Archivio per la categoria 'Allenatori'

Pagina 2 di 63

LeBron James: i proprietari squadre NFL hanno una “mentalità da schiavisti”

In the NFL they got a bunch of old white men owning teams and they got that slave mentality,” James said. “And it’s like, ‘This is my team. You do what the f— I tell y’all to do. Or we get rid of y’all.’ ”

“I’m so appreciative in our league of our commissioner [Adam Silver], … He doesn’t mind us having … a real feeling and to be able to express that. It doesn’t even matter if Adam agrees with what we are saying, he at least wants to hear us out. As long as we are doing it in a very educational, non-violent way, then he’s absolutely okay with it.”

“I am very educated about what I believe in and I’m not doing it in a violent way,” James said. “I’m not knocking on your door saying, ‘Listen, I’m kneeling today and if you don’t kneel with me, I’ll knock you the f– out.’ But you know people go crazy when things are done outside the box. People don’t know how to react.”

#Atleti top #Natale > probabilità di ammalarsi

English Institute of Sport (EIS)  ha distribuito agli atleti del Work Class Programme un pacco contenente informazioni sulla salute e e prodotti per la prevenzione per aiutarli a combattere i germi invernali e a rimanere sani durante il periodo delle feste.

Secondo un’indagine condotta da EIS gli atleti di elite hanno quattro di più la possibilità di ammalarsi durante il periodo delle feste. Ciò sarebbe dovuto al break  dagli allenamenti che determinerebbe un leggero rilassamento nella loro dieta, all’igiene delle mani e alla routine dell’allenamento,  determinati da un aumento degli eventi sociali e all’esposizione ai germi. Queste situazioni potrebbero influire negativamente sugli’allenamenti di gennaio.

Anita Biswas, il medico che ha guidato il progetto ha detto ” Per gli atleti è importante rilassarsi durante le vacanze ma in passato abbiamo visto che molti atleti che si sono ammalati in questo periodo o che sono tornati ancora ammalati”.

 

Vi auguro Buon Natale

Immagine correlata

BUON  NATALE

RICORDIAMOCI:

UNA COSA FATTA BENE,

PUO’ ESSERE FATTA MEGLIO

La rete di Milik: respirare, guardare e tirare

La rete di Milik contro il Cagliari al 90° minuto è un perfetto esempio di focus sul presente. Il giocatore infatti respira per decontrarsi fisicamente e guarda la porta per raggiungere il picco dell’attenzione, e dopo pochi istanti esegue il tiro con estrema efficacia. Con questo tiro il Napoli ha vinto la partita.

Risultati immagini per milik gol

I numeri della rovina del calcio italiano

I numeri della rovina del calcio italiano:

  • 443 calciatori hanno concluso nel 2017/18 attività nelle squadre giovanili
  • 292 giocano fuori quota in Primavera e Serie D
  • 129 sono professionisti in Italia
  • 20 sono all’estero
  • 10 sono nelle rose della Serie A
  • 16 i calciatori – di 21 anni esordienti in Serie A 2018/19
  • 12 sono stranieri
  • 4 gli italiani (Zaniolo e L. Pellegrini, Roma. Matarese, Frosinone. Sottil, Fiorentina)
  • 9 su 24 le partite vinte (10 perse) dalle squadre italiane nella Youth League

10 regole di successo di Bob Rotella

The things a golf player must do in a competitive round:

  1. Play to play great. Don’t play not to play poorly
  2. Love the challenge of the day, whatever it may be
  3. Get out of results and get into process
  4. Know that nothing will bother or upset you in the golf course, and you will be in great state mind for every shot.
  5. Playing with a feeling that the outcome doesn’t matter is always preferable to caring too much.
  6. Believe fully in yourself so you can play freely
  7. See where you want the ball to go before every shot
  8. Be decisive, committed and clear
  9. Be your own best friend
  10. Love your wedge and your putter
Immagine correlata

L’auto-spiegazione è un’importante tecnica di apprendimento

Una rassegna degli studi sul valore dell’auto-spiegazione che gli studenti si danno in relazione al contenuto del loro studio e al processo di apprendimento ne mette in evidenza. Questo studio è particolarmente significativo per la numerosità delle ricerche analizzate (64) e per il quantità di giovani coinvolti (6.000).

