fare per migliorare e qual è il processo che permette di andare avanti senza sprecare tempo. Oltre le difficoltà economiche che certamente viviamo in questi anni, a questi giovani adulti ne sono state aggiunte altre che dipendono esclusivamente dal contesto sociale e famigliare in cui sono cresciuti. I genitori gli hanno dato apparentemente tutto: una casa e i soldi per le loro spese. Ma questo non basta, sono aiuti necessari ma non servono a imparare come bisogna studiare o perchè va bene sbagliare ma poi bisogna subito riprendere il proprio percorso o ancora perchè la tecnologia (cellulare, facebook, playstation) va bene ma non deve sottrarre tempo e energie al lavoro. Non si può aspettare che imparino tutto questo da soli, perchè poi passano gli anni senza sapere che si sta perdendo il proprio tempo. Secondo me in molti casi non vi è questa educazione mentale per mancanza di assunzione di responsabilità degli adulti, che si accontentano di soddisfare solo i bisogni di base della vita sociale ma rinunciano al ruolo di educatori.

Il codice etico che genitori e allenatori devono seguire

Inizia un nuovo sportivo anche per tutti i bambini iscritti alle scuole di calcio (sono 7000), tennis, pallavolo, nuoto e così via. Mi auguro che sia un anno felice di gioco e di apprendimento per tutti, in cui imparino che lo sport è lealtà, impegno, divertimento, collaborazione  e rispetto. I bambini acquisiscono subito questi concetti e i comportamenti che ne conseguono. Devono però avere intorno a loro allenatori e genitori che agiscono per soddisfare queste esigenze. Alcuni suggerimenti per questi adulti:

  1. Incoraggerò la sportività sostenendo tutti i ragazzi e ragazze, nonchè gli allenatori, i genitori e i giudici di gara.
  2. Il mio primo obiettivo è il benessere fisico e emotivo dei ragazzi e ragazze.
  3. L’allenamento deve soddisfare i giovani e non gli adulti.
  4. Insegnerò ai ragazzi e ragazze a rispettare gli avversari e i giudici di gara.
  5. Indipendentemente dal livello di abilità tutti/e dovranno divertirsi.
  6. Contrasterò con decisione ogni comportamento offensivo da parte di altri adulti.

 

 

Scandalo nel calcio: “solo 1 su 30.000 diventa truffatore”

Potrebbe essere questo in un domani non lontano lo scandalo del calcio. Tutti quei bambini s’impegnano ma solo 1 su 30.000 sarà baciato dalla fortuna e diventerà un truffatore. Infatti, anche se le scuole calcio si stanno impegnando a insegnare già a 5 anni di età a cadere simulando un fallo, a aggredire l’arbitro con parolacce, a prendere di mira le caviglie degli avversari e nonostante lo zelo educativo dei genitori che rimproverano i figli che non seguono queste direttive, nonostante tutto ciò e poi … i soldi, i soldi facili guadagnati già da adolescenti e l’impegno di tutti, amici e parenti, a premere perchè non studino e lascino la scuola, nonostante tutto questo moltissimi giovani si ribellano a queste giuste idee degli adulti. Per fortuna nonostante ciò qualcuno ce la fa a diventare un truffatore e a associarsi con altri malavitosi e a rovinare il calcio.

Ancora su attività fisica per adulti

Voglio ritornare su questa tema per riportare quanto l’Organizzazione mondiale della sanità suggerisce che sia utile per tutti gli adulti, compresi ovviamente anche coloro che hanno superato i 65 anni. Queste indicazioni sono interessanti poichè mettono in evidenza come l’attività fisica debba fare parte della vita quotidiana delle persone,  altrimenti non sarà possibile fare fronte al numero di ore che è necessario portare a termine settimanalmente.
L’attività fisica per gli aduti comprende, ad esempio, attività quali sono il camminare, il ballo, il giardinaggio, il trekking, il nuoto e altre ancora. Per ottenere un effetto cardiocircolatorio positivo, mantenere una buona forma muscolare e la salute delle ossa, nonchè ridurre i rischi di depressione è necessario svolgere almeno 150 minuti di attività aerobica a intensità media durante ogni settimana. Inoltre, ulteriori benefici si otterranno aggiungendo altri 150 muniti nelle stesse condizioni o attraverso 75 minuti di attività a livello intenso.