Questo studio nasce dall’osservazione che spesso gli studenti imparano senza comprendere le relazioni che uniscono i vari stadi dell’apprendimento di una determinato argomento e di conseguenza non sono così competenti a a trasferire di un compito a condizioni differenti. Nello sport, significa non riuscire a eseguire un fondamentale tecnico in situazioni di gioco o durante le gare. Saprebbero eseguire il compito ma gli manca il legame con una situazione diversa da quella in cui hanno imparato. Oppure non sono in grado di comprendere che quel problema è un sotto-obiettivo di un problema globale.

Non sono quindi competenti nello sviluppare un ragionamento basato sull’anticipazione di quanto sta succedendo sul campo, inquadrando la soluzione in un sistema più globale. Nel tennis, potrebbe riguardare la gestione di un punto (aspetto globale) partendo dal colpo che si sta per effettuare (sotto-obiettivo).

Bisogna insegnare ai giovani a fornirsi delle auto-spiegazione attraverso

Bisra, K., Liu, Q., Nesbit, J.C., Salimi, F., e Winne, P.H. (2018). Inducing self-explanation: A meta-analysis. Educational Psychology Review, 30, 703-725.

 

 

#Autismo #Roma #Calcio

“La Roma adesso ha una squadra speciale. Non quella di Dzeko e Di Francesco, ma composta da un piccolo esercito di bambini a cui giocare fa bene davvero. Si chiama “Calcio insieme” il progetto che Roma Cares, la fondazione benefica del club giallorosso, ha intrapreso con l’associazione sportiva dilettantistica Accademia Calcio Integrato. E che, alla fine del primo triennio, ha già raddoppiato i bambini tra i 6 e i 16 anni con disabilità di vari livelli iscritti al programma che intende veicolare un modello di calcio a loro adeguato: erano trenta nel 2015, quando l’idea divenne concreta grazie al lavoro di persone come Alberto Cei, psicologo dello sport e responsabile scientifico di “Calcio insieme”, oggi sono sessanta a partecipare”.

"Calcio insieme" a ragazzi con sindrome dello spettro autistico: la AS Roma scende in campo

Come il ritiro può cambiare la Lazio

ESCLUSIVA -

Psicologia applicata al calcio, il prof. Cei: “Vi spiego come il ritiro può cambiare la Lazio”

Risultati immagini per lazio calcio ritiro

Attività fisica, età e funzioni fisiologiche

Stephen D. R. Harridge and Norman R. Lazarus, Physiology, 32: 152–161, 2017.

At the anatomical level, muscle loss in older people is associated with atrophy of fast-contracting, type II muscle fibers. Indeed, it has been suggested that type II fiber atrophy might completely explain the loss of muscle bulk in later life. However, a prevailing view is that skeletal muscle loss also relates to a loss of muscle fibers secondary to a loss of motor units. Partial re-innervation of abandoned fibers is believed to occur, resulting in an increased size of remaining motor units, with knock-on effects for fine motor control. This hypothesis is supported with histological evidence of fiber-type grouping and through electromyo- graphic estimates of motor unit number.

Whereas evidence of streaming of Z line and rod formation, and angulated fibers further point to dysregulation of skeletal muscle in later life (81). Studies of mas- ter athletes paint a very different picture (as illustrated in FIGURE 3), which once more challenges the assertion that these changes can be explained by an inherent aging process and are inevitable consequences of getting older.

Figure 3. MRIs taken across the mid region of the thigh. Images taken across the mid region of the thigh, showing a sarcopenic muscle (middle) from a sedentary individual with reduced contractile mass, more subcutaneous fat, and infiltration of fat and connective tissue. By contrast, the muscles of a similarly aged master triathlete (bottom) shows little difference to that of a younger athlete (top)